Dodgers contendenti di nuovo mentre i Giants si dirigono nella direzione sbagliata

I Dodgers e i San Francisco Giants si sono incontrati per la decima volta nel 2022 lunedì sera. I Dodgers hanno vinto 8-2 per iniziare una serie di quattro partite senza molto sudare. Quando i rivali giocheranno di nuovo martedì, scenderanno senza dubbio in campo all’Oracle Park con turni diversi per motivi diversi.

I Dodgers sono ancora una volta contendenti, che stanno arrivando alla loro decima apparizione consecutiva dopo la stagione con la più alta percentuale di vittorie nei campionati maggiori. I Giganti no. Vincere 107 partite e il titolo della National League West la scorsa stagione sembra essere stato uno straordinario miraggio. Sono 18 partite e mezzo dietro i Dodgers con 59 rimanenti. Un posto jolly rimane a portata di mano – hanno terminato lunedì 4 partite e mezzo fuori dal posto finale – ma è improbabile che una corsa profonda di ottobre sia improbabile.

Quanto è improbabile? Secondo quanto riferito, è abbastanza improbabile che il front office di San Francisco passi alla modalità di vendita prima della scadenza commerciale delle 15:00 di martedì. I Dodgers occupano l’altro lato. Stanno comprando, e stanno facendo la spesa dove è costoso.

I Dodgers restano interessati a Juan Soto, il miglior giocatore disponibile dell’estate, secondo chi conosce la situazione. L’All-Star Ian Happ dei Chicago Cubs è sul radar se i Washington Nationals scambiano Soto altrove. Sul fronte del pitching, i Dodgers hanno discusso con i Miami Marlins di Pablo López, titolare di mano destra.

Ogni giocatore rappresenterebbe un aggiornamento per un roster senza problemi evidenti oltre a una difficile situazione più ravvicinata che potrebbero risolvere internamente per ottobre. Ma i Dodgers non hanno bisogno di fare una mossa. Potrebbero vincere le World Series come attualmente costruite. Stanno operando in una posizione di forza, ancora una volta pronti a balzare per un altro giocatore di calibro All-Star per seguire Rich Hill, Yu Darvish, Manny Machado, Max Scherzer e Trea Turner negli accordi in scadenza negli ultimi anni.

È una posizione che San Francisco invidia. I Giants hanno buchi ovunque nel loro elenco. Sono vecchi. Non vantano tanto talento di fascia alta quanto i Dodgers. Il loro sistema agricolo, a detta di tutti, è in ritardo. Quindi, dovrebbero scambiare i futuri free agent con contendenti per leghe minori entro martedì pomeriggio.

Outfielder ed ex Dodger, Joc Pederson si aspetta di essere ceduto dopo aver fatto parte della squadra All-Star della National League il mese scorso. Il mancino Carlos Rodón, l’altro All-Star del club, potrebbe esserlo. Anche i veterani Brandon Belt ed Evan Longoria sono agenti liberi in attesa che potrebbero finire per indossare divise diverse entro mercoledì.

Joc Pederson dei San Francisco Giants batte i Dodgers il 21 luglio al Dodger Stadium.

(Marcio Jose Sanchez / Associated Press)

Una vendita lascerebbe i Giants a giocare per il terzo posto – dove hanno concluso i due anni prima dell’inaspettato successo della scorsa stagione – prima di entrare in una prevista bassa stagione con soli $ 100 milioni in palio per il 2023.

Seduti tra i rivali nella classifica NL West ci sono i San Diego Padres. AJ Preller, il presidente delle operazioni di baseball dei Padres, è noto per le manovre aggressive. Il tratto è diventato di nuovo evidente lunedì quando ha scambiato quattro leghe minori con i Milwaukee Brewers per Josh Hader, forse il migliore vicino nelle major.

Potrebbero non fermarsi qui. I Padres sono una delle altre due squadre in lizza per Soto insieme ai St. Louis Cardinals. Sono stati collegati a Happ e all’All-Star catcher Willson Contreras dei Cubs. La scorsa estate, hanno quasi battuto i Dodgers per Scherzer e Turner. Le voci non girano senza i Padres.

Eppure, anche se Soto atterra a San Diego, i Dodgers rimarrebbero probabilmente i favoriti per vincere il gagliardetto. Sono 12 partite davanti a San Diego con una probabilità del 100% di raggiungere la postseason, secondo FanGraphs. Walker Buehler, Dustin May, Blake Treinen, Chris Taylor e Edwin Ríos potrebbero finalmente rientrare nella squadra entro la fine di settembre. Sono carichi e sono migliori del club da 106 vittorie che ha terminato una partita dietro i Giants la scorsa stagione.

Le traiettorie inverse della franchigia erano evidenti sul campo lunedì.

I Dodgers hanno segnato sei punti su cinque contro Logan Webb, uno dei pochi Giants che non è regredito quest’anno. Andrew Heaney ha tenuto i Giants a una corsa su quattro inning nel suo secondo inizio dalla lista degli infortunati. James Outman, il numero 9 dei Dodgers, ha raggiunto la base quattro volte nella sua seconda partita in carriera. Will Smith ha segnato due doppi. Trea Turner e Max Muncy sono andati a segno. La potenza di fuoco ha sopraffatto i Giganti.

I club si incontreranno altre tre volte questa settimana. Avranno fatto delle mosse. Uno con gli occhi su ottobre, l’altro riconoscendo che questo non è l’anno.

Leave a Reply

Your email address will not be published.