L’Ucraina ha segnato “una svolta importante”, ma la guerra in Europa è tutt’altro che finita, dicono gli esperti|SBS News

Le recenti perdite della Russia in Ucraina sono “una svolta importante” per l’Ucraina e potrebbero portare a “una situazione interna catastrofica in Russia”, affermano gli esperti.
Secondo il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy, le forze ucraine hanno riconquistato circa 8.000 chilometri quadrati di regioni ucraine controllate dalla Russia.
Circa la metà di quell’area è stata messa in sicurezza e “le misure di stabilizzazione sono ancora in corso” nell’altra metà, ha affermato Zelenskyy martedì.
Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden era d’accordo.
L’Ucraina ha compiuto progressi significativi nel respingere le forze russe, ha affermato martedì.

Secondo i rapporti, la maggior parte dell’area riconquistata si trova nella regione nord-orientale di Kharkiv.

Una mappa dell’invasione russa dell’Ucraina, che mostra le posizioni russe e ucraine questa settimana.

L’esperto di politica russa Leonid Petrov è il preside post-laurea presso il Sydney International College of Management.

Ha detto a SBS News che le forze ucraine hanno portato a termine un’operazione incredibile.
“Sembra che l’Ucraina sia riuscita a portare segretamente diverse brigate militari nella provincia nord-orientale senza che i russi se ne accorgessero”, ha detto il dottor Petrov.

“Anche l’equipaggiamento militare è stato trasportato in qualche modo e non è stato rilevato dalle truppe russe”, ha detto.

John Blaxland è professore di International Security and Intelligence Studies presso l’Australian National University.
Ha detto a SBS News che le recenti vittorie dell’Ucraina distruggeranno il morale delle forze russe.
“Questa è una svolta importante. Un vero successo per le forze ucraine e un incredibile colpo al morale per i russi, che hanno combattuto negli ultimi mesi per conquistare questo territorio che hanno perso nel giro di pochi giorni”, ha affermato il professor Blaxland.
“È un’inversione di tendenza piuttosto straordinaria rispetto a ciò che abbiamo visto alcuni mesi fa”, ha detto, riferendosi all’invasione russa dell’Ucraina, iniziata il 24 febbraio.

All’epoca, il presidente russo Vladimir Putin definì l’invasione “un’operazione militare speciale”.

Perché il fallimento della Russia è il peggior incubo di Vladimir Putin

Il professor Blaxland ha detto che mentre l’invasione è stata debilitante per l’Ucraina, non ha avuto il successo che avrebbe voluto che fosse Putin.
“E questa svolta nell’ultima settimana parla di un piano di campagna vuoto della Russia, privo di morale, privo di leadership, privo di abilità militari professionali applicate”, ha detto.

Secondo il dottor Petrov, i recenti eventi hanno messo il signor Putin in una posizione pericolosa.

“Putin è ora sotto attacco da entrambe le parti”, ha detto.
“Un gruppo dei suoi critici crede che sia troppo debole – che avrebbe dovuto usare armi nucleari contro l’Ucraina entro pochi giorni o settimane dall’inizio della guerra.

“E l’altro gruppo di critici ritiene che Putin sia stato troppo crudele e inutilmente brutale nel trattare con fratelli e sorelle in Ucraina”.

Quanto durerà la guerra

Mentre l’Ucraina ha ottenuto una straordinaria vittoria negli ultimi giorni, la guerra in Europa è tutt’altro che finita, ha affermato il professor Blaxland.
“Gli ucraini hanno avuto un notevole successo, ma mantenere il ritmo delle operazioni diventa più difficile man mano che ci si allontana dal proprio punto di vista”, ha detto.
“La logistica, la fornitura di munizioni, di carburante, di acqua [gets] attenuato.
“E tu [also] rischiare di essere contrattaccato.

“Quindi, mentre ci sono molte persone che sperano che gli ucraini continueranno ad andare avanti, diventa più difficile man mano che vai più a est”.

Il professor Blaxland ha detto che è nel migliore interesse della Russia trascinare la guerra.
“Quello che penso accadrà è quello [Putin] raddoppierà cercando di trascinare la guerra il più a lungo possibile”, ha detto.

“Così che gli effetti del taglio di petrolio e gas colpiranno maggiormente le persone in Europa e fa affidamento sul fatto che il loro morale venga indebolito dal sopportare un inverno freddo e freddo senza riscaldamento”.

La leadership di Vladimir Putin è minacciata?

Sebbene gli esperti fossero d’accordo sulla maggior parte dei fronti, erano in disaccordo quando gli è stato chiesto se i recenti eventi in Ucraina potessero rimuovere Putin dalla sua posizione in Russia.
Il dottor Petrov ha affermato che l’obiettivo principale della Russia era quello di “smilitarizzazione” dell’Ucraina, ma dall’inizio della guerra, con il sostegno dell’Occidente, l’Ucraina è andata sempre più rafforzandosi.
“Tutti gli obiettivi che Putin ha indicato come ragioni sensate per iniziare questa guerra si sono completamente trasformati in un disastro sia in modo militare che economico”, ha detto.

“Quindi credo [Putin] non può sopravvivere a lungo nella situazione attuale”.

Ma il professor Blaxland non era d’accordo.
“Putin è un uomo spietato. Congeda abbastanza felicemente e rimuove gli avversari politici o le persone che considera incompetenti”, ha detto il professor Blaxland.
«L’abbiamo visto con il licenziamento dei generali. Lo abbiamo visto con il licenziamento di persone a lui vicine che hanno osato oltrepassare il limite.
“E non vedo ancora segni di una significativa ondata di respingimento alla leadership di Putin”.

Indipendentemente da quanto durerà la guerra o la leadership di Putin, gli esperti hanno convenuto che l’Europa sta per affrontare un inverno lungo e gelido.

Leave a Reply

Your email address will not be published.