Le azioni europee sono scese dopo il rimbalzo di luglio per le azioni globali

Le azioni europee e i futures sulle azioni statunitensi hanno iniziato il mese con una nota poco brillante, poiché i dati deludenti sulle fabbriche cinesi hanno confuso le prospettive economiche.

Dopo il rimbalzo delle azioni globali battute a luglio, poiché i mercati hanno risposto a un rallentamento economico prevedendo un allentamento degli alti tassi di inflazione, l’indice azionario regionale europeo Stoxx 600 è rimasto piatto nelle prime negoziazioni di lunedì.

Il trading di futures ha suggerito che l’indice azionario blue-chip S&P 500 di Wall Street sarebbe sceso dello 0,3% alla campana di apertura di New York.

I dati ufficiali rilasciati nel fine settimana hanno mostrato che l’attività delle fabbriche cinesi si è contratta inaspettatamente il mese scorso dopo che le riacutizzazioni del nuovo coronavirus e lo stress nel mercato immobiliare della nazione hanno indebolito la domanda. L’indice dei direttori acquisti per il settore manifatturiero ha prodotto una lettura di 49, in calo rispetto al 50,2 di giugno e al di sotto della soglia di 50 che separa l’espansione dalla contrazione.

“Sia la domanda interna che la domanda esterna per il settore manifatturiero erano deboli”, ha affermato Iris Pang, economista cinese di ING, in una nota ai clienti.

“I progetti immobiliari non completati potrebbero essere almeno una parte del motivo”, ha aggiunto Pang, dopo che gli sviluppatori indebitati hanno sospeso la costruzione di milioni di appartamenti. Pang ha anche citato un “rischio di contagio da promotori immobiliari finanziariamente malsani alle loro industrie a valle ea monte”.

Più tardi lunedì, il PMI manifatturiero ISM seguito da vicino dovrebbe mostrare un rallentamento della crescita dell’attività negli Stati Uniti, con gli economisti intervistati da Reuters che prevedono una lettura di 52 a luglio da 53 del mese precedente.

Gli investitori rimangono incerti, tuttavia, sul fatto che i maggiori rischi di recessione intaccheranno i prezzi delle azioni pesando sugli utili delle società o aumenteranno le aspettative che l’aumento dell’inflazione globale raggiungerà il picco, spingendo le banche centrali a ribaltare con cautela i futuri rialzi dei tassi.

I mercati “guardano oltre il noto problema dell’inflazione e quello che vedono come un rallentamento che costringerà le banche centrali ad un nuovo allentamento”, ha affermato Antonio Cavarero, responsabile degli investimenti di Generali Insurance Asset Management.

“È necessaria un po’ di cautela, tuttavia, poiché gli utili del prossimo trimestre potrebbero non tenere il passo dell’attuale entusiasmo del mercato”.

Nei mercati del debito pubblico, il rendimento del titolo del Tesoro decennale di riferimento è aumentato di 0,03 punti percentuali al 2,67% in quanto il prezzo dello strumento è sceso. Ciò ha fatto seguito a un forte rialzo del debito pubblico la scorsa settimana, dopo che i dati hanno mostrato che l’economia statunitense si era contratta per il secondo trimestre consecutivo.

Mentre la Federal Reserve ha alzato il suo tasso di interesse principale di 0,75 punti percentuali a un intervallo compreso tra il 2,25 e il 2,5 per cento la scorsa settimana, i mercati dei futures stanno ora valutando un tasso di picco dei fed funds di circa il 3,3 per cento all’inizio del 2023, con tagli dei tassi in seguito.

Il rendimento del Bund decennale tedesco è rimasto stabile allo 0,83%, con il barometro dei costi del debito dell’eurozona in forte calo dopo aver toccato l’1,9% a giugno.

Il greggio Brent, il benchmark del petrolio, è sceso dello 0,5% a 103,42 dollari al barile.

Leave a Reply

Your email address will not be published.