Servizi 6G, capacità, tecnologie abilitanti

Un istituto di RICERCA ha recentemente pubblicato il suo terzo white paper sul 6G, che esplora il framework 6G e le tecnologie abilitanti che gli esperti ritengono daranno forma alla vita delle persone oltre il 2030.

Intitolato “Building a Freely Connected Physical and Digitally Integrated World: 6G Services, Capabilities and Enabling Technologies”, il team di ricerca del vivo Communications Research Institute ha già messo gli occhi sulle future telecomunicazioni, in particolare 6G, il protocollo di comunicazione di prossima generazione.

“In qualità di uno dei principali fornitori di smartphone al mondo, ci dedichiamo a responsabilizzare i consumatori rendendo gli smartphone 5G all’avanguardia convenienti e accessibili”, ha affermato Qin Fei, presidente del vivo Communications Research Institute. “In prima linea nella ricerca e sviluppo, continuiamo a esplorare come potrebbe essere un mondo 6G e quali tecnologie dobbiamo sviluppare per arrivarci”.

Negli ultimi due anni, l’industria ha gradualmente formato un consenso sui servizi che possono essere forniti dal 6G e sugli indicatori chiave di capacità che devono essere raggiunti. Anche la ricerca e lo sviluppo di tecnologie abilitanti chiave correlate stanno guadagnando slancio. L’istituto di ricerca ha contribuito attivamente a plasmare il futuro del 6G con un’analisi e una valutazione approfondite dei modelli di business e dei driver del 6G, degli scenari applicativi, dell’architettura del sistema e delle tecnologie abilitanti.

Questo ultimo white paper sul 6G si basa su due precedenti lavori pubblicati nel 2020 dallo stesso istituto di ricerca, tra cui “Digital Life 2030+”, che fornisce approfondimenti su alcuni dei molti potenziali scenari digitali 6G per il prossimo decennio, e “6G Vision, Requisiti e sfide”, che delinea la visione del produttore di smartphone per il 6G, ovvero che il 6G consentirà la convergenza del mondo digitale e fisico.

Ricevi le ultime notizie


consegnato alla tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana del Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, dichiaro di aver letto e di accettare i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

Servizi, capacità

Il white paper propone che il 6G fornirà servizi di supercomunicazione, informazione e calcolo convergente, diventando una base per un mondo fisico e digitale interconnesso e convergente. Secondo l’analisi, il 6G farà convergere comunicazione, calcolo e rilevamento in un unico sistema. Una rete 6G integrata non solo collegherà gli esseri umani agli esseri umani, ma collegherà anche gli esseri umani alle macchine e le macchine alle macchine, contribuendo a creare un mondo digitale completamente nuovo. Ci si potrebbe aspettare che centinaia di miliardi di dispositivi saranno collegati entro il 2030.

“Il 6G ci consentirà di portare la prossima generazione di connettività in ogni aspetto della vita delle persone. Integrerà più tecnologie di accesso, coprirà uno spazio fisico più ampio e fornirà migliori capacità di base, supportando più servizi”, ha affermato Rakesh Tamrakar, esperto di standard 5G a vivo. “Collegando perfettamente industrie, trasporti, spazio di lavoro e case, il 6G contribuirà notevolmente alla società, dalla democratizzazione del talento professionale al miglioramento della risposta alle emergenze e ai disastri”.

Il 6G amplierà i servizi di telecomunicazione di base per supportare esperienze completamente nuove, come la realtà mista immersiva e la comunicazione olografica e multisensoriale. I servizi di connettività dati mobili 6G continueranno a migliorare la capacità, la velocità dei dati, la latenza, l’affidabilità e molti altri aspetti. Ciò amplierà la gamma di clienti e aumenterà il valore dei servizi, con una maggiore flessibilità end-to-end e adattabilità per soddisfare le esigenze degli individui e delle industrie.

Ciò significa che ogni indicatore di prestazioni, come la velocità dei dati, inclusa la velocità dei dati di picco e la velocità dei dati sperimentata dall’utente, il ritardo di comunicazione e la capacità del traffico nell’area, dovrà essere migliorato di parecchie volte o più rispetto al 5G.

La definizione della capacità del servizio 6G richiede un’attenta considerazione della domanda, della tecnologia e dei costi, bilanciando le metriche delle prestazioni e gli indicatori di efficienza.

tecnologie abilitanti

È necessario introdurre nuove funzioni di rete per supportare i nuovi servizi 6G e ottenere l’integrazione del rilevamento e della comunicazione. Il 6G farà convergere la rete mobile e l’informatica, l’interazione dei dati tra domini e la rete di intelligenza artificiale nativa. Pertanto, richiede una progettazione dell’architettura di sistema nuova di zecca.

L’integrazione del rilevamento e della comunicazione attinge a una nuova area di opportunità nelle reti wireless cellulari: l’IA nativa 6G migliorerebbe l’efficienza della rete e dell’interfaccia aerea, migliorerebbe la flessibilità del sistema e ridurrebbe i costi. L’introduzione di un piano dati end-to-end cross-layer è essenziale per supportare servizi di informazione intelligenti e di base. La comunicazione a bassissima potenza riduce la barriera all’accesso al terminale, consentendo una connettività davvero onnipresente. Attualmente, l’evoluzione a più ingressi e uscite multiple, la tecnologia di superficie intelligente riconfigurabile e le nuove forme d’onda sono alcune delle interessanti aree di ricerca, aprendo la strada verso una rete più efficiente e flessibile che potrebbe supportare più scenari applicativi e offrire un rilevamento più avanzato funzioni.

La ricerca e lo sviluppo di standard tecnologici 6G è ancora in fase iniziale. Il vivo Communications Research Institute è dedicato a perfezionare casi d’uso e indicatori tecnici dello scenario 6G, svolgere ricerche approfondite e verifiche sperimentali delle potenziali tecnologie 6G e contribuire allo sviluppo di uno standard tecnologico 6G unificato a livello globale.

Leave a Reply

Your email address will not be published.