Le emissioni di CO2 di Amazon AUMENTANO: l’impronta di carbonio del gigante del commercio al dettaglio è aumentata del 40% dal 2019

Le emissioni di carbonio di Amazon sono cresciute del 18% nel 2021, in gran parte a causa della domanda dei suoi servizi durante la pandemia di Covid.

In un nuovo rapporto, il gigante tecnologico di Seattle ha rivelato di aver emesso 71,54 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalenti l’anno scorso.

Questo segna un aumento del 40% e il terzo anno consecutivo di aumento delle emissioni, da quando l’azienda ha iniziato a condividere i dati nel 2019.

Segue Amazon che ha registrato una perdita di $ 2 miliardi la scorsa settimana per il secondo trimestre consecutivo, poiché gli acquirenti tornano nei negozi dopo la pandemia.

In un nuovo rapporto, Amazon ha rivelato di aver emesso 71,54 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalenti l’anno scorso, un aumento del 40% rispetto al 2019 (nella foto, gli uffici di Amazon a Seattle).

LE EMISSIONI DI CARBONIO DELL’AMAZON

2021: 71.54

2020: 60.64

2019: 51.17

Le cifre sono per milione di tonnellate di anidride carbonica equivalente (CO2e), il numero di tonnellate di emissioni di CO2 con lo stesso potenziale di riscaldamento globale di una tonnellata di un altro gas serra.

Amazon mira a diventare carbon neutral entro il 2040 e ad alimentare il 100% delle sue operazioni con energia rinnovabile entro il 2025.

Ma in un post sul blog, Amazon ha affermato che i suoi “sforzi ad alta intensità di carbonio” significano che il percorso verso la decarbonizzazione “rimane impegnativo”.

“Gestiamo attività – logistica di consegna e trasporto, negozi fisici, generi alimentari, produzione e servizi di cloud computing – che implicano lo spostamento di prodotti, la produzione di beni e la creazione di capacità di calcolo, il tutto su larga scala”, ha affermato l’azienda.

“Sebbene alcune di queste attività, tra cui il cloud computing e l’e-commerce, offrano maggiori efficienze, alcune sono attività ad alta intensità di carbonio”.

Amazon ha affermato di aver dovuto ridimensionare la propria attività “a un ritmo senza precedenti” per soddisfare le esigenze dei clienti durante la pandemia.

La vasta attività di Amazon copre centri logistici, veicoli di consegna, dispositivi tecnologici, negozi di alimentari, servizi cloud, data center e altro ancora.

La maggiore crescita delle emissioni in percentuale è stata in una categoria che Amazon chiama beni strumentali, tra cui edilizia, server e altro hardware, attrezzature e veicoli.

71,54 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalenti segnano un aumento del 40% e il terzo anno consecutivo di aumento delle emissioni, da quando l'azienda ha iniziato a condividere i dati nel 2019

71,54 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalenti segnano un aumento del 40% e il terzo anno consecutivo di aumento delle emissioni, da quando l’azienda ha iniziato a condividere i dati nel 2019

In una visione positiva delle sue enormi emissioni di carbonio, Amazon ha affermato che la sua intensità di carbonio – le sue emissioni di carbonio divise per le vendite lorde di merci – è diminuita dell’1,9%.

Secondo l’azienda, il 2021 è il terzo anno consecutivo in cui la sua intensità di carbonio è diminuita e le continue diminuzioni dell’intensità di carbonio possono portare a una riduzione delle emissioni assolute.

Nella sua ricerca per diventare carbon neutral entro il 2040, Amazon costruirà edifici più sostenibili, utilizzerà più veicoli a emissioni zero e decarbonizzerà la sua catena di approvvigionamento, oltre ad alimentare tutte le operazioni con energia completamente rinnovabile in soli due anni.

L’anno scorso, ha raggiunto il traguardo di utilizzare l’85% di energia rinnovabile.

La vasta attività di Amazon copre centri logistici, veicoli di consegna, dispositivi tecnologici, negozi di alimentari, servizi cloud, data center e altro ancora

La vasta attività di Amazon copre centri logistici, veicoli di consegna, dispositivi tecnologici, negozi di alimentari, servizi cloud, data center e altro ancora

Amazon espande costantemente le sue opzioni di trasporto a emissioni zero come furgoni elettrici, biciclette da carico e consegne a piedi.

L’anno scorso, più di 100 milioni di pacchi sono stati consegnati alle porte dei suoi clienti in tutto il mondo utilizzando veicoli a emissioni zero.

Nel 2019, Amazon ha co-fondato The Climate Pledge e si è impegnata a raggiungere l’azzeramento delle emissioni di carbonio entro il 2040, un anticipo di 10 anni rispetto all’accordo di Parigi.

Ciò significa che tutte le sue emissioni di carbonio sarebbero bilanciate da schemi per compensare una quantità equivalente di gas serra dall’atmosfera.

Ora ci sono più di 300 aziende e organizzazioni che hanno firmato The Climate Pledge, impegnandosi anche a raggiungere lo zero netto entro il 2040, tra cui Sainsbury’s, Virgin Media O2, Salesforce, HP, Logitech e Avivia.

AMAZON PUBBLICA PER IL SECONDO TRIMESTRE DI $ 2,03 MILIARDI MA LE ENTRATE SUPERANO LE STIME

Amazon ha riportato la sua seconda perdita trimestrale consecutiva alla fine di luglio, ma i suoi ricavi hanno superato le aspettative di Wall Street, facendo salire notevolmente le sue azioni.

Il gigante dell’e-commerce con sede a Seattle ha anche affermato che sta facendo progressi nel controllo di alcuni dei costi in eccesso dalla sua massiccia espansione durante la pandemia di COVID-19.

Amazon ha perso 2,03 miliardi di dollari, o 20 centesimi per azione, nei tre mesi terminati il ​​30 giugno, a causa di una svalutazione di 3,9 miliardi di dollari del valore del suo investimento azionario nella start-up di veicoli elettrici Rivian Automotive.

Ciò rispetto a un profitto di $ 7,78 miliardi di un anno fa. Ha registrato una perdita di 3,84 miliardi di dollari nel primo trimestre di quest’anno, la prima perdita trimestrale dal 2015, segnata anche da un’ampia svalutazione di Rivian. Gli analisti si aspettavano un profitto di 12 centesimi nell’ultimo trimestre, secondo FactSet.

Ma Wall Street è stata incoraggiata dai 121,2 miliardi di dollari di fatturato di Amazon, superando le aspettative di 119 miliardi di dollari. I risultati sono arrivati ​​quando l’azienda tenta di far fronte alla mutevole domanda dei consumatori e ai costi più elevati, riducendo al contempo l’eccesso di magazzini che ha acquisito durante la pandemia di Covid-19.

Le azioni di Amazon.com Inc. sono aumentate di quasi il 14% nel trading after-hour.

Fonte: Associated Press

Leave a Reply

Your email address will not be published.