La commovente rivelazione del capitano di Port Adelaide di Erin Phillips scioglie l’AFL

La superstar della WNBA Erin Phillips ha fatto piangere il suo leggendario padre dopo aver rivelato che sarebbe stata il capitano inaugurale dell’AFLW di Port Adelaide.

Erin, che è stata tre volte giocatrice della Premiership, due volte la migliore e la migliore in campionato e due volte la migliore in campo della Grand Final con gli Adelaide Crows, ha rivelato che si sarebbe unita a Port Adelaide dopo aver vinto la finale della scorsa stagione.

Guarda ogni partita campione d’incassi dell’AFL questo fine settimana Live & Ad-Break Free In-Play su Kayo. Nuovo su Kayo? Inizia subito la tua prova gratuita >

Il padre di Erin, Greg Phillips, è stato otto volte giocatore della Premiership del Port Adelaide SANFL e capitano tra il 1991 e il suo ritiro nel 1993, prima che il club si unisse all’AFL nel 1997.

Greg, che era un australiano nel 1980, ha giocato 343 partite per il club e altre 84 partite per Collingwood nella VFL in oltre 18 anni nel calcio di massima serie.

È stato anche nominato nella più grande squadra di sempre di Port Adelaide, è un membro a vita del club ed è un membro inaugurale della South Australian Football Hall of Fame e un membro del 2020 della AFL Hall of Fame.

Quindi è sicuro dire che il club significa un bel po’ per lui e la famiglia.

Quando si è unita al club, Erin ha detto che avrebbe indossato il n. 22 al momento dell’ingresso nel club.

Ma dopo aver portato Greg al club per il servizio fotografico, si è immediatamente reso conto che il jig era pronto quando il n. 1, riservato al capitano del club, era sul retro della maglia.

“Qual è questo numero? Che cos’è questo? Metti altri ventuno numeri su… più ventuno? chiese Greg.

“Beh, sai come hai detto che la parte migliore dell’essere a Port Adelaide era essere il capitano?” ha detto Erin.

“Sei?” Greg ha risposto.

La avvolse subito in un abbraccio.

Chiaramente emotivo, ha detto semplicemente: “Ben fatto”.

“Non posso indossare il 22 ma posso indossare il numero 1”, ha aggiunto Erin.

“Oh brava ragazza”, aggiunse Greg. “L’hanno votato?”

Phillips è stato votato capitano, mentre Ange Foley è stata nominata vice-capitano e anche Hannah Dunn, Gemma Houghton e Justine Mules costituiscono il gruppo dirigente.

Ma non riuscì a trattenere l’emozione strofinandosi gli occhi, dicendo: “Questo è uno shock”.

Poi ha scherzato: “Sono sicuri che non sei troppo vecchio?”

“Piuttosto speciale, eh?” ha detto Erin.

“Ben fatto, ben fatto”, disse Greg. “Beh, non importa che numero indossi, sono orgoglioso di te.”

Erano scene adorabili ed Erin ha anche parlato di far sapere a suo padre nel comunicato stampa del club.

“Mio padre mi ha sempre detto che l’unica cosa migliore che giocare per questo club è essere il capitano di questo club e aveva ragione”, ha detto Phillips.

Dirgli la notizia che ero stato nominato capitano è stato un momento molto speciale ed emozionante per entrambi.

“Sono così entusiasta di seguire le sue orme e non vedo l’ora di guidare la squadra a terra per la prima volta. Sarà un altro momento speciale per questo gruppo e per Port Adelaide”.

La 37enne Erin ha avuto un’incredibile carriera atletica, avendo iniziato come star del basket e vincendo due volte la WNBA.

Ha anche vinto un oro ai Campionati del Mondo per l’Australia nel 2006, giocando in due Giochi Olimpici, inclusa l’argento nel 2008, e ha vinto l’oro ai Giochi del Commonwealth nel 2006.

Ha subito avuto un enorme impatto nell’AFLW dopo essersi ritirata dal basket nel 2017.

Ma nell’unirsi a Port Adelaide per la sua prima stagione nel rugby league, ha detto Erin I giochi di Howie Podcast con il commentatore Mark Howard in grado di suonare per il Power è stato come chiudere il cerchio.

“E ‘stato piuttosto emozionante”, ha detto. “Penso che l’intera preparazione per decidere se rimanere al Crows o andare a Port Adelaide sia stata molto emozionante. È stato emozionante per lui. Come padre, era più preoccupato per me e voleva solo che prendessi una decisione e mi sentissi a mio agio con essa e poi andassi avanti con la vita.

“Quando gliel’ho detto, ovviamente era estasiato perché era Port Adelaide. Sarebbe stato altrettanto felice se fossero stati i Crows ad essere onesti. Penso che fosse così sollevato perché sapeva quanto fosse dura una decisione per me e ora che avevo preso una decisione e potevo semplicemente concentrarmi in avanti. Era assolutamente pompato.

“Penso che la parte di Port Adelaide lo colpirà un po’ più vicino a quando finiremo per la prima partita. Finire esattamente la stessa gara in cui si è esaurito.

“Sarei sospeso oltre la recinzione cercando di ottenere un cinque da lui e dai suoi compagni di squadra. È incredibile pensare che gioco per il Port Adelaide, una squadra in cui sono praticamente nato. Mi fa ancora impazzire”.

Originariamente pubblicato come la commovente rivelazione del capitano di Port Adelaide di Erin Phillips scioglie l’AFL

Leave a Reply

Your email address will not be published.