Kenya: siccità e aumento dei prezzi del grano, insicurezza del carburante

La pestilenza del Covid è ancora nell’aria soffocata dalla polvere, il terreno è cotto dalla siccità. L’omicidio e la miseria sembrerebbero biblici, se non fossero così moderni.

Il Sahel e il Maghreb, infatti, hanno sperimentato una crescente desertificazione e, con essa, frenetiche crisi umanitarie e crescenti violenze, soprattutto da parte degli estremisti islamici.

In Kenya, le uccisioni nel nord non hanno (ancora) una spinta neoreligiosa. Ma la crescente insicurezza, in un paese che è stato tradizionalmente visto come il fulcro stabile della diplomazia e umanitaria nel Corno d’Africa dilaniato dalla guerra, è alimentata da molti degli stessi fattori che hanno infiammato il Sahel.

L’omicidio di dozzine di persone negli ultimi due anni, tra cui due capi a Marsabit, 160 miglia a nord della città di Isiolo, e altre otto in un attacco lo scorso maggio non lontano dal capoluogo di regione, ha provocato una feroce repressione da parte della polizia del Kenya e di altri forze.

Dopo una perlustrazione nella contea di Marsabit a giugno, la polizia ha catturato 200 mitragliatrici, fucili automatici e altre armi oltre a circa 3.000 proiettili.

Proprio come nell’Africa occidentale, i problemi del Kenya sono aggravati dai cambiamenti climatici.

Il Kenya sta attraversando la peggiore siccità degli ultimi 40 anni, secondo il governo e le Nazioni Unite. Più di quattro milioni di persone sono “insicure dal punto di vista alimentare” e 3,3 milioni non riescono ad avere abbastanza acqua da bere.

In tutto il Corno d’Africa, quella cifra balza a 11,6 milioni.

Ileret, sulla sponda settentrionale del lago Turkana, è notoriamente arida. Ma i pastori nomadi locali sono riusciti a esistere, persino a prosperare, in condizioni difficili per secoli. I loro armenti di capre e cammelli vengono periodicamente ingrassati da pascoli freschi che emergono dalla savana quando ogni tanto piove.

Per più di due anni non è più così. Funzionari locali del distretto di Ileret hanno detto alla CNN che circa l’85% del bestiame qui è morto. Le mandrie sopravvissute vengono portate a sud in cerca di pascolo.

In ogni caso, coloro che sono rimasti indietro non hanno quasi nulla su cui vivere.

Akuagok è una vedova che vive in a moltiatta (raccolta di capanne nomadi) a circa mezz’ora a nord di Ileret. Mantiene un po’ del vento del deserto ma poca polvere dai polmoni dei suoi sei figli.

Sopravvive con un pasto ogni tre giorni, il che dipende dal fatto che sia in grado di vendere carbone a Ileret per acquistare grano non macinato che i suoi figli più grandi macinano a mano con una pietra e poi mescolano con acqua in chapattis

“Mangio quando posso. Per lo più non mangio tutti i giorni. A volte quando vendo carbone posso mangiare forse una o due volte in tre giorni”, dice.

Il suo più giovane, Arbolo, ha due anni. Si lamenta quando viene sdraiato per una misurazione dell’altezza in una missione di sensibilizzazione da Medecins sans Frontieres (MSF), ma è svogliato quando la misurazione della circonferenza della parte superiore del suo braccio appare rossa sul nastro di MSF che misura l’entità della malnutrizione. Il rosso significa che è gravemente malnutrito, ciò che la maggior parte delle persone direbbe è “morire di fame”.

Un bambino malnutrito misurato a Ileret, nel nord del Kenya.

I membri della tribù di Akuagok, i Daasanach, si affollavano intorno a lei gridando le proprie storie di perdita: la perdita di amici a causa di malattie forse causate dalla fame, la perdita di animali e come ora, anche quando guadagnano pochissimi soldi, non è mai abbastanza cavarsela

Qui, a Ileret, il costo del cibo è triplicato da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio di quest’anno. L’Ucraina produceva l’11,5% del grano mondiale per l’esportazione e il 17% del mercato mondiale di esportazione del mais. La farina di mais, nota come ugali, è l’alimento base del Kenya. In tutto il Kenya, il prezzo di Ugali è almeno raddoppiato per la maggior parte delle persone.
Anche se piove a Ileret, la vita di Akuagok non migliorerà molto. Non ha più animali ed è improbabile che i prezzi del cibo scendano molto. Il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite, che potrebbe intervenire, di solito ottiene il 40% del suo grano dall’Ucraina. L’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura chiede 172 milioni di dollari di aiuti per il Corno d’Africa per evitare la catastrofe. Ma mentre la guerra in Ucraina continua, quella cifra aumenterà sicuramente.
Una madre allatta il suo bambino malnutrito a Ileret, nel nord del Kenya.

Il Kenya ha già sperimentato attacchi di illegalità e invasioni di terre. Ma per molti, anche le persone abituate a vedere il proprio gruppo etnico assumere violentemente il pascolo o fare razzie del bestiame, in Kenya c’è stato un cambiamento per il peggio.

Lemarti Lemar, un leader della comunità di Samburu e noto musicista, afferma di aver perso “almeno 30” capi di bestiame a causa della siccità.

“Le persone stanno semplicemente perdendo tutto ciò che possiedono. Se un ragazzo perde 50 capi di bestiame, è una perdita di $ 25.000 o più. Ma più pericoloso è che i giovani morano (i guerrieri) non hanno più bestiame a cui badare. Si impossessano di armi illegali, non hanno niente da fare. Hanno smesso di ascoltare gli anziani e alcuni sono diventati gangster”, ha detto alla CNN.

“Stiamo perdendo il controllo”, ha aggiunto.

Il Kenya dovrà affrontare le elezioni generali a metà del prossimo mese. Il processo provoca spesso timori di instabilità nel paese e, se i risultati vengono contestati, il potenziale di violenza politica potrebbe aumentare.

Nelle comunità emarginate delle contee settentrionali, i politici urbani hanno reso omaggio agli orrori che si stanno svolgendo. Il governo ha interrotto e rapidamente ripristinato i sussidi sul carburante a luglio. Ma poiché la popolazione del Kenya è in gran parte concentrata nel centro e nel sud del paese, l’insicurezza settentrionale non è stata una questione elettorale importante.

Prezzi alimentari più alti e commercio in calo.  Come la guerra in Ucraina potrebbe colpire l'Africa

Ma ciò potrebbe essere imposto al governo centrale dopo le elezioni, poiché i pastori che cercano il pascolo ora portano cammelli a brucare le siepi a Isiolo.

Alla ricerca di pascoli, hanno invaso parchi naturali e santuari, avvicinandoli sempre più alle attrazioni turistiche che sono una delle maggiori fonti di esportazione del Kenya.

Non è stato fatto alcuno sforzo per scacciarli, ma il pesante tributo del loro bestiame sul paesaggio significa che farà fatica a riprendersi nelle prossime piogge, se mai arriveranno.

L’esperienza passata in tutta l’Africa ha dimostrato che la siccità combinata con il pascolo eccessivo significa che quando le piogge cadono, lava via il terriccio in grandi quantità. Una volta che ciò accade, non resta che deserto, dopo pochi anni.

“Ogni volta che trovi persone affamate e senza altre opzioni, hai una situazione di sicurezza. (Nel) nord del Kenya siamo confinanti con il Sud Sudan, l’Etiopia e la Somalia, che sono ancora nella morsa del conflitto che vomita armi leggere in questo ecosistema, quindi hai un sacco di armi quassù e una fame crescente, quindi sì, direi che è un problema di sicurezza crescente”, ha affermato Frank Pope, CEO dell’organizzazione benefica Save the Elephants, con sede in Kenya Riserva Nazionale di Samburu.

L’organizzazione di Pope lavora anche con gli elefanti in Mali, nell’Africa occidentale, gran parte dei quali, avverte ora, non molto tempo fa era savana, ma ora sostiene solo “elefanti, capre e ribelli”.

La combinazione di siccità, aumento dei prezzi del cibo e del carburante a causa di una guerra lontana, una popolazione in crescita e guerre civili alle porte del Kenya è un mix incendiario.

E questa potrebbe essere una cattiva notizia per le operazioni umanitarie nelle vicine Somalia, Etiopia e Sud Sudan, che dipendono dai porti del Kenya, e una relativa calma, come base operativa e luogo essenziale per la logistica.

E mentre gli effetti del cambiamento climatico prendono piede in Kenya, mentre i bambini affrontano la malnutrizione e le loro madri deperiscono, aggravata dalla disperata battaglia per la sopravvivenza di nomadi e pastori, questa regione un tempo stabile sta mostrando pochi segni che possa farcela da sola.

Leave a Reply

Your email address will not be published.