L’amministrazione Biden prevede di estendere la dichiarazione di emergenza Covid

“Il Covid non è finito. La pandemia non è finita”, ha detto un alto funzionario di Biden. “Non ha senso toglierlo [declaration] visto quello che stiamo vedendo sul campo in termini di casi”.

Un portavoce dell’HHS ha rifiutato di commentare e le persone a conoscenza della questione hanno avvertito che la situazione potrebbe ancora cambiare prima della scadenza del 15 agosto per decidere se lasciare che la dichiarazione continui.

L’amministrazione Biden ha sempre più indicato la disponibilità di vaccini e trattamenti Covid come prova che gli americani vaccinati e potenziati possono convivere con il virus in relativa sicurezza. Ma anche con questa nuova posizione, molti funzionari sanitari dell’amministrazione rimangono diffidenti nei confronti del messaggio che la fine della dichiarazione di emergenza sanitaria invierebbe in un momento in cui il carico di lavoro supera i 100.000 al giorno.

“Finirà quando finirà l’emergenza”, ha detto un alto funzionario dell’amministrazione, riassumendo l’atteggiamento interno verso la dichiarazione.

La designazione di emergenza ha anche fornito le autorità che hanno consentito all’amministrazione di espandere l’accesso a Medicaid, dare il via libera ai vaccini più rapidamente e offrire gratuitamente test e terapie. Se l’emergenza dovesse finire, queste flessibilità dovrebbero essere srotolate, un processo complesso che l’ospedale e i gruppi di salute pubblica hanno avvertito potrebbe essere dirompente per la loro capacità di curare i pazienti Covid.

Il governo federale ha continuamente rinnovato la dichiarazione da quando i primi casi di Covid hanno colpito gli Stati Uniti nel gennaio 2020. E mentre HHS si è impegnata a dare agli stati un preavviso di 60 giorni prima che scadasse, l’amministrazione si è rifiutata di stabilire criteri specifici per l’eliminazione graduale le sue autorità di emergenza.

Il dibattito sul proseguimento della dichiarazione, tuttavia, è diventato più controverso. Con vaccini e trattamenti ampiamente distribuiti e nessuna aspettativa residua, l’amministrazione può sradicare il Covid, i funzionari sanitari negli ultimi mesi hanno discusso sempre più spesso di quando dovrebbe verificarsi tale eliminazione e come dovrebbe essere.

Nel più recente round di deliberazioni, alcuni funzionari hanno lasciato cadere la dichiarazione in ottobre, subordinatamente al fatto che l’amministrazione implementi con successo il suo prossimo round di vaccini e prevenga un’impennata di casi, hanno detto due persone che hanno familiarità con la questione. Alla fine della dichiarazione di emergenza quest’anno potrebbe anche fornire una dimostrazione pre-elettorale che il Paese è, infatti, entrato in una nuova fase della lotta alla pandemia.

Ma una tale mossa probabilmente susciterebbe un feroce respingimento da parte dell’industria sanitaria e inviterebbe le critiche dei gruppi di salute pubblica in prima linea negli sforzi per combattere il virus e vaccinare più americani.

Alcuni funzionari sanitari temevano anche che la fine formale dell’emergenza sanitaria avrebbe smorzato ogni residuo senso di urgenza al Congresso per stanziare denaro aggiuntivo per la risposta al Covid. La richiesta dell’amministrazione di miliardi di dollari in più per rafforzare le sue scorte di vaccini, test e trattamenti è in stallo da mesi al Senato, anche se i funzionari avvertono che la carenza di fondi rischia di ostacolare la loro capacità di continuare la lotta alla pandemia.

Con segnalazione di Erin Banco.

Leave a Reply

Your email address will not be published.