Le sospensioni più importanti della NFL

Il quarterback Deshaun Watson è stato sospeso lunedì per sei partite per aver violato la politica di condotta personale della NFL e non è stato multato, concludendo l’indagine di 15 mesi della lega sulle accuse di cattiva condotta sessuale avanzate contro di lui da più di due dozzine di donne.

È stata la prima decisione disciplinare di un giocatore della NFL ad essere gestita da un processo arbitrale stabilito nel contratto collettivo di lavoro del 2020, che ha cercato di rafforzare un sistema che era stato criticato per incoerenze e potenziali conflitti di interesse.

Da quando Roger Goodell è diventato commissario della NFL nel 2006, ha preso una posizione più severa sulle punizioni dei giocatori rispetto ai suoi predecessori, imponendo alcune delle squalifiche più lunghe nella storia della lega. La politica di condotta personale include disposizioni per penalizzare i giocatori anche se le loro trasgressioni non hanno portato a condanne penali.

Ma mentre Goodell una volta esercitava il potere unilaterale nell’azione disciplinare, le revisioni della politica nell’ultimo decennio hanno spostato parte del processo su terze parti. La sanzione di Watson è stata inflitta da un giudice federale in pensione che è stato approvato congiuntamente dalla lega e dal sindacato dei giocatori. Ma Goodell, o qualcuno da lui nominato, avrebbe ancora l’ultima parola se la lega appellasse la decisione.

Ecco alcune delle sospensioni più importanti dei giocatori della NFL durante il mandato di Goodell come commissario:

Leave a Reply

Your email address will not be published.