Momento speciale per Marx quando gli Springboks incontrano gli All Blacks



Sarà una grande occasione per la prostituta di Springbok Malcolm Marx quando guiderà la squadra nei suoi 50 anni.th apparizione nella partita di apertura del campionato di rugby contro gli All Blacks allo stadio Mbombela sabato.

Marx segue le orme della collega prostituta Bongi Mbonambi, che ha compiuto 50 annith apparizione nel terzo test decisivo contro il Galles, con Marx che ora prende il suo posto nella formazione titolare per lo scontro del fine settimana.

LEGGI ANCHE: Malherbe non sottovaluta gli All Blacks

“Vogliamo sempre renderlo speciale per i giocatori, se è possibile, perché non è sempre possibile, ma se un ragazzo gioca un test match fondamentale è bello iniziarlo”, ha spiegato l’allenatore del Bok Jacques Nienaber.

“Questo non vuol dire che non ruoteremo, come abbiamo fatto in prima fila in passato, ma in questo gioco specifico è bello iniziare un ragazzo che raggiunge un traguardo significativo.

“Le nostre prime file lavorano come un’unità insieme, hanno ruoli specifici che devono svolgere, quindi siamo fiduciosi che Malcolm svolgerà il suo ruolo di titolare e Bongi lo farà quando esce dalla panchina”.

Pochi cambiamenti

L’altra modifica alla formazione titolare della squadra che ha affrontato il Galles qualche settimana fa vede Kurt-Lee Arendse subentrare sulla fascia dell’infortunato Cheslin Kolbe, mentre Faf de Klerk torna in campo di mischia, con Jaden Hendrikse che scende in campo. la panca.

L’unico altro cambiamento nella partita 23 vede Lock Salmaan Moerat entrare in panchina al posto di Elrigh Louw.

“Kurt-Lee si è comportato bene in quel secondo test contro il Galles e ci sono molte somiglianze tra il suo gioco e quello di Cheslin, quindi stiamo ottenendo un giocatore simile. Stiamo anche premiando la prestazione perché ho pensato che fosse eccezionale”, ha detto Nienaber.

“Con Faf è con Noi da molto tempo. Abbiamo vinto grandi partite con lui in passato, come la Coppa del Mondo e la serie British e Irish Lions. Quindi è bello riaverlo nel mix. Penso che avremo bisogno di lui e delle sue abilità in questo particolare gioco ed è per questo che abbiamo deciso di andare con lui”.

Guardando la sfida degli All Blacks, a Nienaber è stato chiesto se la dirigenza del Bok avesse preso qualcosa di utile dalla sconfitta in serie contro gli irlandesi in Nuova Zelanda.

“L’Irlanda è una squadra di qualità, si sono lanciati con intensità e la loro esecuzione e il piano che avevano erano buoni. Ma questo è il punto, non siamo l’Irlanda, non siamo il Leinster, non giochiamo come loro”, ha ammesso Nienaber.

“Quindi la cosa principale che abbiamo eliminato da quella serie è che qualunque piano tu decida di affrontare gli All Blacks, dovrai portare intensità e precisione in quel piano. “

Clicca qui per l’intero team Springbok per affrontare gli All Blacks.

Leave a Reply

Your email address will not be published.