L’Ucraina avverte che le esportazioni di grano impiegheranno “mesi” per raggiungere i livelli prebellici

Il ministro delle infrastrutture ucraino ha avvertito che ci vorranno mesi prima che le esportazioni di grano da Odesa e dai porti vicini raggiungano i livelli prebellici e alleviino la crisi alimentare globale nonostante l’allentamento del blocco russo nel Mar Nero.

Parlando dopo la partenza lunedì di una nave che trasportava mais da Odesa al Libano – la prima nell’ambito di un accordo tra Russia e Ucraina mediato dalle Nazioni Unite il mese scorso – Oleksander Kubrakov ha affermato di aspettarsi non più di cinque navi in ​​partenza nelle prossime due settimane da Odesa, Chornomorsk e Pivdennyi.

Lo scorso agosto, 194 navi per il trasporto di grano sono partite dai porti ucraini, inclusa Mariupol, ora controllata dalla Russia, secondo l’intermediario navale londinese Braemar. Odesa, Chornomorsk e Pivdennyi in precedenza gestivano circa il 60% di tutte le esportazioni di grano ucraine.

“Le prime due settimane saranno un regime pilota, quando avremo una, due, tre navi in ​​uscita, e poi riceveremo la prima, due, tre navi in ​​arrivo”, ha detto Kubrakov in un’intervista.

«Tra uno a uno e mezzo [months]Spero che se tutto andrà secondo i piani, il mercato vedrà che questo meccanismo funziona, che l’assicurazione è disponibile, che è più economica e semplificherà l’intero processo”.

Almeno 16 navi sono intrappolate nei porti ucraini con carichi ed equipaggio in attesa che le autorità mettano alla prova un passaggio sicuro attraverso le mine marine — posate sia dalla Russia che dall’Ucraina — e la minaccia dei missili russi. Mosca si è impegnata a non prendere di mira le navi che trasportano cibo se può effettuare ispezioni congiunte per assicurarsi che le navi di ritorno non contengano armi.

I prezzi di grano, mais e oli vegetali sono aumentati vertiginosamente sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina a febbraio. Ma la prospettiva di una riapertura del corridoio del Mar Nero, insieme ai timori di recessione globale e ai raccolti record in Russia, hanno recentemente spinto al ribasso i prezzi delle materie prime agricole.

Il grano di Chicago, il punto di riferimento internazionale, è sceso a meno di 8 dollari per staio, o livelli precedenti l’invasione di Mosca. Il mais ha perso quasi il 30% dal suo massimo di aprile.

Tuttavia, molti paesi vulnerabili che dipendono dal grano ucraino si trovano ad affrontare una grave insicurezza alimentare. L’Ucraina rappresenta l’80% delle importazioni di grano del Libano ed è un grande fornitore per paesi come Somalia, Siria e Libia.

Spostare le 20-25 milioni di tonnellate di grano intrappolate in Ucraina richiederà almeno 371 carichi di navi di medie dimensioni che possono trasportare 40.000-69.000 tonnellate di portata lorda – o quasi il doppio delle navi più piccole “Handysize” come la Razoni, che ha impostato salperà lunedì, secondo Braemar.

Kubrakov ha detto che sperava che alcuni passaggi sicuri avrebbero permesso al “libero mercato” di intervenire e aumentare il ritmo delle esportazioni.

Grafico a linee del grano CBOT ($ per staio) che mostra i prezzi del grano sono tornati ai livelli prebellici

Un funzionario delle Nazioni Unite ha affermato che il mondo dello shipping commerciale “stava aspettando di vedere” come sono andati i viaggi iniziali. “Ecco perché questa nave di prova è così importante: per creare fiducia, per mostrare che le navi possono entrare e uscire in sicurezza”, ha detto.

Chris McGill, capo della sottoscrizione del carico marittimo presso l’assicuratore Ascot, si è detto “preoccupato per l’accuratezza dei corridoi di sicurezza” perché la marea nel Mar Nero potrebbe spostare le mine.

Consentire alle navi bloccate di partire è anche vitale per creare spazio nei porti ucraini per l’arrivo delle navi, ha affermato il funzionario delle Nazioni Unite. “L’ambizione qui è di far uscire le navi, far entrare nuove navi e avere un traffico regolare”.

La complicata logistica della navigazione del Mar Nero e del Bosforo verso i porti subsahariani, che tendono a non essere molto profondi, significa che sarà necessario un gran numero di navi più piccole per traghettare il grano intrappolato, aumentando le prospettive di lunghe code mentre le navi sono in fase di controllo.

Intercargo, il gruppo commerciale per gli armatori di rinfuse solide, ha affermato che l’industria aveva bisogno di maggiore certezza che le navi mercantili non sarebbero state bombardate. Gli armatori sarebbero anche restii a inviare le loro navi nei porti se la situazione rimane instabile.

“Capisco che nessuno può dare garanzie”, ha detto Kubrakov, sottolineando che Odesa è stata colpita da razzi russi solo una settimana fa. “Ci auguriamo che questo non si ripeta, ma tali attacchi potrebbero creare problemi per il futuro”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.