Shell afferma che il CEO si dimetterà alla fine del 2022

Il gigante britannico dell’energia Shell ha annunciato giovedì che l’amministratore delegato Ben van Beurden si dimetterà alla fine dell’anno per essere sostituito dal direttore delle energie rinnovabili Wael Sawan.

A Van Beurden, che sarà al timone per nove anni, succederà il capo delle soluzioni integrate di gas, energie rinnovabili ed energia, ha affermato Shell in una nota.

Il CEO uscente “può guardare indietro con grande orgoglio a una straordinaria carriera di 39 anni in Shell”, ha affermato il presidente Andrew Mackenzie.

“Nell’ultimo decennio, è stato all’avanguardia per la transizione di Shell verso un business energetico a emissioni nette zero entro il 2050”.

“Lascia un’azienda finanziariamente forte e redditizia con un bilancio solido, una capacità di generazione di cassa molto forte e una serie avvincente di opzioni di crescita”, ha aggiunto Mackenzie.

L’amministratore delegato uscente, 64 anni, ha previsto per un periodo tumultuoso presso il titano dell’energia, resistendo al crollo dei prezzi del petrolio nel 2020 quando i blocchi di Covid hanno devastato la domanda, con il mercato che è diventato brevemente negativo.

Da allora i prezzi sono fortemente aumentati a causa della guerra in Ucraina e dopo che i paesi hanno revocato i blocchi pandemici.

Gli utili netti sono più che quintuplicati, raggiungendo i 18 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2022.

Van Beurden ha anche presieduto quest’anno il suo costoso ritiro dal gas e dal petrolio russi dopo l’invasione dell’Ucraina da parte di Mosca.

Sotto il suo mandato, Shell l’anno scorso ne ha semplificato il nome e la struttura e ha delineato piani per ridurre drasticamente le emissioni di gas serra.

Il gruppo ha spostato la sede dai Paesi Bassi al Regno Unito e ha abbandonato Royal Dutch dal suo nome.

La nomina di Sawan arriva quando il gigante petrolifero tenta di diventare un’azienda a zero emissioni nette, nonostante le critiche degli attivisti ambientali che lo accusano di “greenwashing” aziendale, la pratica di commercializzare un’azienda come più rispettosa del clima di quanto non sia in realtà.

Van Beurden continuerà a lavorare come consigliere del consiglio fino al 30 giugno, quando lascerà il gruppo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.