Il segretario alla salute chiede al Congresso e agli stati di fare di più per aiutare a contenere l’epidemia di vaiolo delle scimmie

La gente aspetta in fila per il vaccino contro il vaiolo delle scimmie al Balboa Sports Center nel quartiere Encino di Los Angeles, California, il 27 luglio 2022.

Robyn Beck | AFP | Getty Images

Giovedì il segretario alla salute degli Stati Uniti ha affermato che il governo federale ha bisogno del Congresso per porre fine alla crescente epidemia di vaiolo delle scimmie e che gli stati, le città e le comunità devono fare di più a livello locale per prevenire la diffusione del virus.

Il segretario alla salute e ai servizi umani Xavier Becerra ha detto ai giornalisti durante una chiamata che il governo federale ha fatto tutto il possibile per stare al passo con l’epidemia, ma non controlla la risposta della salute pubblica a livello statale.

“Non controlliamo la salute pubblica nei 50 stati, nei territori e nelle giurisdizioni tribali. Facciamo affidamento sulla nostra partnership per lavorare con loro. Hanno bisogno di lavorare con noi”, ha detto Becerra durante una telefonata con i giornalisti giovedì .

Becerra ha detto che HHS ha detto al Congresso di quali risorse il dipartimento ha bisogno per porre fine all’epidemia, ma spetta ai legislatori agire.

“Abbiamo comunicato al Congresso quello che riteniamo sarebbe un buon percorso in avanti sul vaiolo delle scimmie, cosa ci vorrebbe in termini di risorse e autorità per essere in grado di andare avanti e stare al passo con il vaiolo delle scimmie e porre fine a questo focolaio”, ha affermato il segretario alla salute .

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, gli Stati Uniti hanno segnalato 4.639 casi di vaiolo delle scimmie in 46 stati, Washington DC e Porto Rico. I focolai più grandi si verificano a New York, California, Illinois, Florida, Georgia e Texas. Gli Stati Uniti hanno confermato più casi di vaiolo delle scimmie di qualsiasi altro paese al mondo in questo momento.

La risposta dell’amministrazione Biden all’epidemia è stata esaminata dal Congresso con l’aumento delle infezioni. La Camera dei Democratici ha chiesto all’amministrazione di dichiarare un’emergenza sanitaria pubblica in risposta all’epidemia, secondo una lettera al presidente Joe Biden la scorsa settimana. Becerra ha indicato che sta valutando una dichiarazione di emergenza sanitaria mentre HHS monitora la risposta all’epidemia in tutto il paese.

Il presidente della commissione sanitaria del Senato Patty Murray, in una lettera a Becerra, ha affermato di essere preoccupata per il fatto che gli operatori sanitari e i pazienti non abbiano le risorse di cui hanno bisogno per rispondere all’epidemia. Ma giovedì Becerra ha affermato che è necessario fare di più per prevenire la trasmissione del virus a livello locale attraverso il coinvolgimento delle comunità a più alto rischio: uomini che fanno sesso con uomini.

“Tutte le comunità che potrebbero essere colpite, comprese quelle più a rischio, hanno tutte le ragioni per capire il vaiolo delle scimmie e fare tutto il possibile per stare al passo”, ha detto Becerra. “E quindi è la prevenzione, è il trattamento, è l’educazione e la sua sensibilizzazione”, ha detto.

Il CDC raccomanda alle persone di evitare il contatto pelle a pelle con chiunque abbia un’eruzione cutanea che assomigli al vaiolo delle scimmie, tra le altre misure. Le persone con vaiolo delle scimmie dovrebbero isolarsi a casa e considerare di evitare il sesso per tutta la durata della malattia, secondo il CDC. Per le persone che decidono di fare sesso con un partner che ha il vaiolo delle scimmie, il CDC ha emesso una guida per ridurre il rischio di infezione.

Il governo degli Stati Uniti ha fornito più di 330.000 dosi del vaccino contro il vaiolo delle scimmie, chiamato Jynneos, da maggio. Il Dipartimento della salute e dei servizi umani rilascerà altre 786.000 dosi del vaccino. Il dipartimento sanitario statale e locale può iniziare a ordinare quei colpi domani.

Il direttore del CDC Rochelle Walensky ha riconosciuto all’inizio di questo mese che la domanda di vaccini stava superando l’offerta, portando a lunghe file nelle cliniche e proteste in alcune città. Becerra ha affermato che gli Stati Uniti ora hanno a disposizione un vaccino più che sufficiente per soddisfare la domanda.

“Abbiamo reso disponibili vaccini e trattamenti ben oltre i numeri attualmente necessari a tutte le giurisdizioni che gestiscono i propri sistemi sanitari pubblici e sono quelli che lavorano con i medici per rendere disponibili tutti e tre i test, i trattamenti e i vaccini, ” ha detto il segretario alla salute.

Salute e scienza della CNBC

Leggi l’ultima copertura sanitaria globale della CNBC:

HHS ha ordinato al produttore Bavarian Nordic, con sede in Danimarca, di fornire oltre 5 milioni di dosi aggiuntive di vaccino Jynneos entro il 2023. Secondo HHS, gli Stati Uniti hanno anche altri 11,1 milioni di dosi in stoccaggio sfuso con Bavarian Nordic.

Ma Dawn O’Connell, capo dell’ufficio di preparazione e risposta degli Stati Uniti presso l’HHS, ha affermato che quelle 11,1 milioni di dosi devono essere riempite e finite prima che possano essere somministrate come iniezioni. O’Connell ha affermato che trasformare quelle dosi in vaccini finiti richiederà ulteriori finanziamenti dal Congresso.

Gli Stati Uniti hanno anche 1,7 milioni di cicli di trattamento antivirale tecovirimat nelle scorte nazionali. Gli operatori sanitari stanno usando tecovirimat per curare le persone con vaiolo delle scimmie, ma ciò richiede un ulteriore livello di burocrazia perché il farmaco è approvato solo per il vaiolo. Il CDC ha ridotto la burocrazia per rendere più facile per i medici prescrivere tecovirimat.

Il governo federale ha aumentato i test per il vaiolo delle scimmie portando a bordo diversi laboratori commerciali questo mese. Gli Stati Uniti ora hanno la capacità di testare fino a 80.000 persone a settimana per il virus, secondo HHS. Becerra ha affermato che il numero di test eseguiti è una frazione dell’attuale capacità negli Stati Uniti

“Riteniamo di aver fatto tutto il possibile a livello federale per lavorare con i nostri partner statali e locali e le comunità colpite per assicurarci di poter stare al passo con questo focolaio”, ha affermato Becerra. “Ma tutti devono prendere il remo e remare. Ognuno deve fare la sua parte.”

Leave a Reply

Your email address will not be published.