Il governo ha esortato a “ripensare” la politica pubblica

Il governo nazionale ha bisogno di “ripensare” la sua politica pubblica e concentrarsi sulla costruzione di competenze che aiuteranno a promuovere l’inclusione, migliorare la mobilità sociale e alleviare la povertà nelle Filippine, ha affermato un esperto.

Martedì, durante l’ottava conferenza annuale sulle politiche pubbliche del Philippine Institute for Development Studies (PIDS), James Heckman, direttore del Center for the Economics of Human Development presso l’Università di Chicago, ha evidenziato come il ruolo cruciale della promozione delle competenze per promuovere il successo vive come una strategia di governo per lo sviluppo umano e lo sviluppo sociale.

Per iniziare ad andare avanti, il governo deve riconoscere l’importanza delle competenze nell’economia, ha detto Heckman, citando la saggezza sociale: “Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegna a un uomo a pescare e lo nutrirai. per tutta la vita”, il che significa principalmente conferire alle persone le competenze di cui hanno bisogno per avere successo nella vita. Con l’emergere delle economie moderne e con l’emergere di nuove tecnologie, Heckman ha osservato che una “politica pubblica qualificata” per la creazione di competenze è “davvero straordinariamente molto, molto importante”.

“Alcune delle più recenti abilità lavorative, cambiamenti tecnici di parte, il modo di automatizzare e la tecnologia stanno cambiando il posto di lavoro in tutto il mondo. Sappiamo che le persone più qualificate sono quelle migliori e in grado, non solo di beneficiare di tali tecnologie, ma anche di adattarsi cambiare. Un tema ricorrente di questa linea di lavoro è capire come le persone possono reagire ai cambiamenti molto sostanziali nel commercio, nella tecnologia e nei modelli mondiali di commercio”, ha affermato.

Herman ha affermato che una politica pubblica qualificata integra conoscenze grezze e recenti che creano le dinamiche della formazione delle abilità del ciclo di vita. Le abilità sono i principali fattori determinanti della crescita e aiutano in modo significativo a promuovere l’inclusione e la mobilità sociale, ha aggiunto.

Ricevi le ultime notizie


consegnato alla tua casella di posta

Iscriviti alla newsletter quotidiana del Manila Times

Registrandomi con un indirizzo e-mail, dichiaro di aver letto e di accettare i Termini di servizio e l’Informativa sulla privacy.

“Dobbiamo promuovere le competenze. È una politica efficace. E quando è stata sperimentata e implementata con successo, ha avuto un effetto benefico e tutto ha coinvolto la società in generale. Gli individui acquisiscono le competenze e la società più ampia che li circonda in vari modi. Successo La forza lavoro qualificata è anche flessibile e adattabile.Molto importante, perché man mano che la tecnologia cambia e man mano che entriamo in nuovi modelli commerciali del mondo, [it] sta diventando sempre più importante essere in grado di adattarsi a quel cambiamento”, ha detto Heckman.

“In un certo senso, possiamo pensare che costruire abilità significhi creare un individuo autonomo – una persona che ha dignità – azione e impegno nella società. Questo non significa necessariamente una persona egoista, ma una persona che è in grado di stare in piedi da sola piedi e in grado di aiutare gli altri intorno a loro ad espandere l’intero livello della società”, ha aggiunto.

Ha inoltre affermato: “Dobbiamo anche pensare a come possiamo rendere le persone più forti, più robuste, più in grado di trarre vantaggio dal mondo moderno”.

Lo sviluppo delle competenze è stato riconosciuto come una priorità globale chiave da governi, parti sociali e organizzazioni internazionali che rafforzano le rispettive politiche e sistemi nazionali in materia di competenze per supportare il raggiungimento degli Obiettivi di sviluppo sostenibile 2030.

A tal fine, Heckman ha citato la necessità di migliorare i collegamenti tra gli istituti di istruzione e formazione e i luoghi di lavoro per migliorare lo sviluppo delle competenze lungo le catene del valore, aiutare a gestire i fattori trainanti del cambiamento e integrare lo sviluppo delle competenze nelle strategie di sviluppo nazionali e settoriali.

Balisacan giura la riduzione della povertà

Per questa parte, il segretario alla pianificazione socioeconomica Arsenio Balisacan e capo dell’Autorità nazionale per l’economia e lo sviluppo (NEDA), che ha anche partecipato all’evento PIDS e al webinar intitolato “Il concetto di giustizia sociale nel 21° secolo”, ha sottolineato la spinta del governo a rinvigorire la riduzione della povertà e la creazione di posti di lavoro guidando l’economia verso un percorso di crescita elevata e sviluppando una società resiliente, inclusiva e prospera.

“Nel breve termine, dobbiamo proteggere il potere d’acquisto delle famiglie, mitigare le cicatrici socioeconomiche causate dalla pandemia di Covid-19, ridurre la vulnerabilità dei settori poveri ed emarginati, il tutto garantendo solidi fondamentali macroeconomici attraverso processi di governo efficienti. Nel a medio termine, miriamo a concentrarci sulla creazione di posti di lavoro e sulla rapida riduzione della povertà affrontando i vincoli più vincolanti a un maggiore dinamismo economico come le nostre infrastrutture, l’ambiente normativo e il panorama della concorrenza, nonché l’ordine pubblico e la sicurezza, la pace e la sicurezza”, ha affermato Balisacan disse.

Con questa agenda, il capo della NEDA ha affermato che il governo mira a ridurre l’incidenza della povertà a un livello a una cifra entro il 2028, che ha descritto come un obiettivo “alto, ma realizzabile”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.