Il turismo estivo illumina l’economia della zona euro, ma la crisi del costo della vita getta ombra

Arroccato su una scogliera della Costiera Amalfitana, affacciato sulle acque azzurre del Mediterraneo, l’Hotel San Pietro Positano sta vivendo il suo anno migliore poiché i viaggiatori stanchi della pandemia, soprattutto americani, si riversano in Italia.

L’hotel, che quest’estate ha addebitato una tariffa media di € 1.800 a notte per una camera, ha notato un prelievo ad aprile ed è al completo fino a metà ottobre. “Per due anni nessuno è potuto venire”, ha detto il comproprietario Vito Cinque. “Ora lo fanno tutti.”

Il boom del turismo dell’eurozona, aiutato dalla caduta della moneta unica rispetto al dollaro, è un punto positivo in una regione che gli economisti sono sempre più preoccupati che cadrà in recessione nella seconda metà di quest’anno.

I dati di venerdì hanno mostrato che l’economia dell’area valutaria è cresciuta dello 0,7 per cento tra il primo e il secondo trimestre, un risultato più forte di quanto previsto dagli economisti dello 0,1 per cento e in netto contrasto con i dati sul prodotto interno lordo statunitense per lo stesso periodo, che mostravano il la più grande economia del mondo si è ridotta per il secondo trimestre consecutivo.

Francia, Italia e Spagna hanno tutte registrato numeri migliori del previsto poiché i visitatori che si sono riversati nelle destinazioni del Mediterraneo e si sono goduti i soggiorni in città hanno contribuito a compensare l’impatto dell’aumento delle bollette energetiche e dei prezzi alimentari più elevati sulla domanda interna.

Mohamed Ichem, che vende macarons a Ladurée vicino ai giardini delle Tuileries di Parigi, ha affermato che la maggior parte dei suoi clienti parla inglese. “I turisti spendono senza contare”, ha detto Ichem. “Il mio ordine più grande è stato di otto scatole da 54, per oltre € 1.000.”

Adama Touré, che gestisce Le Castiglione, una brasserie a pochi minuti dall’hotel Ritz nell’elegante Place Vendôme della capitale francese, ha dichiarato: “Gli americani si divertono in ogni modo. . . Ho appena servito un piatto di caviale a un gruppo di loro”.

Ignacio de la Torre, capo economista presso l’asset manager Arcano, ha calcolato che circa un terzo della crescita spagnola del secondo trimestre — che è stata dell’1,1 per cento, contro appena lo 0,2 per cento dei primi tre mesi dell’anno — è stata trainata dal turismo .

María Frontera, presidente dell’associazione degli albergatori dell’isola spagnola di Maiorca, ha affermato che il tasso di occupazione ha raggiunto il 93% questo mese, cinque punti percentuali in più rispetto a luglio 2019, l’estate prima dell’inizio della pandemia. “Ci aspettiamo livelli simili per agosto e la domanda per l’autunno continua a crescere”, ha affermato.

Ma quando il clima si raffredderà, le imprese ei consumatori europei dovranno affrontare una maggiore pressione economica. La guerra in Ucraina ha lasciato le fabbriche della regione, appena riprese dalla pandemia, ad affrontare nuove difficoltà nella catena di approvvigionamento. L’economia tedesca più dipendente dal settore manifatturiero ha ristagnato nel secondo trimestre, mancando le aspettative degli analisti di una leggera espansione ed evidenziando quanto sia grave la situazione per le economie del nord che possono fare meno affidamento sull’ospitalità.

L’invasione della Russia e i dubbi sulla volontà di Mosca di mantenere il flusso di gas in Europa hanno innescato un aumento dei costi energetici delle famiglie, che sono aumentati del 40% negli ultimi 12 mesi, mentre i costi alimentari sono aumentati del 10% nello stesso periodo, portando alla peggiore crisi del costo della vita degli ultimi decenni.

Marina Lalli, presidente della Federazione nazionale delle industrie di viaggio e turismo in Italia, ha affermato che i resort che si rivolgono alle famiglie italiane più ordinarie sono sotto pressione. “Le persone hanno lottato per pagare le utenze, il carburante per le loro auto e anche i prezzi dei generi alimentari sono aumentati. [Italians] stanno decidendo di non andare affatto in vacanza o, invece di rimanere 10 giorni, stanno una settimana o solo tre giorni”.

I dati di fiducia della scorsa settimana da Eurostat, l’ufficio statistico della Commissione europea, mostrano che i consumatori sono più riluttanti a fare grandi acquisti che in qualsiasi momento dai primi mesi della pandemia.

È improbabile che quel pessimismo impedisca alla Banca centrale europea di aumentare ulteriormente i tassi in autunno, dopo aver effettuato il primo aumento da decenni, quando a fine luglio ha aumentato il tasso di riferimento sui depositi di 50 punti base, portandolo a zero.

“Ci aspettiamo che la BCE aumenti [the rate] di ulteriori 100 punti base entro la fine dell’anno per aiutare a prevenire qualsiasi aumento delle aspettative di inflazione mentre l’inflazione aumenta ulteriormente nei prossimi mesi”, ha affermato Holger Schmieding, economista presso la Berenberg Bank.

Nel complesso, l’inflazione dell’eurozona è salita a un nuovo massimo storico dell’8,9% nell’anno fino a luglio, secondo i dati di venerdì di Eurostat, l’ufficio statistico della Commissione europea. Anche la misura fondamentale, che elimina l’impennata dei costi alimentari ed energetici, è aumentata del 4%, più del doppio dell’obiettivo del 2% della BCE.

Con l’aumento dei tassi di interesse e il ritorno dei turisti a casa, gli economisti prevedono un peggioramento dei dati sulla crescita, soprattutto se le tensioni con Mosca si intensificheranno. L’azienda energetica russa Gazprom ha ridotto i flussi attraverso il suo gasdotto Nord Stream 1, che corre sotto il Mar Baltico verso la più grande economia europea, ad appena il 20% della capacità, livelli che, se sostenuti, provocherebbero una forte recessione in Europa.

“Questo trimestre porta buone notizie, ma non ci dice molto sulla salute di fondo dell’economia”, ha affermato Gilles Moëc, capo economista dell’assicuratore francese Axa. “Cosa succede dopo la fine dell’estate?”

Leave a Reply

Your email address will not be published.