Aggiornamento Covid-19: 8.179 nuovi casi segnalati in SA



Il Sudafrica ha identificato 8.179 nuovi casi di Covid-19 nelle ultime 24 ore, ha annunciato il National Institute for Communicable Diseases (NICD), una divisione del National Health Laboratory Service.

Ciò porta il numero totale di casi confermati in laboratorio a 3.908.020. Questo aumento rappresenta un tasso di positività del 22,6%.

La maggior parte dei nuovi casi oggi provengono da Gauteng (38%) seguito da Western Cape (21%). KwaZulu-Natal rappresentava il 15%; Eastern Cape rappresentava l’8% e Free State rappresentava il 7%. Northern Cape rappresentava il 4%; Mpumalanga e North West rappresentavano rispettivamente il 3% e Limpopo rappresentava l’1% dei casi odierni.

LEGGI ANCHE: La FDA statunitense autorizza i colpi di richiamo Covid-19 per i bambini dai 5 anni in su

Il Paese ha anche riportato 55 decessi e di questi, 18 si sono verificati nelle ultime 24-48 ore. Ciò porta le vittime totali a 100.867 fino ad oggi.

Sono stati condotti 24.963.628 test sia nel settore pubblico che privato.

C’è stato un aumento di 145 ricoveri ospedalieri nelle ultime 24 ore.

La Cina chiede una spinta urgente all’economia colpita dal virus

Il Premier cinese ha chiesto una maggiore “urgenza” nell’adozione di misure a sostegno dell’economia del Paese colpita dal virus, secondo quanto riportato dai media statali mercoledì, pochi giorni dopo che i dati hanno evidenziato il forte impatto delle restrizioni legate al Covid-19.

La Cina, l’ultima grande economia globale che si attiene a una rigida politica zero-Covid, sta lottando con una crisi economica a causa dei prolungati blocchi dei virus che hanno limitato le catene di approvvigionamento, represso la domanda e bloccato la produzione.

“Tutte le località e i dipartimenti dovrebbero rafforzare il loro senso di urgenza e dovrebbero essere utilizzate nuove misure che possono essere utilizzate”, ha affermato Li Keqiang in un simposio mercoledì, secondo l’emittente statale CCTV.

Ha aggiunto che gli sforzi per sostenere l’economia dovrebbero riportarla “rapidamente alla normalità” dopo aver ammesso che gli indicatori economici si sono “indeboliti in modo significativo” da marzo, con un calo particolare ad aprile.

Lunedì, il paese ha affermato che le vendite al dettaglio e la produzione industriale sono crollate ai livelli più bassi dall’inizio della pandemia, mentre la disoccupazione è tornata verso il picco di febbraio 2020.

LEGGI ANCHE: Gli studenti di Pechino protestano contro i controlli Covid-19

Pechino ha puntato a una crescita per l’intero anno di circa il 5,5%.

Li ha anche chiesto il supporto per le aziende tecnologiche da inserire a livello nazionale e estero, il giorno dopo che i leader del Partito Comunista hanno raddoppiato il sostegno al settore tecnologico in un raro incontro con i dirigenti.

I problemi economici della Cina sembrano aver motivato un approccio più morbido nei confronti del vasto e redditizio settore tecnologico, dopo una repressione di 18 mesi guidata dai timori che le sue enormi società Internet controllano troppi dati e si espandono troppo rapidamente.

Il vicepremier Liu He e altri leader comunisti si sono rivolti ai dirigenti, tra cui Robin Li di Baidu – universalmente utilizzato per il suo motore di ricerca e servizio di mappatura – e Zhou Hongyi della società di sicurezza Internet Qihoo 360, secondo quanto riportato dai media statali martedì.

Liu ha offerto supporto per “lo sviluppo sostenibile e salutare dell’economia delle piattaforme e dell’economia privata”, ha affermato CCTV.

Durante la repressione tecnologica, le IPO all’estero di Ant Group di Alibaba e Didi Chuxing, la cinese Uber, sono state aumentate, mentre milioni di dollari di multe per anti-trust e violazioni dei dati sono state inflitte ai giganti della tecnologia.

Le azioni tecnologiche cinesi sono aumentate alla fine di aprile dopo che i funzionari hanno promesso sostegno alle società Internet in una riunione del Politburo.

I giganti della tecnologia tra cui Alibaba, Tencent e Baidu sono stati leggermente inferiori mercoledì mattina, con il colosso dell’e-commerce JD che è crollato di oltre il 4% dopo aver registrato una perdita di 3 miliardi di yuan (444 milioni di dollari) negli utili del primo trimestre.

Ulteriore segnalazione da parte dell’AFP

Leave a Reply

Your email address will not be published.