La regola sull’uso della maschera per SA scadrà a mezzanotte?



A partire da giovedì, non ci saranno più normative ufficiali Covid-19 che disciplinino l’uso della mascherina in uno spazio pubblico al chiuso e restrizioni sugli assembramenti.

Questo poiché l’estensione di 30 giorni delle normative Covid-19 dovrebbe scadere mercoledì a mezzanotte.

periodo di 30 giorni

Durante il suo discorso alla nazione il 4 aprile 2022, il presidente Cyril Ramaphosa ha annunciato la fine dello stato di disastro nazionale per quanto riguarda il Covid-19.

Il presidente ha affermato che alcune “disposizioni transitorie” relative all’uso della maschera e agli assembramenti rimarranno in vigore per un periodo di 30 giorni. Ciò per consentire l’entrata in vigore di nuove norme sanitarie in termini di legge sanitaria nazionale.

LEGGI ANCHE: Ramaphosa pone fine allo stato di disastro nazionale

Il processo per il commento pubblico sulla bozza dei regolamenti sanitari si è concluso il 24 aprile 2022 e il governo deve ancora rilasciare le osservazioni al pubblico.

Annuncio imminente

Avvicinato per un commento sulla questione, ha detto il portavoce del dipartimento sanitario Foster Mohale Il cittadino il dipartimento era a conoscenza della scadenza del periodo di 30 giorni delle misure transitorie.

Ha detto che il governo farà presto un annuncio pubblico sulla questione mercoledì.

“Faremo un annuncio pubblico da qui a mezzanotte su come continueremo a gestire la pandemia e altre condizioni mediche soggette a notifica”, ha detto Mohale in un messaggio WhatsApp.

Ha insistito sul fatto che non ci sarebbero “lacune in termini di strumento giuridico per gestire la pandemia”.

Secondo il gruppo di lobby AfriForum, a meno che il governo non faccia un altro dei suoi annunci a tarda notte, a nessuno sarebbe richiesto di indossare una maschera in uno spazio pubblico al chiuso o di aderire alle restrizioni sugli assembramenti da giovedì.

Misure transitorie

Le misure transitorie non richiedono l’uso di mascherine quando si è all’aperto.

Tuttavia, sia i locali interni che quelli esterni possono occupare fino al 50% della loro capacità senza alcun limite massimo, a condizione che per l’ingresso sia richiesta una prova di vaccinazione o un test Covid non più vecchio di 72 ore.

Laddove non sia prevista la prova della vaccinazione o un test Covid, rimarrebbe l’attuale limite massimo di 1.000 persone al chiuso e 2.000 all’aperto.

Sono rimaste in vigore anche le disposizioni vigenti in materia di viaggi internazionali, come la prova della vaccinazione o un test PCR negativo.

DA chiede chiarezza

Allo stesso tempo, l’Alleanza Democratica (DA) ha chiesto passi chiari su ciò che la strada da percorrere comporterebbe vista l’imminente scadenza delle norme sanitarie transitorie.

Il deputato del procuratore distrettuale e portavoce per la salute, Michele Clarke, si è lamentato del fatto che il ministro della Salute Joe Phaahla e il suo dipartimento avevano 12 giorni per elaborare e analizzare le oltre 300.000 richieste prima della scadenza di giovedì.

Clarke ha detto che il dipartimento sanitario doveva ancora fornire al procuratore distrettuale una copia di tutte le richieste presentate o fornito una ripartizione del loro metodo di analisi.

“Dobbiamo conoscere lo stato delle bozze di regolamenti sanitari. Il Paese ha sofferto abbastanza negli ultimi due anni e merita di sapere cosa ci aspetta”, ha affermato in una nota.

Il procuratore distrettuale ha anche chiesto un feedback sull’audit richiesto in merito alle affermazioni secondo cui alcune richieste erano andate perse a causa di un problema tecnico.

Compilato da Thapelo Lekabe e Kgomotso Phooko.

ORA LEGGI: ​​Phaahla difende le proposte di legge sulla salute

Leave a Reply

Your email address will not be published.