Il presidente ucraino dichiara l’evacuazione obbligatoria della regione di Donetsk

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha annunciato sabato un’evacuazione obbligatoria per i residenti della regione orientale di Donetsk del paese nel mezzo di intensi combattimenti nella guerra in corso con la Russia.

Il presidente ha detto: “Più persone se ne vanno [the] Ora nella regione di Donetsk, meno persone l’esercito russo avrà il tempo di uccidere.” Ha osservato che coloro che se ne andranno saranno risarciti.

Zelenskyy ha anche affermato nel suo discorso che le centinaia di migliaia di persone che ancora occupano le zone di combattimento nella più ampia regione del Donbas dovrebbero andarsene. Il Donbas comprende le regioni di Donetsk e Luhansk.

“Molti si rifiutano di andarsene, ma deve ancora essere fatto”, ha detto. “Se ne hai l’opportunità, parla con coloro che rimangono ancora nelle zone di combattimento del Donbas. Per favore, convincili che è necessario andarsene”.

SPIE RUSSE “OVUNQUE” IN UCRAINA

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha annunciato sabato un’evacuazione obbligatoria per la regione orientale di Donetsk.
(Ufficio stampa presidenziale ucraino tramite AP)

Secondo i media ucraini, il vice primo ministro Iryna Vereshchuk ha affermato che l’evacuazione doveva aver luogo prima dell’inizio dell’inverno perché le forniture di gas naturale della regione erano state distrutte.

Ma l’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Ucraina John Herbst ha affermato che l’evacuazione potrebbe avere più a che fare con l’anticipazione di combattimenti più aspri invece che con la carenza di carburante.

“Non so perché Zelenskyy ha emesso la chiamata”, ha detto. “Quello che so è che ci sono stati aspri combattimenti a Donetsk. I russi hanno preso [neighboring] Luhansk [oblast] diverse settimane fa. Mi aspetto ulteriori aspri combattimenti a Donetsk”.

Sabato scorso l’esercito ucraino ha affermato che più di 100 soldati russi sono stati uccisi e sette carri armati sono stati distrutti durante i combattimenti di venerdì nella regione di Kherson. La regione di Kherson è il centro della controffensiva di Kiev nel sud e una parte cruciale delle linee di rifornimento di Mosca.

L’UCRAINA RICHIEDE PIÙ DI 100 SOLDATI RUSSI UCCISO NEI COMBATTIMENTI NELLA REGIONE DI KHERSON

Sabato scorso l'esercito ucraino ha affermato che più di 100 soldati russi sono stati uccisi e sette carri armati sono stati distrutti durante i combattimenti di venerdì nella regione di Kherson.

Sabato scorso l’esercito ucraino ha affermato che più di 100 soldati russi sono stati uccisi e sette carri armati sono stati distrutti durante i combattimenti di venerdì nella regione di Kherson.

Il comando meridionale dell’Ucraina ha affermato che il traffico ferroviario verso Kherson sul fiume Dnipro è stato interrotto, il che potrebbe isolare ulteriormente l’esercito russo a ovest del fiume dal raggiungere i rifornimenti in Crimea e nell’est.

Nelle ultime settimane i sistemi missilistici a lungo raggio forniti dall’Occidente sono stati utilizzati dall’Ucraina per infliggere danni a tre ponti sul fiume Dnipro, interrompendo la regione di Cherson.

“Come risultato dell’istituzione del controllo antincendio sui principali collegamenti di trasporto nel territorio occupato, è stato stabilito che il traffico sul ponte ferroviario che attraversa il Dnipro non è possibile”, ha affermato in una nota il comando meridionale dell’Ucraina.

LA RUSSIA RECLAMA 40 PRIGIONIERI UCRAINI UCCISO IN SCIOPERO CON NOI HIMARS, L’UCRAINA DECRETA ‘ESECUZIONE BRUTALE’

Il fumo si alza dietro le navi sul fiume Dnipro durante il conflitto Ucraina-Russia nella città di Kherson, in Ucraina, controllata dalla Russia.

Il fumo si alza dietro le navi sul fiume Dnipro durante il conflitto Ucraina-Russia nella città di Kherson, in Ucraina, controllata dalla Russia.

Il governatore della regione di Kherson Dmytro Butriy ha affermato che il distretto di Berislav, che si trova dall’altra parte del fiume a nord-ovest della centrale idroelettrica di Kakhovka, è stato particolarmente danneggiato.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

“In alcuni villaggi, nessuna casa è rimasta intatta, tutte le infrastrutture sono state distrutte, le persone vivono nelle cantine”, ha scritto su Telegram.

Butriy ha detto che i combattimenti stavano continuando in molte parti della regione di Kherson.

Reuters ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.