PSEi in rialzo dello 0,45% all’apertura della settimana

L’indice della borsa valori filippina (PSEi) ha guadagnato 28,74 punti, o lo 0,45 percento, attestandosi a 6.434,24 lunedì.

La società di ricerca di Philstocks Financial Inc. Claire Alviar e l’amministratore delegato di Regina Capital Development Corp. Luis Limlingan hanno affermato che il guadagno del PSEi è dovuto all’ultimo tasso di disoccupazione delle Filippine, che è rimasto invariato al 6%.

“Il tasso di disoccupazione a giugno 2022 era lo stesso dei mesi precedenti (maggio 2022) ma è ancora il più alto da febbraio 2022”, ha affermato Michael Ricafort, capo economista di Rizal Commercial Banking Corp..

“Ciò è stato in parte dovuto all’aumento dell’inflazione e agli oneri finanziari per interessi che sono serviti a frenare la crescita e l’occupazione in alcuni settori a causa dell’aumento dei prezzi di carburante, trasporti, fertilizzanti, mangimi e altri fattori di produzione in gran parte causati dall’invasione russa dell’Ucraina da febbraio .24 2022 e l’aumento delle sanzioni alla Russia, che ha ridotto i margini di profitto pesando su consumi, investimenti e altre attività economiche che avrebbero potuto creare più posti di lavoro”, ha aggiunto.

L’altra influenza positiva sul mercato all’apertura di oggi è stata il proseguimento dei buoni risultati reddituali delle società quotate al PSE, che è indicativo di quello che generalmente si prevede sarà un buon prodotto interno lordo ben all’interno delle previsioni target del Bangkok Sentral ng Pilipinas per il secondo trimestre.

Ricevi le ultime notizie


consegnato alla tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana del Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, dichiaro di aver letto e di accettare i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

Negli Stati Uniti, Limlingan ha osservato che venerdì scorso il Bureau of Labor Statistics ha riferito che le assunzioni a luglio sono state di gran lunga migliori del previsto, sfidando molti altri segnali che la ripresa economica sta perdendo forza. In effetti, il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è effettivamente sceso nonostante i timori di una recessione incombente.

“Il personale non agricolo è salito a 528.000 per il mese e il tasso di disoccupazione era al 3,5%, superando facilmente le stime del Dow Jones rispettivamente di 258.000 e 3,6%. Con questo, il tasso di disoccupazione negli Stati Uniti è ora tornato al livello pre-pandemia e pareggiato per il più basso dal 1969”, ha detto Limlingan.

Il valore totale di oggi è stato di circa 7,91 miliardi di sterline, con un volume totale di 591.402.246 azioni.

Gli indici sono stati contrastanti poiché i finanziari hanno guidato i gainer, in rialzo dell’1,11%. L’industria mineraria e il petrolio hanno perso di più, in calo dell’1,76%.

Gli Advancers hanno superato quelli in declino, da 113 a 55, mentre 55 titoli sono rimasti invariati.


Leave a Reply

Your email address will not be published.