Socceroos: Jamie Maclaren pronto a sparare ai Mondiali

Un ripensamento della Coppa del Mondo quattro anni fa, l’attaccante dei Socceroos Jamie Maclaren è determinato a fare di più che fare solo i numeri al Qatar 2022.

Sette gol in 10 presenze nella riuscita campagna di qualificazione dei Socceroos per la Coppa del Mondo di quest’anno hanno il 29enne tiratore scelto del Melbourne City più che fiducioso nella sua capacità di guidare la linea d’attacco dell’Australia quando il torneo inizierà a novembre.

Tuttavia, è stata una storia diversa nel 2018 sotto l’allora allenatore dei Socceroos, l’olandese Bert van Marwijk.

Maclaren è stato inizialmente escluso dalla squadra preliminare di Socceroos per il torneo in Russia ed è andato in vacanza a Dubai.

Tuttavia. Le preoccupazioni per la forma fisica dell’attaccante Tomi Juric hanno portato Maclaren a essere convocato fuori dalla spiaggia e al campo di Socceroos, da dove è stato scelto nella squadra di 23 uomini del torneo australiano.

Tuttavia, è stato confinato in panchina e non ha avuto tempo di gioco per le tre partite del Gruppo C dei Socceroos contro Francia, Danimarca e Perù.

“Ricordo che la telefonata è stata interrotta e poi ovviamente ho scoperto che dovevi tornare e sei quasi sotto processo, e questo ha spinto dentro di me ad avere quella motivazione e quella fame di entrare e mostrare davvero che volevo essere in quella squadra della Coppa del Mondo 2018 “, ha detto Maclaren.

“Alla fine sono stato scelto e le sensazioni non si possono spiegare. Sei cresciuto da bambino con la voglia di andare a una Coppa del Mondo e dire che ci sei stato è fantastico, ma mi sono sentito più coinvolto in questa campagna.

“Per me, si tratta di calciare”.

Maclaren ha detto che la “fede” e la “credenza” dell’allenatore dei Socceroos Graham Arnold in lui gli hanno dato fiducia che avrebbe fatto di più che scaldare la panchina in Qatar, a condizione che prendesse forma per la Coppa del Mondo.

“(Arnold) mi ha detto ‘se segnerai gol sarai nella mia squadra, sia che arrivi dalla panchina che dall’inizio delle partite’.

“Devo solo avere la mentalità che ogni volta che metto piede in campo, sia dall’inizio che dalla fine, per dare il massimo,

“E’ sempre un onore, combatti per essere scelto, non ti basta schioccare le dita e sorprendentemente vieni scelto in nazionale. Devi guadagnare quelle convocazioni e io non sono diverso”.

L’ex macchina da gol del Brisbane Roar tornerà al suo vecchio campo di casa, il Suncorp Stadium, giovedì sera, quando i Socceroos ospiteranno la Nuova Zelanda nella prima di una serie di due partite tra i rivali trans-Tasman.

“Ho passato dei bei momenti al Suncorp Stadium”, ha detto Maclaren.

“Adoriamo giocare davanti ai nostri tifosi di casa. Non abbiamo avuto il lusso di farlo (spesso) negli ultimi due anni. Quando ottieni quella (possibilità), non la dai per scontata.

Originariamente pubblicato come tiratore scelto di Socceroos Jamie Maclaren grato per la “fede” mostrata in lui da Graham Arnold

Leave a Reply

Your email address will not be published.