criptovaluta: le linee guida sulle criptovalute della SEC statunitense fanno aumentare i costi per i prestatori, interrompendo i progetti

I progetti di criptovaluta delle banche sono stati ribaltati dalle linee guida contabili della Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti che renderebbero troppo dispendioso in termini di capitale per i prestatori detenere token crittografici per conto dei clienti, secondo più di mezza dozzina di persone a conoscenza della questione .

Una sfilza di istituti di credito tra cui US Bancorp, Goldman Sachs Group Inc, JPMorgan Chase & Co, BNY Mellon, Wells Fargo & Co, Deutsche Bank, BNP Paribas e State Street Corp offrono o stanno lavorando su prodotti e servizi crittografici per i clienti nel tentativo di attingere al mercato delle criptovalute da $ 1 trilione, secondo le loro dichiarazioni pubbliche e i resoconti dei media.

Ma il 31 marzo, la SEC ha affermato che le società pubbliche che detengono criptovalute per conto di clienti o altri devono contabilizzarle come passività nei loro bilanci a causa dei loro rischi tecnologici, legali e normativi.

Sebbene la guida si applichi a tutte le società pubbliche, è particolarmente problematica per le banche perché le loro rigide regole patrimoniali, supervisionate dalle autorità di regolamentazione bancaria, richiedono loro di detenere liquidità a fronte di passività di bilancio. La SEC non ha consultato le autorità di regolamentazione bancaria durante l’emissione della guida, secondo quattro persone.

La mossa della SEC complica gli sforzi delle banche per saltare sul carro degli asset digitali e potrebbe tenerle in disparte anche se segnalano una maggiore domanda da parte dei clienti che cercano di accedere al mercato in crescita.

“Questo ha creato un’enorme svolta nel mix”, ha detto una delle fonti. I prestatori che costruiscono offerte di criptovalute hanno dovuto “smettere di andare avanti con quei piani in attesa di qualsiasi tipo di ulteriore azione da parte della SEC e delle agenzie di regolamentazione bancaria”, hanno aggiunto.

Scopri le storie di tuo interesse



Le banche di custodia State Street e BNY Mellon, che hanno sviluppato offerte di asset digitali, sono tra quelle i cui progetti sono stati interrotti, secondo tre persone a conoscenza della questione.

Sebbene le linee guida contabili non impediscano a State Street di offrire servizi di custodia delle criptovalute, lo renderebbe antieconomico, ha affermato Nadine Chakar, capo di State Street Digital. “Abbiamo un problema con la premessa di farlo, perché queste non sono le nostre risorse. Questo non dovrebbe essere nel nostro bilancio”, ha affermato Chakar.

Un portavoce di BNY Mellon ha rifiutato di commentare lo stato del suo progetto di custodia delle criptovalute. “BNY Mellon crede che le risorse digitali siano qui per restare e diventare sempre più parte del mainstream della finanza”, ha aggiunto.

Alla domanda sulla guida della SEC, un portavoce della US Bancorp ha affermato che sta ancora servendo i clienti esistenti per i quali offre servizi di custodia bitcoin. “Tuttavia, stiamo sospendendo l’assunzione di ulteriori clienti in questo servizio mentre valutiamo l’evoluzione del contesto normativo”.

Un dirigente di una banca europea che cerca di lanciare servizi di custodia delle criptovalute ha affermato che ora sarebbe proibitivo per la banca farlo negli Stati Uniti a causa delle linee guida della SEC.

I portavoce della SEC e delle altre banche hanno rifiutato di commentare.

I problemi che la guida della SEC sta causando alle banche, che non sono stati segnalati in precedenza, sottolineano le sfide più ampie che gli istituti di credito devono affrontare nel tentativo di capitalizzare il crescente mercato delle criptovalute in mezzo alla confusione normativa e allo scetticismo in corso.

“Abbiamo sentito da un’ampia varietà di parti interessate, tra cui banche, di quanto sarebbe difficile questo nuovo bollettino di contabilità del personale per poter entrare nello spazio della custodia di criptovalute”, il rappresentante degli Stati Uniti Trey Hollingsworth, che ha inviato alla SEC Il presidente Gary Gensler ha scritto una lettera a luglio in cui esprime preoccupazione per la guida, ha affermato in un’intervista.

“Questo editto è stato emanato senza una guida, senza input, senza feedback, senza conversazioni con l’industria”.

PUNIZIONE CAPITALE?

Con il boom del mercato delle criptovalute nel 2020, le istituzioni finanziarie erano ansiose di incassare. Nonostante il mercato delle criptovalute si sia notevolmente contratto quest’anno, i prestatori vedono ancora un’opportunità per i loro servizi.

L’offerta di detenere le risorse digitali dei clienti sembrava il modo più sicuro per entrare nel mercato. Le banche offrono comunemente la custodia di una varietà di strumenti finanziari e generalmente non sono obbligate a rifletterli nel loro bilancio a meno che non siano mescolati con le attività della banca.

La guida della SEC si discostava da tale pratica. In una conferenza la scorsa settimana, il capo contabile ad interim della SEC ha affermato che le criptovalute custodite presentano rischi “unici” che soddisfano la definizione di passività secondo gli standard contabili statunitensi.

In una lettera di giugno alle autorità di regolamentazione delle banche, tuttavia, la Securities Industry and Financial Markets Association, l’American Bankers Association e il Bank Policy Institute hanno affermato che tali rischi sono già mitigati da una rigorosa supervisione e regole bancarie.

Tenendo conto delle regole internazionali pianificate sul capitale di Basilea, la guida potrebbe costare più di $ 1 di capitale per ogni $ 1 di asset digitali detenuti, hanno stimato i gruppi, il che significa che la custodia delle criptovalute “sarebbe effettivamente vietata”.

La guida della SEC sembra applicarsi anche laddove i prestatori esternalizzino la funzione di custodia a una terza parte, come Anchorage Digital, hanno affermato le fonti.

Diogo Monica, presidente di Anchorage Digital, ha affermato che il costo del capitale è “completamente insostenibile” e che “ogni singola banca” con cui Anchorage lavora sta ora aspettando le autorità di regolamentazione prima di procedere a lavorare con Anchorage sulle soluzioni di custodia delle criptovalute.

I gruppi del settore hanno fatto pressioni sulla SEC per escludere le banche dalla guida, secondo quattro fonti e lettere del settore, sebbene l’agenzia non sembri persuasa, ha detto una di quelle persone. Alcuni istituti di credito, invece, stanno cercando esenzioni individuali, hanno detto due persone.

Il settore sta anche facendo pressioni sulle autorità di regolamentazione bancaria affinché emettano linee guida che neutralizzino l’impatto sul capitale delle linee guida della SEC, sebbene la modifica delle regole sui capitali sarebbe un’impresa importante che sembra improbabile a breve termine, hanno affermato le persone.

La Federal Reserve, l’Office of the Comptroller of the Currency e la Federal Deposit Insurance Corp hanno rifiutato di commentare.

Leave a Reply

Your email address will not be published.