Commonwealth Games 2022: la maratona in sedia a rotelle si conclude con scene tragiche, intervista a David Weir

La maratona maschile su sedia a rotelle T53/54 a Birmingham si è conclusa con scene “strazianti” dopo che l’inglese David Weir ha subito una foratura a metà gara a meno di 10 km dalla fine sabato.

Il 43enne stava conducendo comodamente la 42 km fino a quando non è stato costretto a fermarsi e sostituire una delle sue gomme con circa sei miglia ancora da correre.

Trasmetti in streaming oltre 50 sport dal vivo e on demand con Kayo. Nuovo su Kayo? Prova subito 14 giorni gratis >

Weir ha esultato per i suoi rivali mentre lo superavano prima di riprendere e tagliare il traguardo al settimo posto, a circa 25 minuti dai vincitori della medaglia.

Il sei volte medaglia d’oro alle Paralimpiadi ha ricevuto una forte accoglienza dagli spettatori di Birmingham mentre concludeva la gara, lottando per nascondere le sue emozioni.

“Strappacuore per David Weir”, ha detto la detentrice del record mondiale di maratona femminile Paula Radcliffe BBC.

“È stato un grande impegno da parte sua. Essere in grado di finire è una dichiarazione in sé.

Il connazionale Johnboy Smith ha vinto l’oro con un tempo di 1:41:15, mentre lo scozzese Sean Frame e l’inglese Simon Lawson si sono piazzati rispettivamente secondo e terzo. L’australiano Jake Lappin è arrivato quinto in 1:56:21.

“Sento di non avere abbastanza fortuna ultimamente nei campionati più importanti, da quando Rio, a dire il vero”, ha detto Weir BBC.

“Faccio il circuito della maratona, arrivo tra i primi tre contro i migliori uomini del mondo e le ultime 10 settimane di allenamento sono state probabilmente le migliori degli ultimi anni.

“Avevo molta fiducia venendo qui. Stavo discutendo se portare una scorta (pneumatico). Non ho mai portato una scorta, in una gara, mai, in vita mia.

“Pensavo che se ne prendessi una di scorta mi sarei rovinato da solo.

“Ho avuto problemi con la mia sedia da Tokyo. Sono tornato alla mia vecchia sedia, l’ho fatta ricostruire ed è stato fantastico.

“Da quando sono tornato su questa sedia, mi sono sentito davvero a mio agio e in volo. È solo stato un po’ fastidioso.

“Da maggio l’allenamento è stato alle stelle. Mi sentivo solo 10 anni più giovane, quindi è solo frustrante.

“Se non avessi avuto i miei compagni negli ultimi 4 km di corsa al mio fianco, probabilmente mi sarei fermato. Probabilmente avrei semplicemente accostato e mollato.

“Da dove vengo io, in una proprietà del consiglio, non ti arrendi – in niente.”

Smith ha confessato che è stata una vittoria “agrodolce”.

“Ho vinto, ma l’uomo migliore non ha vinto oggi”, ha spiegato.

“Mi tolgo il cappello con Dave, Dave aveva me. Merita l’oro, avrei dovuto prendere l’argento, ma guarda, queste cose succedono.

“Vostra maestà la regina, se state guardando, date a David Weir il titolo di cavaliere, fatelo Sir David Weir, quell’uomo se lo merita.”

Nel frattempo, la para-atleta australiana Madison de Rozario ha vinto una terza medaglia d’oro ai Giochi del Commonwealth sabato, finendo prima nella maratona femminile in sedia a rotelle T53/54.

Originariamente pubblicata come ‘Strappacuore’: la maratona su sedia a rotelle dei Giochi del Commonwealth si conclude con scene tragiche

Leave a Reply

Your email address will not be published.