La prima nave cerealicola ucraina è autorizzata a lasciare il Mar Nero

La prima nave cerealicola a salpare dall’Ucraina in mesi è stata autorizzata a intraprendere l’ultima tappa del suo viaggio dopo aver superato un’ispezione da parte di un team di osservatori internazionali nelle acque turche.

La Razoni battente bandiera della Sierra Leone, che trasportava 26.000 tonnellate di mais ucraino, è salpata mercoledì dall’ingresso settentrionale dello stretto del Bosforo in Turchia e si è diretta al porto libanese di Tripoli.

Prima della sua partenza, la nave portarinfuse è stata ispezionata da rappresentanti di Russia, Ucraina, Turchia e Nazioni Unite in base a un accordo raggiunto da Mosca e Kiev volto ad alleviare una crisi alimentare globale.

La Russia aveva spinto per l’ispezione delle navi da e per l’Ucraina come parte dell’accordo, presumendo che potessero essere utilizzate per traghettare armi alle forze armate ucraine.

Le fotografie condivise dal ministero della Difesa turco, che insieme alle Nazioni Unite hanno svolto un ruolo centrale nell’intermediazione dell’accordo, mostravano un gruppo di ispettori con elmetti bianchi che salivano su una scala di corda per salire a bordo della nave.

Razoni ha lasciato il porto di Odesa sul Mar Nero lunedì mattina dopo settimane di negoziati culminati in un accordo con la Russia che prometteva di non attaccare le navi cerealicole in cambio dell’impegno delle Nazioni Unite a lavorare per sbloccare l’esportazione di cibo e fertilizzanti russi verso i mercati globali .

Dopo un viaggio durato quasi 36 ore e che ha comportato la navigazione in acque cariche di mine, martedì notte la nave è arrivata sana e salva all’ingresso settentrionale del Bosforo vicino a Istanbul.

Gli ispettori hanno effettuato “un’ispezione di tre ore”, secondo una dichiarazione del Centro di coordinamento dell’Agenzia congiunta per l’accordo sul grano.

Ha aggiunto che sono stati in grado di “discutere con l’equipaggio e ottenere preziose informazioni sul viaggio della nave lungo il corridoio umanitario marittimo” nel Mar Nero, che è minato ed è costantemente minacciato dai missili russi.

Almeno altre 16 navi sono in attesa della partenza da Odesa come parte dell’accordo, che le Nazioni Unite sperano incoraggerà i commercianti di grano e le compagnie cargo a spedire nuove navi in ​​Ucraina. Mentre Kiev ha accolto con favore i progressi, i funzionari ucraini hanno anche espresso dubbi sulla volontà di Mosca di attenersi all’accordo in un momento in cui i combattimenti continuano e c’è una profonda sfiducia tra i due paesi.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha definito la partenza dei Razoni un “passo significativo”. Ma ha anche invitato la Russia a fermare gli attacchi ai terreni agricoli ucraini rendendoli inutilizzabili e distruggendo le infrastrutture agricole.

Video: il protezionismo potrebbe peggiorare ulteriormente l’insicurezza alimentare? | FT Rivoluzione alimentare

Leave a Reply

Your email address will not be published.