‘SA in quinta ondata’ con picco di nuovi casi di Covid-19 e ricoveri – esperto



Il Sud Africa è già nella sua quinta ondata di infezioni da Covid guidate dal lignaggio di omicron BA.4 e BA.5, che potrebbe assomigliare all’ondata precedente per dimensioni e gravità, secondo gli esperti di salute.

Mercoledì l’Istituto nazionale per le malattie trasmissibili ha annunciato il più grande aumento del Paese di nuovi casi da gennaio di 10.017 e un aumento di 164 ricoveri ospedalieri, con un tasso di positività del 25,3%.

Sebbene la quinta ondata fosse probabilmente meno grave, secondo il professore di vaccinologia Shabir Madhi, SA è stata in una quinta ondata nelle ultime due o tre settimane, in particolare Gauteng, poiché potrebbe aver raggiunto il picco con la recente rinascita.

“Soprattutto, i tassi di ospedalizzazione e mortalità sono aumentati, ma sono sostanzialmente inferiori rispetto alle prime tre onde e forse anche inferiori a quelli dell’onda omicron”, ha affermato.

Madhi ha anche affermato che la rinascita dovrebbe essere interpretata con cautela, soprattutto quando si cerca di fare paragoni con il passato, e sebbene non ci fosse bisogno di farsi prendere dal panico, l’obiettivo dovrebbe essere principalmente quello di vaccinare almeno il 90% delle persone di età superiore ai 50 anni con tre dosi.

“Il blocco sarà solo dannoso e di valore limitato nell’affrontare la rinascita. Ora c’è un’ampia immunità contro il Covid grave da infezioni passate”, ha detto.

Il ricercatore senior presso il Consiglio per la ricerca scientifica e industriale, il dottor Ridhwaan Suliman, ha affermato che l’attuale tasso di infezioni ha confermato che la SA era all’interno della nuova ondata da qualche tempo.

Tuttavia, ha detto, non c’era alcun segno che BA.4 e BA.5 causassero malattie più gravi di BA.1 e BA.2.

“L’incidenza dei casi è ora a 11,9 per 100.000 e fino al 30,4% del picco precedente, ma va bene e non dovremmo leggerlo con paura, ansia o panico”, ha detto.

“La situazione è diversa rispetto a due anni fa, anche se ha avuto un prezzo. In questa fase, a due anni dall’inizio della pandemia, SA non aveva alti livelli di immunità; molte persone sono state infettate, quindi ora hanno un’immunità naturale in combinazione con l’immunità acquisita”.

Il dipartimento della salute ha affermato che SA era ancora sull’orlo della quinta ondata e che era ancora troppo presto per dichiararla.

Tuttavia, per evitare un aumento dei ricoveri, le persone dovrebbero assicurarsi di essere vaccinate e potenziate.

“Invitiamo le persone a vaccinare e ad aderire alle misure preventive. Quasi il 50% della popolazione target è stata vaccinata. Abbiamo somministrato oltre 35 milioni di dosi”, ha detto il portavoce del dipartimento Foster Mohale.

LEGGI ANCHE: Sospetta nuova sottovariante Omicron trovata in Cina

Presentando martedì il budget del suo dipartimento in parlamento, il ministro della Salute Joe Phaahla ha anche affermato che SA non era ancora nella quinta ondata.

“Come Paese, abbiamo assistito a quattro ondate di Covid e ora lo siamo [speculating] se siamo già nella quinta ondata, o se sta ancora arrivando”, ha detto Phaahla.

“Le indicazioni sono che non siamo ancora nella quinta ondata, ma poiché il freddo prende piede e trascorriamo più tempo al chiuso, il rischio della quinta ondata continua a incombere”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.