Un dentista statunitense è accusato di aver ucciso la moglie durante un safari in Zambia. Dice che ha scaricato accidentalmente la pistola

Alla fine di settembre 2016, la coppia ha viaggiato dalla loro casa di Phoenix alla nazione dell’Africa meridionale dello Zambia, dove Bianca Rudolph era determinata ad aggiungere un leopardo alla sua collezione di trofei di animali. Portavano due pistole per la caccia: un fucile Remington .375 e un fucile Browning calibro 12.

Dopo aver ucciso altri animali durante il viaggio di due settimane, ma non un leopardo, Bianca Rudolph non è mai tornata a casa. Ha subito un’esplosione mortale di fucile nella sua cabina di caccia all’alba mentre stava facendo i bagagli per tornare a Phoenix, secondo quanto affermato dai pubblici ministeri federali nei documenti del tribunale.

Ora Lawrence Rudolph, 67 anni, è accusato di omicidio all’estero e frode postale per la morte della moglie di 30 anni. Si è dichiarato non colpevole e questa settimana ha preso posizione in sua difesa durante il processo a Denver, ha riferito KMGH, un’affiliata della CNN.

“Non ho ucciso mia moglie. Non potevo uccidere mia moglie. Non ucciderei mia moglie”, ha detto ai giurati.

Rudolph ha detto agli investigatori di aver sentito lo sparo mentre era in bagno e di aver creduto che il fucile fosse esploso accidentalmente mentre lo stava riponendo nella sua custodia, dicono i documenti del tribunale. L’ha trovata sanguinante sul pavimento della loro capanna al Kafue National Park, dice.

Ma i pubblici ministeri federali affermano che Rudolph ha ucciso sua moglie per i soldi dell’assicurazione e per stare con la sua ragazza.

La CNN ha contattato l’avvocato di Rudolph, David Markus, ma non ha ricevuto risposta.

In una mozione che Markus ha presentato a gennaio elencando i beni del suo cliente, ha affermato che Rudolph non aveva alcun motivo finanziario per uccidere sua moglie. Nel documento del tribunale, ha notato che Rudolph vale milioni, incluso uno studio dentistico vicino a Pittsburgh del valore di $ 10 milioni.

Le compagnie di assicurazione sulla vita con sede in Colorado hanno pagato a Rudolph oltre $ 4,8 milioni dopo la morte di sua moglie, secondo i documenti del tribunale.

La fretta di cremare sua moglie ha suscitato sospetti, affermano gli investigatori

Nei documenti del tribunale, gli investigatori affermano che Rudolph ha cercato rapidamente di cremare il corpo di sua moglie in Zambia dopo la sparatoria.

Rudolph ha programmato una cremazione tre giorni dopo la sua morte, secondo i documenti del tribunale. Dopo aver denunciato la sua morte all’ambasciata degli Stati Uniti nella capitale dello Zambia, Lusaka, il capo consolare “ha detto all’FBI di avere una brutta sensazione per la situazione, che pensava si stesse muovendo troppo rapidamente”, ha scritto l’agente speciale dell’FBI Donald Peterson nel criminale affidavit.

Di conseguenza, il capo consolare e altri due funzionari dell’ambasciata si sono recati all’impresa di pompe funebri dove era trattenuto il corpo per scattare fotografie e preservare qualsiasi potenziale prova. Quando Rudolph ha scoperto che i funzionari dell’ambasciata avevano scattato foto del corpo di sua moglie, era “livido”, ha scritto Peterson.

Rudolph inizialmente ha detto al capo consolare che sua moglie potrebbe essere morta suicida, ma un’indagine delle forze dell’ordine dello Zambia ha stabilito che si trattava di un congedo accidentale, ha scritto Peterson. Gli investigatori dello Zambia hanno concluso che l’arma da fuoco è stata caricata dalle precedenti attività di caccia e che non sono state prese le normali precauzioni di sicurezza, provocando l’incendio accidentale nell’incidente mortale, secondo i documenti del tribunale.

Gli investigatori per gli assicuratori sono giunti a una conclusione simile e hanno pagato le polizze.

“Le autorità dello Zambia e cinque assicuratori hanno stabilito che Bianca Rudolph è morta accidentalmente. I testimoni hanno detto all’FBI che il dottor Rudolph non ha fatto nulla per interferire nelle indagini. Nessuna prova fisica supporta la teoria dell’omicidio del governo”, ha scritto Markus nella mozione di gennaio.

Il sospetto voleva stare con la sua ragazza, affermano i pubblici ministeri

Ma gli investigatori federali dicono che c’è di più nella storia.

Rudolph ha orchestrato la morte di sua moglie come parte di un piano per frodare le compagnie di assicurazione sulla vita e per permettergli di vivere apertamente con la sua ragazza, sostiene l’FBI.

Le autorità federali sono state coinvolte dopo che un’amica della vittima ha contattato l’FBI e ha chiesto all’agenzia di indagare sulla morte perché sospettava un gioco scorretto. L’amico ha detto che Rudolph era stato coinvolto in relazioni extraconiugali in passato e aveva una ragazza al momento della morte della moglie.

L’allora fidanzata di Rudolph, che non è stata nominata nei documenti del tribunale, ha lavorato come manager nel suo studio dentistico vicino a Pittsburgh e ha detto a un ex dipendente che lo frequentava da 15 a 20 anni, ha scritto Peterson. L’ex dipendente ha detto all’FBI che la ragazza le aveva detto di aver dato a Rudolph un ultimatum di un anno per vendere i suoi studi dentistici e lasciare sua moglie, secondo i documenti del tribunale.

Tre mesi dopo la morte di Bianca Rudolph, la ragazza si trasferì con lui, ha scritto Peterson negli atti del tribunale. Un direttore esecutivo dell’associazione comunitaria della loro suddivisione ha detto agli investigatori che Rudolph e la sua ragazza hanno cercato di acquistare un’altra casa nella stessa suddivisione per 3,5 milioni di dollari.

Le sue ferite non riflettevano una scarica accidentale, dice l’FBI

I documenti del tribunale affermano anche che le prove mostrano che le ferite di Bianca Rudolph provenivano da un colpo sparato da almeno due piedi di distanza.

“Un agente speciale dell’FBI ha condotto dei test per determinare, rispetto alle fotografie della scena della morte, la posizione approssimativa della volata del fucile all’interno della custodia morbida al momento dello scarico, nonché gli schemi di tiro risultanti creati sparando con il fucile con il caso sopra la canna a varie distanze”, afferma la denuncia penale.

Un medico legale ha stabilito che i modelli che corrispondono alla ferita osservata nelle fotografie del corpo sono stati creati da uno sparo da una distanza compresa tra due e tre piedi e mezzo.

“A quella distanza, c’è motivo di credere che Bianca Rudolph non sia stata uccisa da una scarica accidentale come affermato”, afferma la denuncia.

Bianca e Lawrence Rudolph si trasferirono dalla Pennsylvania all’Arizona circa quattro anni prima della sua morte. Lo studio dentistico di Rudolph è rimasto in Pennsylvania e ha fatto il pendolare avanti e indietro dalla sua casa di Phoenix.

Le autorità federali affermano che l’omicidio di sua moglie è stato premeditato in modo che “potesse falsamente affermare che la morte è stata il risultato di un incidente”.

Ma Markus ha accusato i funzionari federali di fare affidamento su “prove traballanti”. I due figli di Rudolph sono fiduciosi che il loro padre non abbia ucciso la madre, ha detto Markus, e hanno firmato dichiarazioni giurate a suo sostegno.

Se condannato per omicidio, Rudolph rischia l’ergastolo o la pena di morte.

Leave a Reply

Your email address will not be published.