L’Ucraina era: la Russia raddoppia nel nord-est, la nuova via navigabile polacca, il tribunale per i “crimini di guerra”.

1. Raddoppio della Russia dopo l’avanzata dell’Ucraina

Le truppe russe stanno allestendo una nuova linea difensiva nell’Ucraina nord-orientale mentre le truppe di Kiev continuano la loro offensiva.

In un aggiornamento quotidiano dell’intelligence, il ministero della Difesa britannico (MoD) ha affermato che la linea sarà probabilmente tra il fiume Oskil e Svatove, a circa 150 chilometri da Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina.

“La Russia probabilmente considera importante mantenere il controllo di questa zona perché è transitata da una delle poche rotte principali di rifornimento che la Russia controlla ancora dalla regione russa di Belgorod”, ha affermato il Ministero della Difesa.

“La Russia tenterà probabilmente di condurre una difesa ostinata di quest’area, ma non è chiaro se le forze russe in prima linea abbiano riserve sufficienti o morale adeguato per resistere a un altro assalto ucraino concertato”, ha aggiunto.

La nuova posizione difensiva delle forze russe arriva dopo una rapida controffensiva ucraina, che ha aperto un buco nella vecchia linea del fronte durante la guerra, consentendo a Kiev di riconquistare vaste aree di terra nella regione nord-orientale di Kharkiv al confine con la Russia.

L’Ucraina continua a premere nel territorio un tempo detenuto dalla Russia, dopo aver lanciato l’offensiva una settimana fa.

Kharkiv fu catturata dalla Russia all’inizio della guerra e da allora è rimasta nelle mani dei russi.

leggi di più:

2. fosse comuni di Izium: la presidenza dell’UE vuole il tribunale per i crimini di guerra

La Repubblica ceca, che attualmente detiene la presidenza di turno dell’UE, ha convocato sabato un tribunale internazionale per i crimini di guerra, in seguito alla scoperta di centinaia di corpi torturati in Ucraina.

Circa 450 tombe sono state scoperte alla periferia di Izium, una città nell’Ucraina orientale, riconquistata dalle forze russe la scorsa settimana.

Quasi tutti i corpi hanno mostrato segni di morte violenta, mentre alcuni di quelli riesumati dalle fosse comuni sono stati trovati con delle corde al collo, secondo le autorità ucraine.

“Nel 21° secolo, tali attacchi alla popolazione civile sono impensabili e atroci”, ha dichiarato su Twitter il ministro degli Esteri ceco Jan Lipavsky. “Non dobbiamo ignorarlo. Siamo per la punizione di tutti i criminali di guerra”.

Il ministro ha chiesto la rapida creazione di un tribunale internazionale speciale per indagare su questo “crimine di aggressione” e per “perseguire” i responsabili.

La Russia ha negato di aver commesso crimini di guerra e di aver preso di mira i civili in Ucraina.

La Repubblica Ceca, un ex paese comunista, ha accolto circa 400.000 rifugiati ucraini e ha fornito aiuti militari a Kiev per un valore di circa 150 milioni di euro dall’inizio della guerra a febbraio.

3. La Polonia apre un nuovo corso d’acqua per rompere la dipendenza dalla Russia

Sabato i leader polacchi hanno celebrato l’apertura di un nuovo canale, anche se incompiuto, il che, secondo loro, significherà che le loro navi non dovranno più ottenere il permesso della Russia di salpare dal Mar Baltico verso i porti della Laguna della Vistola.

L’evento è stato programmato per celebrare 83 anni dall’invasione sovietica della Polonia durante la seconda guerra mondiale. Aveva lo scopo di dimostrare simbolicamente che l’opinione di Mosca sull’economia e lo sviluppo dell’area, al confine con l’exclave di Kaliningrad controllata dai russi, era finita.

Il governo afferma che il corso d’acqua conferisce alla Polonia la piena sovranità nella regione nord-orientale, che ha bisogno di investimenti e sviluppo economico.

“L’idea era di aprire questo corso d’acqua e di non dover più chiedere il permesso a un paese che non è amico e le cui autorità non esitano ad attaccare e sottomettere gli altri”, ha affermato il presidente polacco Andrzej Duda.

Ha detto che l’investimento si ripagherà attraverso l’aumento del valore della terra circostante, attraverso lo sviluppo delle città e dei porti della laguna grazie all’aumento del commercio, degli affari e del turismo.

Il canale, costruito con un costo di quasi 2 miliardi di zloty (419 euro), attraversa la Vistola Spit, a est di Danzica, per consentire alle navi di salpare dal Mar Baltico verso Elblag e i porti più piccoli della laguna, senza bisogno del permesso di viaggiare attraverso lo stretto di Pilava in Russia. Inoltre, riduce di circa 100 chilometri la rotta dal Baltico a Elblag.

Tuttavia, le navi mercantili non possono utilizzare il passaggio fino a quando l’approccio al porto di Elblag non sarà approfondito a 5 metri. L’opera dovrebbe costare 100 milioni di zloty (20 euro), anche se ci sono state alcune polemiche in Polonia sulla spesa del progetto.

leggi di più:

4. L’Ucraina riceve 1,5 miliardi di euro in nuovi aiuti finanziari statunitensi

Sabato il primo ministro ucraino Denys Shmyhal ha ringraziato gli Stati Uniti per il loro sostegno dopo che l’Ucraina ha ricevuto ulteriori 1,5 miliardi di euro in assistenza finanziaria internazionale.

“Il bilancio statale dell’Ucraina ha ricevuto una sovvenzione di $ 1,5 miliardi. Questa è l’ultima tranche di $ 4,5 miliardi di aiuti dagli Stati Uniti dal @WorldBank Trust Fund”, ha twittato Shmyhal.

Ha detto che i fondi sarebbero stati utilizzati per rimborsare le spese di bilancio per i pagamenti delle pensioni e i programmi di assistenza sociale.

Oltre agli aiuti finanziari per mantenere a galla lo stato ucraino, gli Stati Uniti – insieme ai loro alleati occidentali – hanno fornito a Kiev miliardi di assistenza militare.

Da gennaio 2021, gli Stati Uniti hanno impegnato oltre 13,5 miliardi di dollari in aiuti alla sicurezza all’Ucraina, secondo il dipartimento della difesa del paese.

L’equipaggiamento fornito dagli Stati Uniti è cambiato mentre l’invasione russa è continuata. Originariamente, gli Stati Uniti. ha fornito munizioni anti-corazza e antiaeree, inclusi i sistemi Javelin e Stinger.

Dopo che l’esercito ucraino ha respinto i russi da Kiev e la Russia si è concentrata sull’Ucraina orientale, la situazione è cambiata verso pezzi di artiglieria e altre armi servite dall’equipaggio.

5. “Ogni minuto è troppo lungo”: Biden incontra le famiglie dei prigionieri statunitensi

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha incontrato venerdì i membri della famiglia del mago del basket Brittney Griner e Paul Whelan, nel suo primo incontro faccia a faccia con i loro parenti.

In una dichiarazione dopo gli incontri, che si sono tenuti separatamente, l’addetta stampa della Casa Bianca Karine Jean-Pierre ha detto che Biden ha sottolineato alle famiglie il suo “continuato impegno” per riportare la coppia “a casa sana e salva”.

“Ehi [Biden] chiesto del benessere di Elizabeth e Cherelle e delle loro rispettive famiglie durante questo periodo doloroso”, ha detto Jean-Pierre. “Il presidente ha apprezzato l’opportunità di conoscere meglio Brittney e Paul da coloro che li amano di più e ha riconosciuto che ogni minuto sono trattenuti è un minuto di troppo.

I negoziati tra Russia e Stati Uniti restano fermi e non hanno raggiunto alcuna svolta.

Venerdì scorso, John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, ha affermato che la Russia non ha risposto a quella che secondo lui era un’offerta sostanziale e seria da parte degli Stati Uniti per garantire il rilascio di Griner e Whelan.

“Il presidente non ha intenzione di mollare”, ha detto Kirby ai giornalisti. “È fiducioso che questo rimarrà in prima linea nella sua mente e nella mente della sua squadra, e continueranno a lavorare il più duramente possibile”.

Griner è detenuto in Russia da febbraio con l’accusa di droga. È stata recentemente condannata il mese scorso a nove anni di carcere.

Whelan sta scontando una condanna a 16 anni per accuse legate allo spionaggio che lui e la sua famiglia ritengono false. Gli Stati Uniti. il governo afferma che entrambi sono stati detenuti ingiustamente in quelli che sono casi politici.

leggi di più:

Leave a Reply

Your email address will not be published.