Le vendite al dettaglio tedesche diminuiscono del tasso più alto mai registrato

Le vendite al dettaglio tedesche sono diminuite al tasso annuo più alto dall’inizio dei record nel 1994, evidenziando l’entità delle sfide economiche che devono affrontare la più grande economia dell’eurozona.

I volumi delle vendite al dettaglio sono diminuiti dell’8,8% a giugno rispetto allo stesso mese dell’anno scorso, come hanno mostrato lunedì i dati di Destatis, l’ufficio tedesco per le statistiche nazionali.

Claus Vistesen, capo economista dell’eurozona presso Pantheon Macroeconomics, ha affermato che le cifre sono “miserabili” e principalmente a causa dell’impatto dell’aumento dei prezzi sulla spesa dei consumatori. L’inflazione in Germania è al massimo pluridecennale dell’8,5%.

Il calo delle vendite al dettaglio segue la notizia di venerdì secondo cui la crescita economica tedesca è rimasta stagnante tra il primo e il secondo trimestre e le cifre mostrano che la fiducia di imprese e consumatori è ora al livello più basso dai primi mesi della pandemia.

Mentre l’economia dell’eurozona è cresciuta complessivamente dello 0,7% tra il primo e il secondo trimestre, gli analisti si aspettano sempre più che la regione entrerà in una fase discendente nei prossimi mesi a causa dell’impatto dell’invasione russa dell’Ucraina sui mercati energetici e del calo della fiducia.

Chris Williamson, capo economista aziendale presso S&P Global Market Intelligence, ha affermato che l’attività manifatturiera in Germania e altrove “sta sprofondando in una flessione sempre più ripida, che si aggiunge ai rischi di recessione della regione”.

Gli indici dei gestori degli acquisti per il settore manifatturiero dell’eurozona, seguiti da vicino, anch’essi in uscita lunedì, hanno mostrato che l’attività delle fabbriche stava ora scivolando in tutta l’eurozona.

Per la prima volta in due anni, l’S&P Global PMI per il settore manifatturiero tedesco è sceso al di sotto del livello cruciale 50, che separa un’espansione dell’attività da una contrazione.

In tutta la regione, i nuovi ordini sono diminuiti, segno che è probabile che le condizioni rimarranno difficili nei prossimi mesi. Il rischio maggiore per la regione è che le tensioni con Mosca peggiorino, spingendo la Russia a ridurre – o fermare – i flussi di gas verso l’UE. Gli economisti ritengono che ciò innescherà una grave recessione in tutto il blocco.

Grafico a linee dell'indice dei responsabili degli acquisti, inferiore a 50 = la maggior parte delle aziende che segnala una contrazione mostra che l'attività manifatturiera dell'Eurozona scivola in contrazione

Mentre i volumi delle vendite al dettaglio tedesche sono diminuiti drasticamente, i consumatori hanno ridotto la spesa complessiva di un importo molto inferiore, un calo annuo di solo lo 0,8%, a causa dell’impatto dell’inflazione sul potere d’acquisto.

I dati di lunedì hanno deluso gli investitori, con il calo dell’1,6% dei volumi di vendita tra maggio e giugno molto peggiore dell’espansione dello 0,2% prevista dagli economisti intervistati da Reuters.

Il calo della spesa al dettaglio riflette anche uno spostamento della spesa verso i servizi – non inclusi nelle vendite al dettaglio – dopo il boom della domanda di beni verificatosi durante i primi trimestri della pandemia di coronavirus, quando ristoranti, bar e locali di intrattenimento erano spesso chiusi.

Vistesen ha osservato che il calo delle vendite al dettaglio potrebbe portare a una revisione al ribasso della cifra della scorsa settimana per il prodotto interno lordo tedesco, che era una stima lampo ed è spesso soggetta a modifiche.

I dati di Eurostat, l’ufficio statistico della Commissione europea, anch’esso in uscita lunedì, hanno mostrato che a giugno il numero di disoccupati nell’eurozona è aumentato per la prima volta in 14 mesi.

Mentre il mercato del lavoro della regione rimane un punto relativamente positivo e il tasso di disoccupazione è rimasto invariato al minimo storico del 6,6%, la cifra assoluta di coloro che cercano lavoro è aumentata di 25.000 a quasi 11 milioni.

Leave a Reply

Your email address will not be published.