Con l’impennata della sottovariante omcron BA.5, gli esperti di vaccini esortano le persone ad alto rischio a ricevere ora il richiamo del COVID-19

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Le persone ad alto rischio di malattie gravi che devono ancora ricevere un secondo richiamo per il COVID-19 non dovrebbero aspettare i vaccini di prossima generazione mirati a Omicron previsti in autunno, hanno detto a Reuters cinque esperti di vaccini.

In molti paesi, inclusi gli Stati Uniti, la sottovariante BA.5 Omicron del virus è in aumento, ma gli attuali vaccini continuano a offrire protezione contro il ricovero in ospedale per malattie gravi e morte.

E, con l’evolversi del virus, non è noto quale versione circolerà ampiamente in autunno o se i nuovi vaccini – che dovrebbero prendere di mira BA.4/5 negli Stati Uniti e BA.1 in Europa – saranno una buona partita.

L’infermiera prepara i vaccini contro il COVID-19 a Waterford, Michigan, USA, 8 aprile 2022.
(REUTERS/Emily Elconin)

“Se hai bisogno di un booster, prendilo ora”, ha detto il dottor John Moore, professore di microbiologia e immunologia al Weill Cornell Medical College, che ha co-scritto un editoriale sull’argomento attualmente in fase di revisione.

Negli Stati Uniti, le autorità di regolamentazione hanno chiesto a Pfizer Inc con il partner BioNTech SE e Moderna Inc di sviluppare booster per vaccini rivolti sia ai cugini BA.4 e BA.5 Omicron, sia al virus originale. Dovrebbero essere pronti entro ottobre.

Le autorità di regolamentazione in Europa, nel frattempo, hanno segnalato che sarebbero disposte a utilizzare al più presto qualsiasi booster a base di Omicron disponibile in Europa, che potrebbe essere quello mirato alla variante BA.1 che ha guidato l’aumento record di infezioni dello scorso inverno.

CON OMICRON BA.5 SUBVARIANT SPREADING, WHITE HOUSE SI IMPEGNA A GARANTIRE L’ACCESSO AI BOOSTER, COLLAUDANDO

Le autorità di regolamentazione statunitensi sperano in un vaccino aggiornato che colpisca il ceppo originale e una variante di Omicron offrirà una protezione più ampia contro le varianti future e ritengono che un booster più vicino alla versione circolante sia prezioso.

Data l’attuale impennata e il declino dell’immunità delle persone, gli esperti hanno detto a Reuters che il miglior booster per le persone a rischio è quello a portata di mano.

Solo il 30% circa delle persone di età pari o superiore a 50 anni che possono beneficiare di una quarta dose di vaccino ne ha ricevuto una e meno del 10% di quelle di età compresa tra 50 e 64 anni, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie. Per i minori di 50 anni o senza fattori di rischio importanti, una quarta dose non è stata approvata e c’è poco supporto tra gli esperti scientifici.

Moore ha affermato che le prove che ha visto, anche in una riunione della Food and Drug Administration statunitense di giugno, suggeriscono tutte che il beneficio di un richiamo di BA.4/5 rispetto al vaccino originale è “trascurabile” in termini di prevenzione delle infezioni.

“Il pubblico non dovrebbe considerare questi booster a base di Omicron come una sorta di bacchetta magica che cambierà la faccia della pandemia e risolverà tutti i suoi problemi. Avrà un impatto marginale rispetto al booster che abbiamo attualmente”, ha affermato.

‘TROPPE PERSONE ASPETTANO’

Il dottor Eric Topol, esperto di genomica e direttore dello Scripps Research Translational Institute di La Jolla, in California, ha affermato che ottenere un secondo booster offre un vantaggio in termini di sopravvivenza rispetto a un solo booster che è stato documentato in cinque diversi studi.

“Troppe persone stanno aspettando quando abbiamo prove davvero buone”, ha detto.

il dottor Bob Wachter, primario di medicina presso l’Università della California, San Francisco, ha affermato che le prove sono sempre più chiare che più tempo una persona è passata dall’ultimo richiamo, minore è la protezione che ha contro infezioni e malattie gravi.

“C’è un tono di COVID in giro, ed è un agente molto contagioso”, ha detto.

BA.5 ha guidato un’ondata di nuovi casi a livello globale e ora rappresenta quasi l’82% di tutte le infezioni da coronavirus negli Stati Uniti.

Wachter non è convinto che i vaccini BA.4/5 riorganizzati saranno pronti per essere lanciati in due mesi. “Mi sembra un po’ ambizioso, e anche se raggiungessero la linea temporale, probabilmente andranno prima ai gruppi a più alto rischio”, ha detto. “Penso che probabilmente manchino tre o quattro mesi per la persona media”.

CBS, ABC, CNN LASCIANO L’ALLARME SU CORONAVIRUS BA.5, CALL FOR MASKING: ‘LA PEGGIORE VARIANTE È QUI’

Pfizer ha detto a Reuters di aver prodotto alcuni milioni di colpi di un vaccino BA.4/5.

Per quanto riguarda il vaccino Novavax Inc, recentemente autorizzato, la società deve ancora chiedere l’approvazione per il suo uso come richiamo.

Moore, che ha partecipato alla sperimentazione clinica Novavax, ha affermato che sebbene sia un vaccino eccellente, è improbabile che i booster dell’azienda siano presto disponibili. Novavax ha affermato che sta sviluppando un booster BA.4/5 e punta a averlo pronto entro il quarto trimestre.

“Qualunque cosa sia in cantiere mancano mesi”, ha detto Topol. “Questa è una versione più virulenta e più patogena del virus ed essere protetti nel miglior modo possibile è intelligente”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.