Il perfetto passaggio di Sibisi da Arrows a Pirates porta alla convocazione di Bafana



Se c’è un nuovo arrivato agli Orlando Pirates che ha fatto bene da quando è entrato nel club è Nkosinathi Sibisi.

LEGGI ANCHE: Buthelezi merita la convocazione dei Bafana, afferma l’allenatore dei Galaxy Ramovic

Il 26enne Sibisi si è unito ai Pirates dai Golden Arrows all’inizio della stagione, mentre i Sea Robbers cercavano di stabilizzare la loro difesa sotto il nuovo allenatore Jose Riveiro.

Sibisi ha avuto un inizio perfetto della sua carriera nei Pirates, con il difensore eccellente nella sua prima partita con il club, quando ha messo a segno una solida prestazione in difesa aiutando i Buccaneers a battere lo Swallows FC 1-0 in DStv Premiership.

Nella partita dei Birds, Sibisi se ne andò con il riconoscimento di Man-of-the-Match, prima di segnare alla sua seconda apparizione con i Pirates nell’1-1 contro lo Stellenbosch FC.

Quelle prime due partite lo hanno visto imprimere la sua autorità nella formazione dei Bucs e hanno mostrato la sua importanza per la squadra.

Il buon inizio di Sibisi al Bucs è valso la convocazione del Bafana Bafana per due amichevoli contro Botswana e Sierra Leone a fine mese. È stato selezionato insieme ai suoi compagni di squadra Innocent Maela, Goodman Mosele e Zakhele Lepasa nella squadra nazionale.

“La transizione è stata fantastica, è stata una bella corsa per me. Sono venuto qui, ho giocato la mia prima partita, sono diventato il migliore in campo, ho giocato la mia seconda partita e ho segnato. Quindi, per me è stato davvero fantastico e sono davvero felice”, ha detto il difensore dei Bucs.

L’ex difensore degli Arrows ha giocato in tutte le partite dei Pirates in questa stagione, ma c’è stata una certa rotazione in difesa. Ma Sibisi dice che è a suo agio a giocare con chiunque al club perché sono tutti in grado di fare il lavoro.

“Penso che tutti ci geliamo bene, non importa chi sta giocando. Come hai visto, ho suonato con Ndah, Xoki e Maela. Quindi non importa chi c’è, fintanto che la persona che sta giocando fa il lavoro, allora è un bene per noi come squadra. Penso che non ci sia nessuno con cui direi che preferisco giocare, ma posso giocare con chiunque venga scelto per giocare in quel momento”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.