Stabilimento vedanta foxconn: il sito dell’impianto di semiconduttori Vedanta-Foxconn nel Gujarat probabilmente sarà completato in 2 settimane: ufficiale

Vedanta e Foxconn hanno assunto esperti che stanno valutando possibili posizioni per il loro prossimo impianto di semiconduttori in Gujarat e un sito potrebbe essere finalizzato nelle prossime due settimane, ha affermato il segretario del dipartimento di scienza e tecnologia del Gujarat Vijay Nehra. Finora, la società di joint venture non ha finalizzato la posizione poiché stanno valutando vari siti in Gujarat sulla base di aspetti tecnici, fattibilità commerciale e connettività per installare il semiconduttore e un’unità di fabbricazione di display nello stato, ha detto Nehra a PTI.

Nel più grande investimento aziendale mai realizzato nella storia dell’India indipendente, una joint venture di Vedanta e Foxconn aveva firmato il 14 settembre un Memorandum of Understanding (MoU) con il governo del Gujarat per investire 1.54.000 crore di Rs per avviare l’impianto in lo stato.

Nehra aveva firmato il protocollo d’intesa a nome del governo statale.

“Vedanta e Foxconn hanno assunto esperti del settore che stanno valutando possibili siti per il prossimo impianto in Gujarat. In precedenza stavano valutando più siti in diversi paesi. Nel dicembre 2021, quando il Centro aveva annunciato la ‘India Semiconductor Mission’, hanno iniziato a cercare siti in diversi stati dell’India (e poi selezionato Gujarat)”, ha detto Nehra.

I promotori stanno ora valutando i siti in Gujarat in base a diversi aspetti tecnici, fattibilità commerciale, connettività e punto di vista dell’utilità, ha affermato Nehra, aggiungendo che il sito potrebbe essere finalizzato nelle prossime due settimane.

“Ci sono molte piccole cose da tenere a mente durante la scelta del sito. Ad esempio, il processo di produzione può essere influenzato dalle vibrazioni dei treni in transito. Non devono esserci vibrazioni vicino all’impianto. Interruzione anche di una il secondo in un anno può comportare una perdita di milioni di rupie”, ha detto.

Scopri le storie di tuo interesse



È probabile che il progetto ottenga enormi sussidi e incentivi, come l’imposta di bollo zero sull’acquisto di terreni e acqua ed elettricità sovvenzionate, nell’ambito della “Politica dei semiconduttori del Gujarat 2022-27” annunciata dal governo statale nel luglio di quest’anno.

Il Gujarat è diventato il primo stato del paese ad avere una politica così dedicata per il settore della fabbricazione di semiconduttori e display, ha affermato in precedenza un funzionario governativo.

Mentre annunciava la politica, il governo del Gujarat aveva annunciato che istituirà “Dholera Semicon City” nella regione di investimento speciale di Dholera vicino ad Ahmedabad per attirare gli investitori.

In base a questa politica, i progetti ammissibili riceveranno un sussidio del 75% sull’acquisto dei primi 200 acri di terreno per la creazione di unità produttive.

Ai progetti ammissibili sarà fornita acqua di buona qualità al tasso di Rs 12 per metro cubo per i primi cinque anni.

Se l’investitore decide di costruire il proprio impianto di desalinizzazione per uso vincolato nei primi cinque anni, il governo fornirà un sussidio in conto capitale del 50 per cento del costo del progetto, secondo il documento programmatico.

Le unità di produzione ammissibili otterrebbero anche un sussidio per la tariffa dell’energia di Rs 2 per unità per i primi 10 anni dall’inizio della produzione, ha affermato, aggiungendo che tali progetti possono anche richiedere l’esenzione dal pagamento di qualsiasi imposta sull’elettricità.

Per incoraggiare gli investitori nell’ambito della politica, il governo statale ha anche annunciato di rimborsare il 100% dell’imposta di bollo che gli investitori pagherebbero per la prima volta per l’affitto, la vendita o il trasferimento di terreni.

Al fine di rimuovere i colli di bottiglia e fornire rapide autorizzazioni agli investitori, il governo statale istituirà un meccanismo di finestra unico per fornire tutte le approvazioni necessarie da un’unica posizione, afferma il documento politico.

Poiché l’alimentazione ininterrotta è fondamentale per tali progetti, il governo fornirà o faciliterà “un’adeguata ridondanza nella rete elettrica per garantire un’alimentazione di qualità per un funzionamento regolare”.

La politica garantisce inoltre che il governo “svilupperà un’adeguata distribuzione dell’acqua per garantire che l’acqua trattata venga consegnata al progetto ammissibile”.

Rimani aggiornato sulla tecnologia e sulle novità di avvio che contano. Iscriviti alla nostra newsletter quotidiana per le ultime e imperdibili notizie tecnologiche, consegnate direttamente nella tua casella di posta.

Leave a Reply

Your email address will not be published.