I Lions si preparano per un duro tour europeo di tre partite



I Lions sperano in una migliore fortuna mentre si dirigono all’estero per un duro tour di tre partite nel Regno Unito, dopo aver iniziato la loro stagione dello United Rugby Championship (URC) con una deludente sconfitta per 31-15 contro i Bulls a Ellis Park lo scorso fine settimana.

Giocheranno due partite in Galles nelle prossime due settimane contro Ospreys e Cardiff, prima di dirigersi verso la Scozia dove affronteranno Edimburgo.

LEGGI ANCHE: Andries Coetzee è entusiasta di essere tornato con i Lions

La scorsa stagione i Lions hanno giocato tutte e tre le squadre in casa e sono stati fortunati a giocare con due squadre durante il Sei Nazioni 2022, il che significava che erano senza le loro nazionali, il che li ha aiutati a battere Cardiff 37-20, Ospreys 45-15 ed Edimburgo 15- 9.

Ma questa stagione sarà molto diversa con tutte e tre le squadre in casa e con il loro completo schieramento di nazionali.

“Penso che il più grande apprendimento dal nostro viaggio all’estero lo scorso anno sia stato che probabilmente giocherai contro oltre 10 nazionali. Quindi la loro comprensione della gestione del gioco, della disciplina e della gestione del gioco è di prim’ordine”, ha ammesso l’allenatore dei Lions Ivan van Rooyen.

“Quindi non puoi permetterti di commettere errori semplici come abbiamo fatto contro i Bulls, regalando loro tre punti facili per dare slancio. Quindi dobbiamo essere molto più clinici in termini di gestione del gioco, specialmente contro queste tre squadre.

“Gli falchi pescatori hanno una manciata di giocatori britannici e irlandesi Lions nella loro spina dorsale. Il Cardiff è una squadra tosta ed Edimburgo ti minaccerà con la velocità di gioco e un gioco d’attacco massiccio. Così più o meno negli ultimi 20/25 minuti è l’area in cui dobbiamo essere perfettamente puliti nelle prossime tre settimane”.

Condizioni diverse

I Lions dovranno anche fare i conti con condizioni diverse, che hanno vissuto nel Regno Unito la scorsa stagione, e dovranno anche fare i conti con lo scivoloso campo 4G su cui giocheranno un paio di partite.

“La seconda e la terza partita sono contro Cardiff ed Edimburgo sul 4G (campo). Non direi che è nuovo ma è molto diverso da Ellis Park. Tu giochi in modo leggermente diverso laggiù, l’abbiamo sperimentato la scorsa stagione”, ha spiegato Van Rooyen.

“Le mischie sono un po’ più alte, il gioco tende ad essere un po’ più veloce, il gioco dei calci è un po’ diverso perché lì rimbalza in modo diverso.

“Abbiamo imparato alcune buone lezioni da Scarlets l’anno scorso. Quella è stata la prima squadra gallese contro cui abbiamo giocato. Ma penso anche che giocando a Ospreys e Cardiff qui abbiamo imparato molto da quei giochi. Quindi siamo entusiasti di andare in Galles per due settimane e poi in Scozia”.

Leave a Reply

Your email address will not be published.