Notizie del 3 agosto sulla visita di Nancy Pelosi a Taiwan tra le tensioni USA-Cina

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, a sinistra, partecipa a un incontro con il ministro degli Esteri del Myanmar Wunna Maung Lwin, a destra, a Naypyidaw, in Myanmar, il 3 agosto. (Ministero degli Esteri russo/Reuters)

La visita del presidente della Camera degli Stati Uniti Nancy Pelosi a Taiwan riflette il desiderio di Washington di dimostrare la sua “impunità e mostrare la propria illegalità”, ha affermato mercoledì il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov durante una conferenza stampa con il ministro degli Esteri del Myanmar Wunna Maung Lwin, secondo l’agenzia di stampa statale russa TASS.

Lavrov ha collegato la visita di Pelosi con la risposta degli Stati Uniti all’invasione russa dell’Ucraina, dicendo: “Non posso dire quale sia stata la loro [the Americans’] motivazione, ma non ci sono dubbi che rifletta la stessa politica di cui stiamo parlando per quanto riguarda la situazione ucraina”.

“Questo è un desiderio da dimostrare assolutamente a tutti [their] impunità e mostrare la loro illegalità”.

Lavrov ha detto di non vedere nessun altro “motivo per creare un tale irritante letteralmente dal nulla, pienamente consapevole di cosa significhi per la Repubblica popolare cinese”.

Martedì, il ministero degli Esteri russo ha dichiarato in una dichiarazione che la Russia considerava la visita di Pelosi “una chiara provocazione nello spirito della politica aggressiva degli Stati Uniti di uno sforzo a tutto campo per contenere la RPC [People’s Republic of China].”

Il ministero ha anche invitato Washington “ad astenersi da azioni che minano la stabilità regionale e la sicurezza internazionale ea riconoscere la nuova realtà geopolitica in cui non c’è più posto per l’egemonia americana”.

Un po’ di contesto: Il rifiuto della Cina di condannare la guerra della Russia all’Ucraina ha alimentato la speculazione sulle sue intenzioni con Taiwan, sollevando interrogativi su come potrebbe reagire il mondo se dovesse lanciare un attacco.

Altrove mercoledì, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha invitato la Cina a “unirsi al mondo unito” e ad opporsi alla Russia, in un discorso virtuale all’Università nazionale australiana.

Il presidente ha discusso della Cina quando ha risposto alle domande degli studenti. Ha detto che la “neutralità” della Cina nei confronti dell’invasione russa “è migliore” che se la Cina annunciasse il suo totale sostegno alla Russia. Ma ha detto di credere che “la nazione, il popolo cinese farà la scelta prudente”. Ha continuato dicendo che è “importante che la Cina non aiuti la Russia”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.