I campionati di rugby del Regno Unito vietano i giocatori transgender dai giochi femminili

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Ai giocatori transgender è stato impedito di competere nell’unione femminile e nella lega di rugby in Inghilterra. La Rugby Football Union (RFU) e la Rugby Football League (RFL) hanno modificato i propri regolamenti per consentire solo ai giocatori assegnati come femmine alla nascita di competere in partite femminili.

La nuova guida si applicherà a sei donne transgender registrate per giocare in Inghilterra.

Il Consiglio RFU ha votato a favore dell’aggiornamento della propria politica di partecipazione di genere per la stagione 2022/2023 con 33 favorevoli, 26 contrari e due astenuti.

“È stata una decisione complessa e difficile e il cambiamento di politica non è stato preso alla leggera o senza ricerche e consultazioni approfondite e complete”. lo ha detto il consiglio in una dichiarazione venerdì.

Michaela Blyde del Team New Zealand tiene a bada Krissy Scurfield del Team Canada per segnare il secondo tentativo della loro squadra durante il Women’s Rugby Sevens Pool Una partita tra il Team New Zealand e il Team Canada il primo giorno dei Giochi del Commonwealth di Birmingham 2022 al Coventry Stadium.
(Matthew Lewis/Getty Images)

Dopo una revisione di due anni, l’organo di governo ha votato un divieto totale delle donne transgender dal rugby femminile in Inghilterra, un cambiamento rispetto alla sua precedente politica. Nel 2019, la RFU ha assicurato alle donne transgender la loro inclusione e ha emesso linee guida che devono essere soddisfatte da tutti i giocatori transgender prima che possano giocare a rugby.

“Il Consiglio della RFU ha stabilito che fino a quando non saranno disponibili nuovi dati scientifici sottoposti a revisione paritaria, un approccio precauzionale è appropriato per garantire una concorrenza leale e la sicurezza di tutti i concorrenti”, ha affermato.

I CONSERVATORI DIFENDONO LA POLITICA DEL TEXAS INDAGINE SUI ‘TRATTAMENTI’ TRANSGENDER COME ABUSO DI BAMBINI IN UNA BATTAGLIA IN CORTE

Ha tenuto ampie consultazioni, ha studiato prove scientifiche e ha cercato guida da altri organismi sportivi prima di votare sulla politica tra problemi di sicurezza e equità.

“Ci sono differenze fisiche tra quelle persone il cui sesso originariamente registrato come maschio e quelle come femmina alla nascita, e i vantaggi in forza, resistenza e fisico determinati dal testosterone e dalla pubertà maschile sono significativi e mantenuti anche dopo la soppressione del testosterone”. ha detto la RFU.

Il Team Australia forma un huddle durante la partita del Women's Rugby Sevens Pool B tra il Team Australia e il Team South Africa il primo giorno dei Giochi del Commonwealth di Birmingham 2022 al Coventry Stadium.

Il Team Australia forma un huddle durante la partita del Women’s Rugby Sevens Pool B tra il Team Australia e il Team South Africa il primo giorno dei Giochi del Commonwealth di Birmingham 2022 al Coventry Stadium.
(Matthew Lewis/Getty Images)

Il consiglio di RFL ha anche approvato la sua nuova politica di partecipazione di genere, che entrerà in vigore il mese prossimo e sarà rivista entro novembre 2024.

“Per tutti i contatti di Rugby League dall’Under 12 in su, ci sarà una categoria per sole donne, in cui ai giocatori sarà consentito giocare solo nella categoria di genere del sesso originariamente registrata alla nascita”, ha affermato la RFL. “La Rugby League senza contatto … e la Rugby League in carrozzina rimangono di genere misto e disponibili per tutti senza alcun criterio di idoneità basato sul genere”.

BIDEN TRANSGENDER HEALTH MANDATE BLOCCATO DALLA CORTE FEDERALE IN APPELLO DI CHRISTIAN ALLIANCE

Pavlina Cuprova nell'azione durante il gioco del qualificatore della coppa del mondo di rugby 7S delle donne fra l'Inghilterra e la Repubblica ceca, lo stadio di Arcul de Triumf, Bucarest, Romania.

Pavlina Cuprova nell’azione durante il gioco del qualificatore della coppa del mondo di rugby 7S delle donne fra l’Inghilterra e la Repubblica ceca, lo stadio di Arcul de Triumf, Bucarest, Romania.
(Alex Nicodim/NurPhoto via Getty Images)

World Rugby l’anno scorso ha vietato ai giocatori transgender di competere a livello d’élite del gioco femminile, citando problemi di sicurezza.

World Athletics e l’organo di governo mondiale del calcio, la FIFA, sono tra le numerose federazioni sportive che stanno rivedendo le loro linee guida sul coinvolgimento degli atleti transgender in seguito alla sentenza dell’ente mondiale di nuoto FINA di bandire chiunque abbia attraversato la pubertà maschile dalle competizioni femminili d’élite.

Il presidente della RFU Jeff Blackett ha affermato che molte persone sarebbero rimaste deluse dalla decisione, ma “si basava su tutte le prove scientifiche disponibili”.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

La RFU ha aggiunto di considerare anche i meriti di un processo di valutazione caso per caso, ma non era più un’opzione praticabile a causa delle “difficoltà nell’individuare un test credibile per valutare le variabili fisiologiche”.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

I giocatori transgender il cui sesso registrato alla nascita è femmina possono ancora giocare nella categoria maschile se forniscono il consenso scritto e viene effettuata una valutazione del rischio.

La RFU ha annunciato di aver contattato le giocatrici trans registrate “per offrire il proprio supporto nel continuare a incoraggiarle a partecipare allo sport”.

Reuters ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.