Thomas Myler accusato di omicidio per l’accoltellamento a Brisbane di Levi Johnson, Kyle Martin in fuga

L’ultimo sospetto ricercato in relazione a un accoltellamento mortale a Brisbane è ancora in fuga dopo che un terzo uomo è stato accusato in relazione all’attacco “orribile”.

La polizia ha intensificato la ricerca di Kyle Martin, 24 anni, ricercato per il presunto omicidio di Levi Johnson.

Johnson, 23 anni, sarebbe stato accoltellato a morte dopo essere stato attaccato lunedì nel parcheggio della palestra di Mansfield su Pine Mountain Rd.

Quattro uomini avrebbero fatto irruzione nella sua auto con un piede di porco prima che due di loro lo inseguissero dall’altra parte della strada, dove sarebbe stato accoltellato più volte al petto.

Johnson è morto sulla scena.

La scorsa settimana gli investigatori della polizia del Queensland hanno arrestato e accusato Luke Thomas Moore e Stuart Galloway, entrambi di 34 anni, con un conteggio di omicidio ciascuno.

Gli investigatori venerdì sera hanno arrestato un terzo uomo in relazione al presunto omicidio di Johnson.

La polizia ha messo alle strette Thomas Myler, 35 anni, e una donna di 31 anni durante un raid in una casa a Wellington Point, nella zona est di Brisbane, dopo essere stata avvertita dal pubblico.

Un elicottero della polizia aveva rintracciato un veicolo dall’indirizzo a una proprietà a Chandler, dove si presume che la coppia abbia seppellito una serie di armi da fuoco prima di riportare il veicolo alla casa di Wellington Point.

La polizia ha detto di aver perquisito entrambe le proprietà e presumibilmente sequestrato una serie di armi da fuoco.

Myler è stato accusato di un conteggio di omicidio (criminalità organizzata grave) e avrebbe dovuto comparire presso la Brisbane Magistrates Court sabato mattina.

La donna, ritenuta la ragazza di Myler, è stata interrogata dagli investigatori per determinare se lei o chiunque altro fosse coinvolto nell’aiutarlo a nascondersi dalla polizia.

La polizia continua a fare appello a Martin affinché li contatti e si presenti, e al pubblico per informazioni sulla sua ubicazione.

Il sovrintendente investigativo della polizia del Queensland Andrew Massingham ha affermato che il presunto omicidio di Johnson, che è stato catturato da dashcam e filmati delle telecamere a circuito chiuso, è stato un reato “orribile” e “brutale”.

“Considero ciascuno di questi individui altrettanto pericoloso”, ha detto ai giornalisti venerdì sera dopo l’arresto di Myler.

Il signor Massingham ha affermato di ritenere che il tempo stesse “sta rapidamente scadendo per” Martin, che si ritiene si nasconda a livello locale.

Il signor Massingham ha detto che le autorità erano in allerta nel caso in cui Martin avesse tentato di fuggire dall’interstatale.

“Ne abbiamo tre in custodia. Sono fiducioso che nei prossimi giorni saremo in grado di mettere in custodia il quarto”, ha detto Massingham.

La polizia ha esortato chiunque veda Martin a non avvicinarsi a lui e a chiamare invece immediatamente il triplo 0.

L’indagine continua.

Originariamente pubblicato come Terzo uomo accusato di omicidio per l’accoltellamento di Brisbane, ultimo sospetto in fuga

Leave a Reply

Your email address will not be published.