Il leader di Al-Qaeda Ayman al-Zawahiri è stato ucciso in un attacco di droni statunitensi



L’Arabia Saudita ha accolto con favore l’annuncio degli Stati Uniti dell’uccisione del capo di Al-Qaeda Ayman al-Zawahiri.

L’agenzia di stampa saudita (SPA) riferisce che la dichiarazione è arrivata poco dopo il presidente Joe Biden ha annunciato che gli Stati Uniti avevano ucciso uno dei terroristi più ricercati del mondo e una mente degli attacchi dell’11 settembre nel 2001.

LEGGI ANCHE: Gli ultimi costruttori di barche tradizionali siriani mantengono a galla antichi mestieri

Il ministero degli Esteri saudita ha affermato che Zawahiri era “considerato uno dei leader del terrorismo che ha guidato la pianificazione e l’esecuzione di atroci operazioni terroristiche negli Stati Uniti, in Arabia Saudita e in un certo numero di altri paesi del mondo”.

“Migliaia di persone innocenti di diverse nazionalità e religioni, compresi cittadini sauditi, sono state uccise”.

“Il governo del Regno ha sottolineato l’importanza di rafforzare la cooperazione e ha concertato gli sforzi internazionali per combattere e sradicare il terrorismo, invitando tutti i paesi a cooperare in questo quadro per proteggere le persone innocenti dalle organizzazioni terroristiche”, si legge nella dichiarazione.

In un discorso televisivo, Biden ha dichiarato di aver dato il via libera finale all’attacco ad alta precisione che ha colpito con successo Zawahiri nella capitale afgana, Kabul, durante il fine settimana.

“La giustizia è stata consegnata e questo leader terrorista non c’è più”, ha detto Biden, aggiungendo che sperava che la morte di al Zawahiri avrebbe portato alla “chiusura” delle famiglie delle 3.000 persone uccise negli Stati Uniti l’11 settembre”.

Un alto funzionario dell’amministrazione ha detto che Zawahiri era sul balcone di una casa a Kabul quando è stato preso di mira con due missili Hellfire un’ora dopo l’alba del 31 luglio e che non c’erano stivali statunitensi a terra in Afghanistan.

Zawahiri, un chirurgo egiziano cresciuto in una confortevole casa del Cairo prima di dedicarsi al radicalismo violento, era in fuga da 20 anni dagli attacchi dell’11 settembre.

Ha preso il controllo di Al-Qaeda dopo che Osama bin Laden è stato ucciso dalle forze speciali statunitensi in Pakistan nel 2011 e aveva una taglia americana di 25 milioni di dollari in testa.

LEGGI ANCHE: Due morti nel più grande incendio della California quest’anno

Leave a Reply

Your email address will not be published.