Kayla Newland combatte il cancro vulvare, avverte le donne di farsi controllare

Kayla Newland aveva solo 23 anni quando lo scorso novembre ha visitato un medico per il dolore intorno alla vulva.

Passarono mesi prima che i medici si rendessero conto che il suo dolore era un sintomo di un cancro a cui solo 420 donne australiane venivano diagnosticate ogni anno.

“Stavo solo affrontando la vita e tutto è stato capovolto per noi”, ha detto alla NCA NewsWire.

Questa settimana, in particolare, è stata un vortice.

L’ormai 24enne è destinata a camminare lungo il corridoio sabato in una piccola cerimonia nel cortile di suo nonno.

Sarà solo la famiglia e la festa nuziale nell’occasione intima mentre sposerà il suo partner da cinque anni, Nic Barville.

“Pensavamo che sarebbe stato bello sposarci prima che mi cadessero i capelli e tutte quelle cose divertenti”, ha detto.

Certamente non è come immaginavano il loro grande giorno, ma la signora Newland ha detto che un grande matrimonio non era più una priorità dopo la sua diagnosi.

La nausea dell’ultimo ciclo di chemioterapia – che ha iniziato questa settimana – la tormenta da alcuni giorni.

Il suo cancro è ora allo stadio 3 ed è considerato un trattamento non curativo, il che significa che non ha come dovrebbe un tipico cancro vulvare. Ha iniziato a diffondersi ai polmoni e ai fianchi.

I medici del King Edward Memorial Hospital stanno utilizzando un programma di trattamento usato più comunemente per curare il cancro cervicale. Poiché il cancro vulvare è così raro e poco studiato, possono solo immaginare come risponderà la signora Newland.

La rarità del suo cancro è anche il motivo per cui i medici hanno impiegato così tanto tempo per diagnosticarla.

“Hanno praticamente escluso tutto il resto prima che arrivassimo al cancro come opzione perché pensavano che tutte quelle cose avessero più senso che non fosse un cancro”, ha detto la signora Newland.

Il suo medico le ha prescritto una crema steroidea, poi un ginecologo le ha prescritto degli antibiotici.

Quello che era iniziato come un dolore sordo a novembre, è progredito costantemente fino a diventare un dolore persistente più lancinante nella sua vulva.

“Sentivo che qualcosa non andava”, ha detto la signora Newland.

Non è stato fino a gennaio, quando il dolore è diventato insopportabile e la sua famiglia l’ha portata al pronto soccorso che una biopsia ha rivelato la notizia che le ha cambiato la vita.

Il cancro vulvare non è comune: ogni anno in Australia, solo a circa 420 donne viene diagnosticato un cancro vulvare, secondo il Cancer Council.

Colpisce più comunemente le donne che hanno avuto la menopausa, ma negli ultimi anni i tassi di cancro vulvare nelle donne sotto i 60 anni sono aumentati.

A febbraio, la signora Newland ha subito un importante intervento chirurgico per rimuovere il cancro.

I medici hanno scoperto che il cancro si era diffuso attraverso i suoi linfonodi e quindi è stata presa la decisione di intraprendere la radioterapia pelvica.

“Le mie ovaie erano in prima linea”, ha detto la signora Newland.

Lei e il signor Barville hanno quindi dovuto prendere una decisione che la maggior parte delle persone della loro età normalmente non avrebbero preso in considerazione: se volevano figli.

“È stato molto impegnativo perché non è una conversazione che si ha in profondità a questa età”, ha detto la signora Newland.

“Allora all’improvviso devi prendere decisioni su quante uova è un numero accettabile per noi con cui sentirci a nostro agio? Vogliamo congelare le uova? Vogliamo congelare gli embrioni?”

Fortunatamente, il recupero degli ovociti ritenuto necessario dal punto di vista medico è coperto da Medicare.

Il costo della chemioterapia e del trattamento immunoterapico, d’altra parte, non è ancora coperto da Medicare a causa della natura rara del cancro vulvare.

Un amico di famiglia di Newland ha creato un GoFundMe per raccogliere fondi per aiutare a coprire il costo delle spese mediche della signora Newland. Sono già stati raccolti più di $ 57.000.

Le parole di sostegno condivise sulla pagina della raccolta fondi mostrano quanto sia veramente amata.

“Non incontri molti 24enni così gentili, premurosi, premurosi e generosi come Kayla”, ha scritto Jackie Norman su Facebook,

“Kayla ha sempre aiutato a raccogliere fondi per beneficenza da quando la conosciamo, un’anima così bella e premurosa”, ha detto Billie Gleadow.

“È una delle persone più amorevoli, premurose e di buon cuore che conosco che farebbe qualsiasi cosa per aiutare gli altri”, ha detto Sophie Binning.

A soli 24 anni, la signora Newland appare incrollabilmente calma e ottimista di fronte a una difficile battaglia che li attende.

Settembre è il mese della sensibilizzazione sul cancro ginecologico e spera che la sua storia possa incoraggiare le giovani donne a ricevere aiuto se soffrono.

“Direi che conosci meglio il tuo corpo, quindi non accettare un no come risposta”, ha detto.

“Vai a farlo controllare perché anche se non è niente, almeno stai tranquillo di averlo fatto controllare.

“Anche se sei giovane, sfortunatamente non sei a prova di proiettile.”

Originariamente pubblicato come “Tu conosci il tuo corpo”: la giovane sposa combatte un cancro raro

Leave a Reply

Your email address will not be published.