Commonwealth Games 2022: Manubri da ciclismo australiano, Matthew Glaetzer vince l’oro nella cronometro dei 1000 metri nella follia

Abbiamo appena assistito a uno dei giorni più folli che si siano mai svolti nel ciclismo australiano con Matthew Glaetzer che ha vinto l’oro nella cronometro dei 1000 metri maschili.

La squadra australiana avrebbe dovuto essere spazzata via dalle medaglie quando è stata inavvertitamente sabotata dalla propria squadra in un altro errore farsesco dell’equipaggiamento avvenuto poche ore prima dell’evento.

I funzionari di AusCycling hanno annunciato che i suoi manubri per l’evento non erano sicuri all’undicesima ora, costringendo i ciclisti australiani a utilizzare barre inferiori, più ingombranti e più lente al Lee Valley VeloPark.

La leggenda del ciclismo australiano Katey Bates ha affermato che la decisione di utilizzare manubri più pesanti e meno aerodinamici potrebbe costare ai ciclisti fino a 1,5 secondi nel caso in cui occorrano 60 secondi per il completamento.

Nessuno avrebbe potuto prevedere cosa sarebbe successo dopo.

Nonostante il sabotaggio dell’equipaggiamento dell’ultimo minuto, Glaetzer ha prodotto una delle grandi giostre per prendere l’oro nella corsa finale dell’evento, battendo il compagno di squadra australiano Tom Cornish all’argento.

Una quinta medaglia d’oro ai Giochi del Commonwealth ha portato Glaetzer alla pari con l’icona australiana del ciclismo Anna Meares per le medaglie d’oro vinte in carriera.

L’australiano Matthew Richardson, che lunedì ha vinto l’oro nello sprint maschile, è stato retrocesso al quarto posto dopo che Nicholas Paul ha vinto il bronzo per Trinidad e Tobago.

Richardson avrebbe quasi sicuramente vinto il bronzo se fosse stato in grado di utilizzare il manubrio che si aspettava.

Ecco perché Bates è rimasto assolutamente sbalordito quando Glaetzer ha conquistato la medaglia d’oro.

“Non posso credere ai miei occhi. Non posso credere a quello che vedo qui”, ha detto.

“È stato assolutamente sbalorditivo. Questo sta diventando il velodromo in cui si battono i record e si fanno i sogni”.

In precedenza, una revisione AusCycling sul manubrio è stata completata solo all’ultimo minuto. La revisione ha rilevato che le barre non potevano sopportare la forza che i corridori le hanno esercitate, in particolare quando esplodono fuori dalla linea di partenza.

La leggenda australiana Scott McGrory ha detto che la decisione è stata un “colpo devastante” per il trio australiano.

“È un grosso ostacolo”, ha detto a Channel 7.

“Le barre aerodinamiche sono molto più veloci.

“È un colpo devastante per gli australiani”.

Jesse Korf, direttore generale delle prestazioni del ciclismo, ha parlato a Channel 7 prima dell’evento e ha difeso la decisione tardiva. Ha affermato che la revisione è stata avviata all’inizio di quest’anno, ma non avrebbe potuto essere completata prima a causa di problemi di test con i suoi fornitori e altri funzionari.

Korf ha affermato in una dichiarazione rilasciata da AusCycling che la decisione è stata presa dopo che i test hanno rivelato che i ciclisti avrebbero generato molta più potenza di quella che le barre potrebbero gestire.

“Riconosciamo che questa decisione ha creato una certa delusione, ma i piloti e il team in generale capiscono che la sicurezza è la nostra massima priorità”, ha detto Korf.

“Abbiamo apportato modifiche significative alle procedure, alla struttura del team e ai processi dalle Olimpiadi di Tokyo e questa decisione riflette un approccio nuovo e completo all’eccellenza ingegneristica a lungo termine, al successo competitivo e al benessere degli atleti”.

Bates ha detto che la decisione sarebbe stata un duro colpo per gli australiani, che hanno dedicato la loro vita a momenti come questo.

“Stiamo parlando da 1 secondo a 1,5 secondi, non costerà solo una medaglia d’oro, costerà una medaglia”, ha detto.

“È devastante. Quando guardi indietro alla tua carriera, questi sono i momenti che la definiscono, nel bene e nel male. Sento davvero che gli atleti siano onesti”.

McGrory ha suggerito che c’erano altre opzioni che gli australiani avrebbero potuto utilizzare, inclusa l’attrezzatura prontamente disponibile in pista, piuttosto che andare con manubri così pesanti.

Richardson è stato il primo australiano a scendere in pista e ha lasciato McGrory e Bates sbalorditi quando è arrivato direttamente al primo posto nella classifica dei tempi con un 1:00.152.

Tom Cornish è poi arrivato al primo posto con un 1:00.036.

Glaetzer ha poi preso l’oro quando ha infranto un 59.505.

Glaetzer è stato derubato lunedì di una medaglia di bronzo dopo essere stato retrocesso nella terza gara della medaglia di bronzo a seguito di un contatto marginale con il suo avversario nella gara sprint maschile.

Il disastro del manubrio a Birmingham arriva dopo che l’attrezzatura australiana si è guastata alle Olimpiadi di Tokyo.

Richardson è stato visto sembrare angosciato dopo la sua corsa ed è crollato a terra mentre sembrava soffrire di crampi e altri problemi. Bates suggerì che stava per vomitare per la stanchezza e l’accumulo di acido lattico.

È stata davvero una giornata indimenticabile nel ciclismo australiano.

Originariamente pubblicato come “Non posso credere ai miei occhi”: follia assoluta ai Giochi del Commonwealth

Leave a Reply

Your email address will not be published.