Le previsioni di tempesta solare colpiranno la Terra MERCOLEDI’

Tempesta solare prevista per colpire la Terra mercoledì: il “buco” nel sole sta aumentando i venti solari che potrebbero indebolire le reti elettriche e portare aurore straordinarie nelle regioni settentrionali

  • Un buco coronale sulla faccia del sole sta aumentando i venti solari che si stanno dirigendo verso la Terra
  • Ciò ha innescato un avvertimento per una tempesta geomagnetica minore di classe G1 che avrà un impatto sulla Terra mercoledì
  • Questa è la tempesta più bassa su una scala di cinque e può solo indebolire le fluttuazioni della rete elettrica o avere un leggero impatto sui satelliti

La Terra è sotto un avviso di tempesta solare per il 3 agosto, poiché la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) annuncia che esiste la possibilità che una tempesta geomagnetica minore di classe G1 colpisca il nostro pianeta.

Una tempesta G-1 può indebolire le fluttuazioni della rete elettrica, avere un impatto sui satelliti e potenzialmente innescare aurore nelle regioni intorno al polo settentrionale: in questo caso i colori elettrici si vedranno nei cieli del Canada e dell’Alaska. Tuttavia, è il più debole dei cinque classificati dalla NOAA.

La tempesta geomagnetica è dovuta a un buco coronale nella regione sud-ovest della faccia del sole che sta eruttando “materiale gassoso”.

Mike Cook, che lavora nelle operazioni di meteorologia spaziale, ha detto a DailyMail.com che il buco ha migliorato la velocità del vento solare sparando i venti solari in un flusso. Nota anche che si prevede che causerà condizioni G-1, ma dovremo “vedere se ciò si avvererà nelle prossime 24-48 ore”.

Scorri verso il basso per il video

La tempesta geomagnetica è dovuta a un buco coronale (nella foto) nella regione sud-ovest della faccia del sole che sta eruttando “materiale gassoso”

Il centro di previsione meteorologica spaziale della NOAA classifica le tempeste geometriche in cinque fasi: una è la più debole e cinque la più forte.

E quello fissato per questa settimana avrà un impatto molto basso su satelliti e tecnologie sulla Terra. Tuttavia, potrebbe confondere gli animali migratori che utilizzano il campo magnetico terrestre come strumento di navigazione.

Questo perché le tempeste geomagnetiche innescano correnti elettriche nella magnetosfera e nella ionosfera poiché l’area modellata dal campo magnetico terrestre viene compressa e disturbata.

C’era anche un bagliore C9.3 che è uscito dal sole domenica. I razzi di classe C sono piccoli con poche conseguenze evidenti sulla Terra, ma sono eccitanti da vedere.

C'era anche un bagliore C9.3 che è uscito dal sole domenica.  I razzi di classe C sono piccoli con poche conseguenze evidenti sulla Terra, ma sono eccitanti da vedere.  Il bagliore appare come un cerchio spezzato che esplode dal sole

C’era anche un bagliore C9.3 che è uscito dal sole domenica. I razzi di classe C sono piccoli con poche conseguenze evidenti sulla Terra, ma sono eccitanti da vedere. Il bagliore appare come un cerchio spezzato che esplode dal sole

Questo, tuttavia, non è esploso sul lato del sole rivolto verso la Terra, ma è esploso abbastanza da essere catturato dal Solar Dynamics Observatory della NASA, un velivolo che ha studiato la nostra enorme stella sin dal suo lancio nel 2010.

Il bagliore è stato catturato alla fine del 31 luglio. Questo grafico mostra che il bagliore è stato captato dai satelliti

Il bagliore è stato catturato alla fine del 31 luglio. Questo grafico mostra che il bagliore è stato captato dai satelliti

Ci vogliono 169.090 ore per raggiungere il sole se si viaggia a circa 550 miglia orarie.

“Il bagliore C9.3 di ieri proveniva da una regione che tecnicamente non si trova ancora sul disco rivolto verso la Terra, è appena intorno a NE [north eastern] arto”, ha detto Cook a Dailymail.com.

‘E i brillamenti solari stessi non causano tempeste geomagnetiche, è solo se un CME (espulsione di massa coronale) è associato a un brillamento E diretto verso la Terra.

I filamenti simili a serpenti sono CME, che sono grandi espulsioni di plasma e campo magnetico dalla corona solare, lo strato più esterno dell’atmosfera di una stella.

La Terra ha subito una tempesta solare il 19 luglio che ha portato con sé meravigliose aurore negli Stati Uniti settentrionali e in Canada.  Nella foto è un'immagine delle aurore su Seattle, Washington

La Terra ha subito una tempesta solare il 19 luglio che ha portato con sé meravigliose aurore negli Stati Uniti settentrionali e in Canada. Nella foto è un’immagine delle aurore su Seattle, Washington

La Terra ha subito una tempesta solare il 19 luglio che ha portato con sé meravigliose aurore negli Stati Uniti settentrionali e in Canada.

La tempesta ha fatto notizia durante il fine settimana quando la dottoressa Tamitha Skov ha annunciato di aver individuato un “filamento simile a un serpente” sulla superficie del sole venerdì – e si stava muovendo verso la zona di attacco terrestre.

Le aurore sono state viste venerdì mattina presto, proprio quando la tempesta ha colpito, riempiendo i cieli settentrionali di straordinarie sfumature elettriche di viola e verde.

Cook DailyMail.com il 19 luglio: ‘Ci sono stati diversi CME [coronal mass ejections] eruzioni degli ultimi giorni (tempeste solari) ma c’è anche un buco coronale (il buco nero come strutture) che è il disco centrale.’

“Dovremmo vederne l’impatto nei prossimi 2-3 giorni.”

Ed è corretto, lo spettacolo cosmico non è finito: lo Space Weather Prediction Center (SWPC) della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) mostra che una Classe G1 dovrebbe avere un impatto sul nostro pianeta già giovedì e venerdì.

Annuncio

Leave a Reply

Your email address will not be published.