Il mondo F1 reagisce al licenziamento della McLaren Daniel Ricciardo: “Fatto sporco”

Daniel Ricciardo potrebbe essere ben al di fuori della top 10 nella classifica dei piloti di F1, ma rimane una delle figure più popolari di questo sport.

E il suo esercito di sostenitori era al completo dopo che è stato rivelato che la McLaren intende sostituirlo con il giovane pilota australiano Oscar Piastri la prossima stagione nonostante Ricciardo avesse un contratto per il 2023.

Guarda tutte le prove libere, le qualifiche e le gare del FIA Formula One World Championship™ 2022 in diretta su Kayo. Nuovo su Kayo? Inizia subito la tua prova gratuita >

La carriera del 33enne è stata in qualche modo una spirale discendente dai suoi giorni in cui ha superato Sebastian Vettel e sfidato regolarmente Max Verstappen alla Red Bull. Ma nessuno vuole che finisca così.

Nate Saunders di ESPN ha riferito che quattro squadre hanno recentemente suonato Ricciardo per “vedere dove è la sua testa” e hanno sbattuto la McLaren per il trattamento riservato all’australiano.

“Si riflette molto male su Brown e McLaren su come hanno trattato Ricciardo negli ultimi sei mesi”, ha scritto Saunders. Ricciardo, l’unico pilota McLaren ad aver vinto una gara di F1 dal 2012, è stato il primo ad ammettere che le sue prestazioni non sono state all’altezza degli standard fissati in Red Bull e Renault, ma sembra che sia stato fatto come un capro espiatorio per deviare dai problemi più profondi della squadra.

Non era il solo a salutare la classe dell’australiano durante una stagione turbolenta.

“Tra tutti i trambusti e le pressioni devi elogiare Ricciardo per la sua grazia e professionalità in questi ultimi mesi”, ha twittato Tom Gaymor. “Dice tutto di lui come uomo, è un atto di classe e spero che continui a sorridere e a farlo a modo suo”.

Ma altri la vedevano diversamente, credendo che Ricciardo sia una forza esaurita e che il suo sostituto sia parte integrante della natura spietata della F1.

“Ricciardo sta assaporando la sua stessa medicina quando ha lasciato la Renault per unirsi alla McLaren e questa è la prova che quella non era la mossa giusta per lui”, ha twittato Sahil Mohan Gupta. “Ora probabilmente finirà all’Alpine se non lascerà la F1. Questo è pazzesco.”

“Sarò sempre un fan di Ricciardo, ma puoi davvero dare la colpa alla McLaren?” ha aggiunto Gannon Burgett. “Lo stanno pagando per il culo per un pilota che finora ha segnato solo il 20% dei punti della squadra”.

“Per favore Alpine non riportarlo indietro!” Tiff Needell ha twittato. “Adoro Daniel, ma ha passato 12 anni in F1, ha messo qualche milione in banca e ci sono molti altri sport motoristici che potrebbe fare. Quindi dai una possibilità a qualcun altro!”

Nonostante la rapida svolta degli eventi questa settimana, il futuro di Ricciardo potrebbe richiedere molto tempo per stabilirsi perché la McLaren probabilmente dovrà affrontare una sfida da parte dell’Alpine per il bracconaggio di Piastri.

L’australiano occidentale potrebbe trascorrere un anno con il team IndyCar della McLaren per concludere il suo accordo, oppure potrebbe ricevere un compenso e unirsi a un’altra squadra. Quella squadra potrebbe anche essere alpina se Piastri riesce a partire.

Chi è Oscar Piastri?

Nato a Melbourne, Piastri è entrato a far parte dell’Accademia Alpine dopo aver conquistato il titolo della Formula Renault Eurocup nel 2019, ottenendo sette vittorie.

Ha portato la forma nella serie di Formula 3 nel 2020, vincendo la gara di apertura al suo debutto e mantenendo i nervi saldi per rivendicare il titolo di tre punti in uno dei campionati più combattuti di sempre.

L’anno successivo è stato sulla griglia di partenza della Formula 2, dove ha ottenuto sei vittorie per annunciare inequivocabilmente il suo arrivo sulla scena mondiale, diventando solo il terzo campione esordiente dopo Charles Leclerc (2017) e George Russell (2018). Ora sono entrambi in F1.

Nonostante la sua rapida ascesa Piastri è stato trascurato per una corsa in Formula 1 in questa stagione a causa della mancanza di posti disponibili, invece si è nascosto in disparte all’Alpine pronto a sostituire Esteban Ocon o Alonso se fossero stati costretti a saltare una gara.

È gestito dal collega australiano e nove volte vincitore di una gara di F1 Mark Webber. “Merita di essere in F1? Assolutamente, lo sappiamo tutti”, afferma Webber. “Non è una questione di se, ma quando”.

La famiglia Piastri afferma di essere “capi benzina” con suo padre Chris che racconta al Sydney Morning Herald che “le storie della buonanotte di Oscar erano principalmente libri di automobili”.

Ha iniziato a correre con auto telecomandate all’età di sei anni ea nove era passato al pilotaggio di go-kart.

“Penso che abbia la determinazione, l’abilità e l’intelletto”, ha detto sua madre Nicole al quotidiano The Age quest’anno del passaggio di suo figlio alla Formula 1.

“Penso che abbia tutte le carte in regola per arrivarci e per fare un buon lavoro, ma questo è solo un fattore molto piccolo.

“Ci sono molte altre cose che entrano nell’ottenere un posto in Formula 1: politica, denaro, disponibilità di posti”.

Chris Piastri ha individuato il coinvolgimento di Webber dalla Formula 3 in poi come la chiave per aiutare il figlio a raggiungere il suo obiettivo, aprendo le porte ai finanziamenti e alle sponsorizzazioni per aiutare con i costi vertiginosi che derivano dal diventare un pilota da corsa.

“Mark conosce tutti”, ha detto. “Fu a quel punto che iniziò a prendere in mano le redini, occupandosi delle squadre, gestendo Oscar fino alla visibilità delle squadre”.

Webber ha detto che è stato un gioco da ragazzi dare una mano. “È difficile girare la testa, specialmente nel paddock di F1, perché sono piuttosto difficili da accontentare”, ha detto.

“Ma non ci sono molte persone che non me l’hanno menzionato: quanto sono impressionate da lui, cosa sta facendo, la traiettoria su cui si trova”.

– con AFP

Pubblicato originariamente mentre il mondo di F1 reagisce al licenziamento della McLaren Daniel Ricciardo: “Fatto sporco”

Leave a Reply

Your email address will not be published.