Il Vietnam arresta il famoso venditore di noodle per atti “anti-statali”.

Bui Tuan Lam, 38 anni, che gestisce una bancarella di noodle di manzo nella città di Danang, è accusato di propaganda anti-statale nella pubblicazione di contenuti online che hanno distorto le linee guida e le politiche del partito al governo, ha detto la polizia in una dichiarazione alla fine di mercoledì.

Non è stato immediatamente chiaro per quale incidente Lam fosse stato arrestato.

Nel 2021, è stato convocato dalla polizia per essersi ripreso mentre imitava le mosse sgargianti del famoso chef Nusret Gökçe, o “Salt Bae”, pochi giorni dopo che il potente ministro della pubblica sicurezza del Vietnam era stato ripreso dalla telecamera mentre mangiava una bistecca incrostata d’oro al ristorante londinese dello chef turco .

“Lam è anche membro di molte ‘organizzazioni della società civile’, che in realtà sono gruppi anti-statali”, si legge nella dichiarazione della polizia, aggiungendo che le autorità lo avevano ripetutamente messo in guardia contro i contenuti che insultavano i leader, il loro onore e la loro reputazione.

Quando è stato convocato, Lam aveva negato di aver preso in giro il ministro per la bistecca, che vende fino a $ 2.000. Le chiamate al telefono di Lam giovedì sono rimaste senza risposta.

Il Vietnam è stato ampiamente criticato per le sue mosse dure per frenare il dissenso online mentre l’appetito del pubblico per Internet aumenta e gli utenti web si rivolgono ai blog per leggere questioni che i media controllati dallo stato evitano.

Giovedì Human Rights Watch, con sede a New York, ha affermato che la polizia dovrebbe rilasciare immediatamente Lam e smettere di arrestare le persone per aver espresso le proprie opinioni.

“Le autorità definiscono regolarmente qualsiasi commento che non gli piace come ‘propaganda contro lo stato’, rendendo il Vietnam uno dei governi più magri della regione”, ha affermato Phil Robertson, vicedirettore asiatico di Human Rights Watch.

“La presa in giro è una forma di espressione legittima che non dovrebbe essere considerata un reato”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.