L’Ucraina ha bisogno di più sostegno occidentale e politiche economiche più intelligenti per vincere la guerra

Lo scrittore è un ex vice governatore della Banca nazionale ucraina

Vladimir Putin ha predetto infamemente che l’Ucraina sarebbe stata conquistata nel giro di pochi giorni. L’Occidente era altrettanto scettico sulle possibilità dell’Ucraina di sopravvivere a un assalto russo. Tuttavia, sono trascorsi più di 150 giorni dall’inizio dell’invasione russa su vasta scala dell’Ucraina e Putin è ben lontano dal raggiungere il suo obiettivo originale di distruggere l’Ucraina come stato indipendente. Le precedenti previsioni di una breve guerra sono state completamente screditate e i commentatori di tutte le parti non escludono più che possa continuare per molti altri mesi, se non anni.

Una maggiore durata del conflitto invecchia non solo la strategia militare ma anche il calcolo macroeconomico. All’inizio della guerra, le politiche macroeconomiche dell’Ucraina miravano a controllare le aspettative ed evitare il panico. Queste politiche si basavano sul controllo dei prezzi – ad esempio, il tasso di cambio grivna-dollaro era fissato al livello prebellico – e sulla fornitura di misure provvisorie a sostegno delle imprese e delle famiglie, come la sospensione dei dazi all’importazione. Queste risposte erano appropriate per affrontare lo shock iniziale. Ma mentre la guerra avanza, devono essere aggiustati o l’Ucraina andrà incontro a una catastrofe economica.

La Banca nazionale ucraina, la banca centrale del paese, ha un lavoro apparentemente impossibile. In primo luogo, il tasso di cambio fisso fornisce un importante ancoraggio nominale. In secondo luogo, la NBU è responsabile della salute del sistema finanziario per garantire che l’economia abbia accesso alla liquidità e che il sistema di pagamento funzioni senza intoppi. La banca centrale ha un certo potere sui flussi di capitali, ma i rifugiati ucraini nell’UE e in altri paesi devono poter utilizzare la preziosa valuta forte per mantenersi. In terzo luogo, la NBU deve coprire le vaste esigenze fiscali del governo per pagare lo sforzo bellico.

Nel breve periodo, questo mix di politiche può funzionare. Ad esempio, la banca centrale può bruciare riserve di valuta estera. Ma non è compatibile con gli orizzonti più lunghi della guerra. Se le politiche non vengono modificate, la NBU deve affrontare la prospettiva di un’inflazione elevata, un pericoloso esaurimento delle riserve valutarie e il rischio di una crisi valutaria o un panico bancario.

Le risorse limitate del governo lasciano poche opzioni piacevoli. Di recente, la banca centrale ha dovuto svalutare la grivna del 25%. Ma questo probabilmente fornirà solo un sollievo temporaneo poiché potrebbe essere necessaria un’altra svalutazione. In alternativa, la grivna potrebbe essere autorizzata a fluttuare più liberamente, contribuendo a far fronte agli squilibri accumulati nell’economia. Ma questo rischia di arrivare a costo di perdere un’ancora nominale. L’obiettivo dell’inflazione prebellica è meno utile, dato l’incerto meccanismo di trasmissione monetaria del tempo di guerra.

Le autorità fiscali potrebbero anche cercare di aumentare le entrate e controllare la spesa. Queste opzioni sono difficili. È difficile aumentare le tasse quando l’economia è debole. Ma una possibilità è tassare l’economia sommersa tramite tasse non dirette come accise o aumenti dei dazi all’importazione.

Il ministero delle finanze deve finalmente accettare la realtà e iniziare a prendere in prestito sul mercato del debito locale a tassi molto più elevati, piuttosto che fare costantemente affidamento sul finanziamento monetario della NBU per coprire le carenze di bilancio. Finora, i tentativi di prendere in prestito a tassi di interesse reali profondamente negativi sono stati piuttosto infruttuosi. In ogni caso, il compito dell’Ucraina è chiaro: la posizione fiscale deve essere notevolmente migliorata per sostenere lo sforzo bellico per un lungo periodo.

Ma gli alleati dell’Ucraina devono affrontare compiti macroeconomici propri. Il mio paese difende la sicurezza in Europa. In effetti, l’ordine globale viene deciso in Ucraina. Se vincerà la Russia di Putin, la legge della giungla sarà il nuovo regime nelle relazioni internazionali.

Ma per continuare a combattere e vincere, l’Ucraina ha bisogno non solo di molte più armi, ma anche di un sostegno economico su larga scala. Dall’inizio della guerra, l’Ucraina ha ricevuto un sostegno esterno per un importo di 2,5-3 miliardi di dollari al mese. Il finanziamento esterno previsto per la seconda metà del 2022 è di 18 miliardi di dollari, una somma significativa, ma ben al di sotto delle esigenze della nazione. Per evitare la calamità economica in Ucraina e sostenere la sua capacità di combattere, gli alleati devono sborsare importi molto maggiori di circa 4-5 miliardi di dollari al mese nel prossimo futuro.

Ogni giorno di guerra significa più vite perse, bambini traumatizzati e case distrutte. Il costo economico della guerra non è meno sbalorditivo e tocca tutti: dalle infrastrutture in rovina in Ucraina allo spettro della fame in Africa e altrove. L’Ucraina deve vincere questa guerra e vincerla rapidamente. Ma per molto tempo sembrava sempre più lo scenario di base. Ciò richiede la ricalibrazione delle politiche macroeconomiche in Ucraina e nei paesi alleati per assicurarsi che l’economia ucraina possa sostenere lo sforzo bellico per tutto il tempo necessario.

Leave a Reply

Your email address will not be published.