Le vendite di autocarri pesanti e le miglia percorse da veicoli sono cresciute come indicatori coincidenti

Il rischio calcolato mi ricorda che le vendite di autocarri pesanti sono qualcosa che crolla durante le recessioni. Mi sono chiesto come confrontare la variazione di 12 mesi in questa variabile con la corrispondente variazione delle miglia percorse dal veicolo (suggerito da Steven Kopits). Quest’ultimo fa piuttosto schifo.

Figura 1: Probabilità di recessione utilizzando i cambiamenti contemporanei di 12 mesi nelle vendite di autocarri pesanti (blu) e nelle miglia percorse dai veicoli (marrone chiaro). Soglia del 50% linea rossa tratteggiata. NBER ha definito le date di recessione da picco a minimo ombreggiate in grigio.

Il McFadden R2 della regressione degli autocarri pesanti è del 28%, contro il 7% delle miglia percorse dal veicolo (VMT). Si può anche vedere semplicemente usando la soglia del 50% la regressione del camion cattura tutte le recessioni dal 1970 in poi, senza falsi positivi, mentre la regressione delle miglia del veicolo mancherà ogni recessione tranne il 2020, a meno che non venga utilizzata una soglia assurdamente bassa del 25% (nel qual caso abbiamo un falso positivo per il 1995). I risultati cambiano a malapena se si utilizza la misura preferita di Kopits, la variazione in 12 mesi che segue la media mobile. In realtà, per essere tecnici, VMT è un pessimo indicatore coincidente di recessione.

In nessuno dei due casi è prevista una recessione per maggio (13% per le miglia dei veicoli) o luglio (4% per gli autocarri pesanti) 2022 (ultimi dati rispettivamente per le miglia dei veicoli e le vendite di autocarri).

Questa voce è stata pubblicata il di Menzie Chinn.

Leave a Reply

Your email address will not be published.