Vin Scully ha avuto un ruolo nel Super Bowl migliorando l’esperienza dei fan

Tutti sanno che Vin Scully è stato un meraviglioso appuntamento fisso del baseball dei Dodgers.

Ma lo sapevi che ha avuto un ruolo nel cambiare il Super Bowl?

All’inizio del 1983, quando la NFL ha giocato la sua partita principale al Rose Bowl – i Miami Dolphins contro i Washington Redskins – la lega per la prima volta ha trasmesso il suono play-by-play nei tunnel e nei servizi igienici dello stadio e ha installato TV a la concessione sta.

Ciò derivava da qualcosa a cui il dirigente della NFL Jim Steeg aveva assistito mesi prima al Dodger Stadium.

“È divertente perché molte cose tornano al Dodger Stadium”, ha detto Steeg, che per anni ha supervisionato il Super Bowl. “Ricordo di essere andato a una partita dei Dodger ed ero in bagno e ho sentito la voce di Vin Scully in bagno. E io dico: ‘Wow, è incredibile. I Dodgers sono così intelligenti che mettono il suono in tutti i bagni.’

“Quale posto migliore per quello? La cosa peggiore che tu abbia mai avuto è quando devi entrare e andare in bagno, succede qualcosa e non sai cosa diavolo sta succedendo. Che idea brillante è stata quella di inserire il suono.

«Ma non avevano il suono. Erano tutti con le loro piccole radio a transistor. Quindi la mia idea era, OK, mettiamo il suono lì dentro. Quindi l’abbiamo fatto, abbiamo messo il suono negli ascensori, lo abbiamo messo negli atri. Mettiamo monitor negli stand delle concessioni”.

Scully, morta martedì a 94 anni, notoriamente chiamata “The Catch”, lo storico touchdown da Joe Montana a Dwight Clark che ha permesso ai San Francisco 49ers di battere i Dallas Cowboys nella finale della NFC il 10 gennaio 1982.

Ed è anche uno dei motivi per cui assistiamo ancora alle partite della NFL, non importa dove ci troviamo in uno stadio.

Leave a Reply

Your email address will not be published.