Olimpiadi di Parigi: il governo francese ordina un prototipo di arma laser per i Giochi del 2024

L’ultima, ma meno affascinante aggiunta al suo arsenale olimpico è un sistema di armi laser che sparerà ai droni dal cielo.

Il Ministero delle Forze Armate francese ha annunciato a giugno di aver ordinato un prototipo di un sistema d’arma laser anti-drone, chiamato HELMA-P, da schierare per le Olimpiadi di Parigi 2024.

“Il sistema HELMA-P fornisce una risposta calibrata alla minaccia dei droni, dall’abbagliamento degli strumenti di osservazione del drone alla neutralizzazione di un mini o micro drone (da 100g a 25kg) alterandone la struttura, facendolo cadere in pochi secondi, Lo ha detto il ministero in una nota.

“Alterare la sua struttura” è un bel modo per dire bruciare un buco attraverso qualsiasi potenziale drone.

Questo prototipo aiuterà anche ad “approfondire la comprensione da parte dei militari del suo dispiegamento”, poiché una campagna anti-droni è una priorità stabilita dal Ministero delle Forze armate francese per il periodo 2019-2025, secondo la dichiarazione.

Il Comitato Olimpico Internazionale (CIO) ha dichiarato alla CNN che la sicurezza dei Giochi è responsabilità delle autorità locali.

Il sistema HELMA-P può emettere potenti raggi laser che riscaldano i droni fino al punto in cui bruciano o si surriscaldano e si spengono, secondo Jean, ingegnere capo delle armi presso la Direzione generale degli armamenti del ministero, responsabile dello sviluppo e dell’acquisto di armi .

Il ministero ha rifiutato di fornire il cognome di Jean per problemi di sicurezza.

Le minacce dei droni sono aumentate in modo esponenziale negli ultimi anni, anche per grandi eventi come le Olimpiadi, secondo Philippe Gros, ricercatore senior presso il think tank francese sulla sicurezza e la difesa Foundation for Strategic Research.

I droni possono essere utilizzati per scansionare e cercare una determinata area per identificare la posizione di potenziali bersagli. Potrebbero anche essere modificati per trasportare armi o esplosivi. I mini droni, che è l’obiettivo del sistema francese, hanno svolto un ruolo attivo in prima linea in Ucraina.

Oltre all’unità laser, il sistema anti-drone includerà anche sensori radar e a radiofrequenza per aiutare a localizzare i droni. Una volta identificata, l’arma sviluppata da CILAS, di proprietà del gigante della difesa francese ArianeGroup, ha un raggio di azione di un chilometro, secondo Jean.

Gli anelli olimpici visti sul Parvis de l'Homme al Trocadero, davanti alla Torre Eiffel a Parigi.

Ma l’impiego di un’arma così potente nella densamente popolata Parigi, dove i visitatori di tutto il mondo si riuniscono per celebrare le Olimpiadi, solleva problemi di sicurezza.

“Una parte importante del programma laser anti-drone è il funzionamento sicuro di quest’arma”, ha detto Jean.

Spetterà alla squadra che opera sul campo determinare se abbattere un drone o meno.

“Questa decisione terrà conto del fatto che la caduta del drone danneggiato potrebbe portare a qualche pericolo”, ha detto Jean.

Un sistema d’arma laser è anche uno dei modi più convenienti per affrontare le crescenti minacce dei droni nelle aree urbane, secondo gli esperti.

“Uno dei motivi per cui i laser sono interessanti è che, rispetto ai missili di intercettazione, non ci sono esplosivi coinvolti e anche se il drone esplode, sono solo i suoi detriti che cadranno. In generale, provoca meno danni collaterali”, ha detto Gros alla CNN.

Le armi laser offrono altri vantaggi, tra cui precisione e bassi costi operativi; non hanno bisogno di munizioni, il che aiuta a spiegare la loro crescente popolarità tra le potenze militari come Stati Uniti, Cina, Francia e Regno Unito, secondo Gros.

Più specifico per la prevenzione dei droni, il sistema HELMA-P e altri sistemi d’arma laser simili colmano una lacuna in cui i tradizionali strumenti antidroni hanno lottato per stare al passo con i nuovi sviluppi nella tecnologia dei droni.

Alice Dearing: riscatto in acqua per la prima nuotatrice olimpica di colore del Team GB

“Il problema è che i droni stanno diventando sempre più autonomi, possono volare in molte parti della missione senza un operatore”, ha detto Gros.

Ciò significa che il modo tradizionale di disturbare i segnali tra droni e operatori potrebbe diventare obsoleto.

Attualmente, le armi laser antidrone hanno ancora molti punti deboli. Ad esempio, il maltempo influisce sulla loro precisione ed efficienza. L’industria è ancora su un percorso di apprendimento, secondo Gros.

Per i turisti che visitano Parigi nel 2024, il Ministero delle Forze Armate ha assicurato che la sua arma laser non causerà troppa distrazione per il pubblico.

“Il sistema è abbastanza furtivo poiché non emette luce perché il laser in realtà è invisibile”, ha detto Jean.

“Non fa nemmeno rumore. In realtà è un’arma molto discreta.”

Leave a Reply

Your email address will not be published.