Yanis Varoufakis: l’inflazione come gioco di potere politico andato storto

Yves qui. La teoria di Yanis Varoufakis sul motivo per cui l’Occidente soffre di un’inflazione diffusa è informativa e generalmente superiore per facilitare e false affermazioni come “stampare troppi soldi”. Se la “stampa di denaro” avesse causato l’inflazione, il Giappone, con il suo massiccio stimolo fiscale e monetario, non sarebbe rimasto impantanato in una deflazione borderline per due decenni. Anche ora, il suo tasso di inflazione su base annua, nonostante la sua valuta sia scesa (il che significa che l’energia importata è ancora più costosa) è solo del 2,4%.

Tuttavia, ho un serio cavillo con l’argomento di Varoufakis. Ha ragione a indicare i derivati ​​come un big, e io ho argomentato la grande ragione della prematura morte del sistema finanziario globale nel settembre-ottobre 2008. E questa era la giustificazione per il massiccio trasferimento di ricchezza a finanziatori e investitori al spese dei contribuenti. Intendiamoci, come abbiamo discusso a lungo all’epoca, c’erano modi più equi per salvare il sistema finanziario, come svalutare i debiti inesigibili, in particolare i mutui subacquei, e compensare l’impatto deflazionistico con una maggiore spesa fiscale. E ovviamente il criminale cammina per molti banchieri anziani.

Laddove Varoufakis è ben al di là del marchio è raffigurante la finanza commerciale/della catena di approvvigionamento come un ruolo nella crisi finanziaria. Come abbiamo documentato in forma lunga in ECONNED, i derivati ​​che hanno fatto esplodere il sistema finanziario sono stati quelli scritti sulle tranche BBB/BBB di cartolarizzazioni ipotecarie davvero scadenti che sono state poi impacchettate in obbligazioni di debito garantite. Questi CDO sarebbero quindi troppo spesso nel bilancio di istituzioni finanziarie di importanza sistemica e altamente indebitate.

Di Yanis Varoufakis. Originariamente pubblicato su Project Syndicate; postato incrociato dal suo sito web

Il gioco della colpa per l’aumento dei prezzi è acceso. È stata l’eccessiva quantità di denaro della banca centrale pompata fuori per troppo tempo che ha causato il decollo dell’inflazione? Era la Cina, dove la maggior parte della produzione fisica si era spostata prima che la pandemia bloccasse il paese e interrompesse le catene di approvvigionamento globali? È stata la Russia, la cui invasione dell’Ucraina ha sottratto una grossa fetta alla fornitura globale di gas, petrolio, cereali e fertilizzanti? Si è trattato di un passaggio surrettizio dall’austerità pre-pandemica a una generosità fiscale illimitata?

La risposta è quella che i partecipanti al test non incontrano mai: tutto quanto sopra e nessuno di cui sopra.

Le crisi economiche fondamentali spesso evocano molteplici spiegazioni che sono tutte corrette mentre mancano il punto. Quando Wall Street è crollata nel 2008, innescando la Grande Recessione globale, sono state offerte varie spiegazioni: cattura normativa da parte dei finanzieri che avevano sostituito gli industriali nella gerarchia capitalista; una propensione culturale alla finanza rischiosa; incapacità da parte di politici ed economisti di distinguere tra un nuovo paradigma e un’enorme bolla; e anche altre teorie. Tutti erano validi, ma nessuno andava al cuore della questione.

La stessa cosa è vera oggi. I monetaristi “te l’avevamo detto”, che hanno previsto un’inflazione elevata da quando le banche centrali hanno ampliato in modo massiccio i loro bilanci nel 2008, mi ricordano la gioia provata quell’anno dalla sinistra (come me) che costantemente “predice” la pre-morte del capitalismo – simile a un orologio fermo che è giusto due volte al giorno. Abbastanza sicuro, creando enormi scoperti per i banchieri nella falsa speranza che il denaro sarebbe gocciolato nell’economia reale, le banche centrali hanno causato un’epica inflazione dei prezzi degli asset (mercato azionario e immobiliare in forte espansione, la mania delle criptovalute e altro).

Ma la storia monetarista non può spiegare perché le principali banche centrali dal 2009 al 2020 non siano riuscite nemmeno ad aumentare la quantità di denaro circolante nell’economia reale, per non parlare di spingere l’inflazione dei prezzi al consumo fino al loro obiettivo del 2%. Qualcos’altro deve aver innescato l’inflazione.

L’interruzione delle catene di approvvigionamento incentrate sulla Cina ha chiaramente giocato un ruolo significativo, così come l’invasione russa dell’Ucraina. Ma nessuno dei due fattori spiega il brusco “cambio di regime” del capitalismo occidentale dalla deflazione prevalente al suo opposto: tutti i prezzi decollano simultaneamente. Ciò richiederebbe che l’inflazione salariale superi l’inflazione dei prezzi, provocando così una spirale che si autoalimenta, con aumenti salariali che si ripercuotono in ulteriori aumenti dei prezzi che, a loro volta, fanno salire nuovamente i salari, verso l’infinito. Solo allora sarebbe ragionevole per i banchieri centrali chiedere ai lavoratori di “prenderne uno per la squadra” e di astenersi dal cercare accordi salariali più elevati.

Ma, oggi, chiedere ai lavoratori di rinunciare agli aumenti salariali è assurdo. Tutte le prove suggeriscono che, a differenza degli anni ’70, i salari stanno aumentando molto più lentamente dei prezzi, eppure l’aumento dei prezzi non solo continua, ma sta accelerando.

Allora, cosa sta succedendo davvero? La mia risposta: un gioco di potere lungo mezzo secolo, guidato da società, Wall Street, governi e banche centrali, è andato storto. Di conseguenza, le autorità occidentali ora devono affrontare una scelta impossibile: spingere i conglomerati e persino gli stati in fallimenti a cascata, o lasciare che l’inflazione non venga controllata.

Per 50 anni, l’economia statunitense ha sostenuto le esportazioni nette di Europa, Giappone, Corea del Sud, poi Cina e altre economie emergenti, mentre la parte del leone dei profitti di quegli stranieri si è precipitata a Wall Street in cerca di rendimenti più elevati. Sulla scia di questo tsunami di capitali diretti in America, i finanzieri stavano costruendo piramidi di denaro privato (come opzioni e derivati) per finanziare le società che costruivano un labirinto globale di porti, navi, magazzini, depositi, strade e ferrovie trasporto. Quando il crollo del 2008 ha distrutto queste piramidi, l’intero labirinto finanziarizzato delle catene di approvvigionamento globali just-in-time è stato messo in pericolo.

Per salvare non solo i banchieri, ma anche il labirinto stesso, i banchieri centrali sono intervenuti per sostituire le piramidi dei finanzieri con denaro pubblico. Nel frattempo, i governi stavano tagliando la spesa pubblica, i posti di lavoro e i servizi. Era niente di meno che un socialismo sontuoso per il capitale e una dura austerità per il lavoro. I salari si sono ridotti, i prezzi e i profitti sono rimasti stagnanti, ma il prezzo dei beni acquistati dai ricchi (e quindi la loro ricchezza) è salito alle stelle. Pertanto, gli investimenti (rispetto alla liquidità disponibile) sono scesi al minimo storico, la capacità si è ridotta, il potere di mercato è esploso e i capitalisti sono diventati più ricchi e più affidabili che mai sulla moneta della banca centrale.

Era un nuovo gioco di potere. La tradizionale lotta tra capitale e lavoro per aumentare le rispettive quote di reddito totale attraverso ricarichi e aumenti salariali è continuata, ma non era più la fonte della maggior parte della nuova ricchezza. Dopo il 2008, l’austerità universale ha prodotto bassi investimenti (domanda di moneta), che, combinati con l’abbondante liquidità della banca centrale (offerta di moneta), hanno mantenuto il prezzo del denaro (tassi di interesse) vicino allo zero. Con la capacità produttiva (anche nuove abitazioni) in declino, buoni posti di lavoro scarsi e salari stagnanti, la ricchezza ha trionfato nei mercati azionari e immobiliari, che si erano disaccoppiati dall’economia reale.

Poi è arrivata la pandemia, che ha cambiato una grande cosa: i governi occidentali sono stati costretti a convogliare alcuni dei nuovi fiumi di denaro della banca centrale verso le masse bloccate all’interno di economie che, nel corso dei decenni, avevano esaurito la loro capacità di produrre cose ed erano ora affronta catene di approvvigionamento sballate per l’avvio. Mentre le moltitudini bloccate spendevano parte del loro denaro per il congedo per scarse importazioni, i prezzi iniziarono a salire. Le società con una grande ricchezza di carta hanno risposto sfruttando il loro immenso potere di mercato (ceduto dalla loro ridotta capacità produttiva) per spingere i prezzi alle stelle.

Dopo due decenni di una manna d’oro sostenuta dalla banca centrale di impennata dei prezzi delle attività e aumento del debito societario, è bastata una piccola inflazione dei prezzi per porre fine al gioco di potere che ha plasmato il mondo post-2008 nell’immagine di una classe dirigente rianimata. Allora, cosa succede adesso?

Probabilmente niente di buono. Per stabilizzare l’economia, le autorità devono prima porre fine al potere esorbitante conferito a pochissimi da un processo politico di ricchezza di carta e creazione di debiti a basso costo. Ma i pochi non cederanno il potere senza lottare, anche se ciò significa andare in fiamme con la società al seguito.

Leave a Reply

Your email address will not be published.