I campioni di acque reflue al di fuori di New York City suggeriscono una diffusione nella comunità

Particella del virus della poliomielite, illustrazione del computer.

Kateryna Kon | Biblioteca fotografica scientifica | Getty Images

La poliomielite è stata trovata in campioni di acque reflue prelevati da due contee al di fuori di New York City, indicando che il virus si sta diffondendo nella comunità, secondo funzionari sanitari statali.

Secondo il Dipartimento della salute dello Stato di New York, i campioni di acque reflue prelevati da due diverse località della contea di Orange nei mesi di giugno e luglio sono risultati positivi al virus.

I risultati arrivano dopo che un adulto non vaccinato nella contea di Rockland ha contratto la poliomielite, ha sofferto di paralisi e ha dovuto essere ricoverato in ospedale il mese scorso. La poliomielite è stata successivamente trovata in campioni di acque reflue della contea di Rockland. La contea di Rockland confina con la contea di Orange.

“Questi risultati ambientali, che indicano ulteriormente una potenziale diffusione nella comunità, oltre al caso di poliomielite paralitica identificato tra un residente della contea di Rockland, sottolineano l’urgenza che ogni adulto e bambino di New York venga vaccinato contro la polio, in particolare quelli nell’area metropolitana di New York. “, hanno detto i funzionari sanitari di New York.

Il ceppo di poliomielite che l’adulto ha catturato nella contea di Rockland suggerisce che la catena di trasmissione non è iniziata negli Stati Uniti. Il ceppo contratto dall’individuo viene utilizzato nel vaccino antipolio orale, che contiene una versione lieve del virus che può ancora replicarsi. Ciò significa che le persone che ricevono il vaccino orale possono diffondere il virus ad altri.

Ma gli Stati Uniti non usano il vaccino antipolio orale da più di 20 anni. Gli Stati Uniti utilizzano un vaccino antipolio inattivato che viene somministrato con un’iniezione alla gamba o al braccio. Il vaccino utilizza un ceppo virale non replicante, il che significa che le persone che ricevono il vaccino non possono infettare altre persone.

Il caso di poliomielite a New York è geneticamente legato al campione di acque reflue della contea di Rockland, nonché a campioni della grande area di Gerusalemme in Israele e di Londra nel Regno Unito. Le autorità sanitarie del Regno Unito hanno dichiarato un incidente nazionale a giugno dopo aver rilevato la poliomielite nei campioni di acque reflue di Londra.

“I newyorkesi dovrebbero sapere che ciò non implica che il singolo caso identificato nella contea di Rockland, New York, abbia una storia di viaggio in Israele o nel Regno Unito”, ha affermato il dipartimento della salute dello stato di New York.

Nessun caso di polio si è verificato negli Stati Uniti dal 1979 e la nazione è stata considerata libera dalla polio da allora, secondo i Centers for Disease Control and Prevention. La poliomielite causò una paura diffusa negli anni ’40 prima che i vaccini fossero disponibili. Il virus ha disabilitato più di 35.000 persone ogni anno durante quel periodo, secondo il CDC.

Ma una campagna di vaccinazione di successo negli anni ’50 e ’60 ha ridotto drasticamente il numero di infezioni. I casi di poliomielite sono ancora segnalati negli Stati Uniti, ma sono legati ai viaggiatori che portano il virus nel Paese. Il caso nella contea di Rockland è la prima volta che gli Stati Uniti confermano un’infezione dal 2013. Lo stato di New York ha confermato l’ultima volta un’infezione nel 1990.

Salute e scienza della CNBC

Leggi l’ultima copertura sanitaria globale della CNBC:

Leave a Reply

Your email address will not be published.