Bernie Sanders a Warren Buffett: dai ai lavoratori delle ferrovie condizioni migliori per evitare lo sciopero

Questa è la settimana della raccolta fondi di Naked Capitalism. 917 donatori hanno già investito nei nostri sforzi per combattere la corruzione e le condotte predatorie, in particolare nel campo finanziario. Unisciti a noi e partecipa tramite la nostra pagina delle donazioni, che mostra come donare tramite assegno, carta di credito, carta di debito o PayPal. Leggi perché stiamo facendo questa raccolta fondi, cosa abbiamo realizzato nell’ultimo anno e il nostro obiettivo attuale, la prevenzione del karōshi.

Yves qui. Warren Buffet dovrebbe essere imbarazzato, presto e spesso. Ma Obama aveva definito Buffett “un esempio di cosa c’è di meglio in questo paese” prima di diventare presidente. E Buffett è stato ampiamente segnalato come il miglior amico di Obama nel 2011.

Non sorprende che l’amministrazione Biden non stia usando la sua leva o il suo pulpito prepotente.

Di Jake Johnson. Originariamente pubblicato su Common Dreams

Con i lavoratori delle ferrovie sul punto di lanciare uno sciopero nazionale per condizioni atroci e la mancanza di giorni di malattia, martedì il senatore Bernie Sanders ha invitato il miliardario Warren Buffett a intervenire e garantire che BNSF Railway, una società di proprietà della Berkshire Hathaway di Buffett, offra le sue adeguate politiche retributive e di qualità della vita dei dipendenti poiché i negoziati rimangono in stallo.

“Nel mezzo di un potenziale sciopero ferroviario, Warren Buffett, il proprietario della società madre di BNSF Railway, del valore di 100 miliardi di dollari, deve intervenire”, ha scritto Sanders (I-Vt.) sui social media. “Durante la pandemia, Buffett è diventato più ricco di 36 miliardi di dollari. Deve garantire che i lavoratori delle ferrovie ricevano salari dignitosi e condizioni di lavoro sicure”.

Buffett, che ha detto che “c’è una guerra di classe, va bene, ma è la mia classe, la classe ricca, che sta facendo la guerra e noi stiamo vincendo”, ha precedentemente respinto le richieste di Sanders di intervenire dalla parte dei lavoratori nelle controversie contrattuali coinvolgendo le società dell’investitore miliardario.

I membri di diversi sindacati ferroviari nazionali statunitensi potrebbero scioperare venerdì poiché i vettori ferroviari merci si rifiutano di stanziare fondi per la spinta dei lavoratori per modifiche alle politiche di partecipazione che i sindacati affermano stanno “distruggendo la vita dei nostri membri”. BNSF e Union Pacific Railroad hanno entrambe politiche di presenza a punti che penalizzano i dipendenti anche se sono costretti a prendersi un giorno libero a causa di un’emergenza familiare o di una visita medica.

“La penalizzazione di ingegneri e conduttori per essersi ammalati o andare a una visita medica con risoluzione deve essere interrotta come parte di questo accordo contrattuale”, hanno affermato domenica in una dichiarazione i capi della divisione SMART Transportation e della Brotherhood of Locomotive Engineers and Trainmen. “Ripetiamo che i nostri membri vengono licenziati per essersi ammalati o per aver partecipato a visite mediche di routine mentre usciamo strisciando da una pandemia mondiale”.

Sanders, presidente della Commissione Bilancio del Senato e alleato di lunga data del movimento operaio, messo in luce martedì la lotta dei lavoratori delle ferrovie per condizioni migliori, dichiarando che “l’industria ferroviaria, che ha realizzato profitti per 20 miliardi di dollari l’anno scorso, non può continuare a negare ai lavoratori un congedo per malattia retribuito”.

“È inaccettabile e pericoloso per conduttori e ingegneri essere di guardia per 14 giorni consecutivi, 12 ore al giorno, e poi essere licenziati per essere andati da un medico”, ha aggiunto il senatore.

il Washington Post Martedì ha riferito che i funzionari dell’amministrazione Biden sono stati “in contatto regolare con Greg Abel, CEO di Berkshire Hathaway Energy, mentre cercavano di trovare una soluzione” per evitare uno sciopero il cui impatto potrebbe essere diffuso. I sindacati hanno accusato i giganti ferroviari di essere coinvolti in “estorsione aziendale” annunciando un embargo su alcune spedizioni prima dello sciopero.

Lo è il segretario al lavoro degli Stati Uniti Marty Walsh dovrebbe incontrarsi mercoledì con il vettore ferroviario e i rappresentanti sindacali nel tentativo di facilitare un accordo dell’ultimo minuto.

I leader del Congresso democratico, nel frattempo, hanno suggerito che potrebbero tentare di intervenire per evitare uno sciopero poiché i repubblicani affermano che “spingerebbero il Senato a votare per imporre un accordo, una posizione sostenuta da gruppi imprenditoriali come la Camera di commercio degli Stati Uniti”, politico segnalato martedì.

“Sento davvero che le persone non apprezzano il fatto che Warren Buffett e i suoi amici stiano chiudendo la catena di approvvigionamento per costringere il Congresso a imporre a 125.000 ferrovieri di andare a lavorare senza fine settimana o congedo per malattia”, twittato Note di lavoro‘Jonah Furman.

Il mese scorso, un consiglio di emergenza istituito dal presidente Joe Biden ha offerto le sue raccomandazioni per un accordo tra i vettori ferroviari e i lavoratori, una proposta che includeva aumenti salariali significativi.

ma Note di lavoro ha riferito che gli aumenti salariali proposti sono stati “compensati dall’aumento dei costi sanitari e sono arrivati ​​nel mezzo di un’inflazione elevata”. Il piano di compromesso del consiglio inoltre non ha affrontato le questioni relative alla qualità della vita, comprese le politiche di partecipazione, che sono state al centro della disputa durata anni.

“Purtroppo, la raccomandazione del Presidential Emergency Board ha sbagliato su questo problema”, hanno affermato Jeremy Ferguson e Dennis Pierce, i rispettivi presidenti della SMART Transportation Division e della Brotherhood of Locomotive Engineers and Trainmen. “Queste politiche occupazionali hanno costretto migliaia di dipendenti a lasciare il settore e rendono quasi impossibile assumere nuovi lavoratori. Con operazioni a corto di personale, queste ferrovie abusano dei loro migliori clienti rifiutandosi di fornire consegne coerenti con i loro obblighi legali”.

“Questi sedicenti titani dell’industria si lamentano costantemente delle normative e delle interferenze del governo, tranne ora quando si tratta di spezzare la schiena ai loro dipendenti”, ha aggiunto la coppia. “È tempo che il governo federale dica agli amministratori delegati che gestiscono le ferrovie della nazione nel terreno che abbastanza è abbastanza”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.