Iniziano le indagini sull’orribile incidente al concerto di Hong Kong

AUTORITÀ a Hong Kong hanno annunciato che stanno avviando indagini sullo scioccante incidente nel mezzo di un concerto all’Hong Kong Coliseum che ha lasciato una ballerina di supporto a rischio di paralisi.

Giovedì sera, durante un’esibizione della boy band Cantopop Mirror di 12 membri, un gigantesco pannello LED è caduto dal soffitto ed è atterrato sul palco, ferendo due ballerini di supporto, come si vede nei video che sono immediatamente diventati virali sui social media. Entrambi i ballerini sono stati successivamente portati al Queen Elizabeth Hospital per le cure.

Un ballerino, Chang Tsz-fung, 29 anni, è stato dimesso il giorno dopo, mentre il restante ballerino Mo Lee Kai-yin, 27 anni, è ancora in terapia intensiva. I rapporti hanno suggerito che “rischia di rimanere paralizzato dal collo in giù”.

Puoi guardare il video dell’incidente qui (si consiglia la discrezione a causa della natura grafica del video).

In una conferenza stampa venerdì, il segretario per la cultura, lo sport e il turismo di Hong Kong Kevin Yeung ha chiesto la comprensione del pubblico per consentire alle autorità di esaminare tutti i dettagli del caso, che secondo lui potrebbe richiedere alcune settimane.

“Dall’osservazione iniziale, un filo si è fratturato e ha portato alla caduta dello schermo e ha causato il ferimento dei ballerini”, avrebbe detto Yeung.

I netizen hanno sottolineato che nei giorni precedenti al disastro, ci sono state segnalazioni secondo cui membri del pubblico in tre spettacoli precedenti presso la sede avevano avvertito che il palco e il set sembravano instabili, il che senza dubbio porterà a domande sulla colpevolezza.

Il prossimo concerto in programma all’Hong Kong Coliseum sarà a metà agosto e le autorità hanno indicato che agli organizzatori di concerti potrebbe essere impedito di installare grandi scenografie per i prossimi spettacoli fino al completamento delle prove in corso.

Leave a Reply

Your email address will not be published.