Il dollaro forte è un grave mal di testa per altri paesi

I turisti americani abbastanza fortunati da arrivare all’estero quest’estate potrebbero trovarsi piacevolmente sorpresi dalla potenza del dollaro, in aumento del 10% quest’anno rispetto alle altre principali valute. Ti aspettano gelati economici sulla spiaggia. Ma questa forza è una cattiva notizia e un effetto collaterale del fatto che gli Stati Uniti hanno sia una banca centrale grave che un problema di inflazione molto serio.

Il principale motore della forza del dollaro è stato l’aumento dei tassi di interesse statunitensi, da circa zero all’inizio dell’anno a, a partire da questa settimana, tra il 2,25 e il 2,5 per cento. L’inasprimento più rapido rispetto ad altre grandi economie ha alimentato l’impennata del valore del dollaro.

La corsa della Federal Reserve per tassi più alti è meritata. Negli ultimi 12 mesi, l’indice dei prezzi al consumo negli Stati Uniti è aumentato di un colossale 9,1%. Jay Powell, presidente della Fed, ha dichiarato: “Ci concentreremo sull’abbassamento dell’inflazione. . . È qualcosa . . . dobbiamo semplicemente fare. È troppo tardi per fermare l’ampia impennata dei prezzi che ora è ben avviata, ma non troppo tardi per lottare per mantenere ancorate le aspettative in modo che l’inflazione torni a terra.

Ma il compito della Fed si fa più complesso: questa settimana abbiamo appreso che l’economia statunitense si sta raffreddando. Quanto è cattivo? Gli ultimi dati sul PIL hanno mostrato un quarto di lieve calo. Vi sono alcune prove di tassi di interesse più elevati che iniziano a mordere gli investimenti. Ma i consumatori stanno ancora spendendo e il mercato del lavoro rimane caldo. Questa non è ancora una vera e propria recessione.

Le prove crescenti di un rallentamento, tuttavia, significano che il punto in cui la Fed dovrebbe smettere di fare escursioni potrebbe essere con noi abbastanza presto, ma non ancora. Piuttosto insolitamente, i mercati si aspettano anche che anche la Fed inizi a tagliare i tassi abbastanza rapidamente. Nel frattempo, tuttavia, il divario tra i tassi negli Stati Uniti e nel resto del mondo è un problema. Ciò che va bene per il vacanziere americano, purtroppo, non va bene per il mondo.

Il dollaro forte colpisce direttamente i partner commerciali americani. Ma una delle peculiarità dell’economia mondiale è la misura in cui il biglietto verde viene utilizzato quando si valutano beni e servizi tra persone che non hanno alcun legame con gli Stati Uniti: un recente documento del FMI lo ha messo a circa il 40% delle fatture di un ampio campione di paesi. Cibo e carburante, le pietre miliari dell’impennata dell’inflazione, sono generalmente quotati in termini di valuta statunitense.

Ma questa non è una semplice nota contabile: il FMI ha anche scoperto che i prezzi per le imprese che commerciano tra due paesi lontani possono essere molto più sensibili alla forza del dollaro rispetto ai livelli relativi delle due valute locali. Quindi un dollaro forte può creare increspature inflazionistiche in tutto il mondo, anche per paesi che non commerciano nemmeno molto con gli Stati Uniti.

Il risultato di queste forze è che altre banche centrali potrebbero dover agire sulla forza del dollaro, perché un dollaro forte chiude il prezzo e aumenta direttamente nelle loro economie. La Fed rimane fermamente concentrata sull’inflazione interna e c’è poco appetito per un’azione multilaterale. Quindi è probabile che l’unica soluzione per le altre banche centrali sia aumentare i tassi un po’ più in alto e forse un po’ più velocemente di quanto farebbero altrimenti.

Questa settimana ci sono state delle buone notizie dall’eurozona, con dati sulla produzione più forti del previsto. Ciò potrebbe rendere più facile per l’Europa sopportare ulteriori aumenti. Ma il problema mondiale del dollaro forte parla della straordinaria complessità di questo momento per le banche centrali. Non basta far fronte alla guerra in Europa, all’impennata delle merci e alle scosse di assestamento di una pandemia epocale. Ora devono preoccuparsi se la gente di Washington stia accidentalmente inviando più inflazione a modo loro, insieme ai vacanzieri americani con grandi spese.

Leave a Reply

Your email address will not be published.