Senatori, esperti esortano Biden a negare il visto al presidente iraniano prima dell’Assemblea generale dell’Onu

NUOVOOra puoi ascoltare gli articoli di Fox News!

I piani per la partecipazione del presidente iraniano Ebrahim Raisi all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a settembre, nonostante le sanzioni statunitensi, hanno spinto funzionari ed esperti a chiedere al presidente Biden di negare alla delegazione qualsiasi visto.

“L’amministrazione Biden ha pubblicamente riconosciuto che il regime di Teheran sta attivamente complottando per assassinare gli americani”, ha detto a Fox News Digital Richard Goldberg, ex funzionario del Consiglio di sicurezza nazionale e consigliere senior della Foundation for Defense of Democracies. “Come possono rilasciare i visti alle persone responsabili del complotto? Sarebbe pienamente coerente con la legge statunitense e gli obblighi dei trattati negare a Raisi e alla sua delegazione i visti per motivi di sicurezza nazionale”.

Il portavoce del governo iraniano Ali Bahadori Jahromi ha annunciato che il governo ha fissato piani preliminari per la partecipazione di Raisi all’evento annuale, il primo da quando è entrato in carica. L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite inizierà il 13 settembre a New York City, con il Dibattito Generale che inizierà una settimana dopo. Raisi ha disegnato un punto di riferimento nella seconda giornata del dibattito.

Gli Stati Uniti hanno accusato Raisi, stretto alleato del leader supremo Ayatollah Ali Khamenei, di diverse violazioni dei diritti umani, comprese esecuzioni di massa e repressione degli oppositori politici. È entrato in carica il 5 agosto 2021, ma non ha partecipato all’Assemblea generale dell’anno scorso.

NOI CERCANO DI PRENDERE UN MISTERIOSO AEREO FERMATO IN ARGENTINA E COLLEGATO ALL’IRAN

Funzionari americani hanno incluso Raisi in un elenco di funzionari iraniani sanzionati per violazioni dei diritti umani nel 2019.

Ebrahim Raisi, candidato alle elezioni presidenziali iraniane, saluta i media dopo aver espresso il suo voto in un seggio elettorale a Teheran, in Iran, il 18 giugno 2021, il giorno delle elezioni presidenziali della Repubblica islamica. Il presidente in carica del paese, Hassan Rouhani, non è idoneo a ricandidarsi dopo aver scontato due mandati.
(Foto di Majid Saeedi/Getty Images)

Un gruppo di sette senatori repubblicani tra cui il senatore Tom Cotton, R-Ark., Marco Rubio, R-Fla., e Ted Cruz, R-Texas, martedì ha inviato una lettera a Biden esortandolo a negare i visti alla delegazione iraniana per impedire loro di partecipare all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

DIPARTIMENTO DI STATO APPROVA LA POTENZIALE VENDITA DI 300 MISSILI PATRIOT ALL’ARABIA SAUDITA

“Il coinvolgimento di Raisi nell’omicidio di massa e la campagna del regime iraniano per assassinare funzionari statunitensi sul suolo americano rendono l’ingresso di Raisi e dei suoi scagnozzi nel nostro Paese una minaccia imperdonabile per la sicurezza nazionale”, hanno scritto i senatori.

“Se sono vere notizie recenti secondo cui Raisi intende partecipare all’Assemblea generale delle Nazioni Unite, la Casa Bianca deve negare a Raisi e ad altri funzionari iraniani i visti per partecipare”, continuava la lettera. “Consentire a Raisi di recarsi negli Stati Uniti, mentre i suoi agenti lavorano attivamente per assassinare alti funzionari americani sul suolo statunitense, metterebbe in grave pericolo la nostra sicurezza nazionale, data la probabile presenza di agenti dell’IRGC nella delegazione iraniana”.

L’IRAN GUADAGNA IN SUD AMERICA MENTRE BIDEN ADMIN PERSEGUISCE L’AFFARE NUCLEARE

Raisi è rimasta una figura chiave nelle discussioni con gli Stati Uniti sulla resurrezione del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), comunemente noto come Iran Nuclear Deal. Ha preso una posizione dura nei confronti dei negoziati, chiedendo che gli Stati Uniti revocassero le sanzioni prima che Teheran facesse qualsiasi accomodamento, un punto che ha ripetuto durante il suo discorso inaugurale.

L’ONU nel 2015 ha approvato la risoluzione 2231, che ha sostenuto la “piena ed effettiva attuazione” del PACG.

CLICCA QUI PER OTTENERE L’APP FOX NEWS

Gli Stati Uniti si sono allontanati dal JCPOA nel 2018 come parte di una campagna di “massima pressione” contro Teheran, ma i funzionari americani hanno affermato di avere il diritto, ai sensi della risoluzione 2231, a una clausola di “snapback” per consentire a una singola nazione di reimporre tutte le sanzioni all’Iran .

Adam Shaw di Fox News ha contribuito a questo rapporto.

Leave a Reply

Your email address will not be published.